Cerca

#stiamoincontatto, Bergamo atto terzo con due ospiti speciali: Roberto Spagnolo e l'Assessore Martina Cambiaghi

Capoferri Giovanni3

Giovanni Capoferri, Delegato di Bergamo

Terzo appuntamento per la Delegazione di Bergamo nell'iniziativa #stiamoincontatto, che da settimane ormai aggrega sulla piattaforma Zoom Meetings le diverse società delle province della Lombardia tra cui anche quella orobica. Nell'incontro di mercoledì sera, anche due ospiti d'eccezione per il presidente Giovanni Capoferri: Roberto Spagnolo, direttore operativo dell'Atalanta, e Martina Cambiaghi, Assessore allo Sport e Giovani della Regione Lombardia. Il tema principale, anche per la presenza delle istituzioni, è stato ( come settimana scorsa: clicca qui per il resoconto) quello economico, ma non solo. Giovanni Capoferri ha dato i risultati del sondaggio proposto dal Comitato Regionale per la sospensione definitiva dei campionati e infine Paolo Donini, presidente degli arbitri della Sezione di Bergamo, ha condotto una parte regolamentare sul fallo di mano. A dare il "via" alla videoconferenza, dopo la solita premessa di Capoferri e il momento di raccoglimento per le persone che anche questa settimana hanno perso la vita, è stato Roberto Spagnolo, che ha portato il suo saluto: « Mi fa piacere potervi salutare in un momento così difficile per Bergamo e per i bergamaschi, ma so di che pasta siamo fatti e sono certo che ne usciremo: questa esperienza ci farà diventare più forti. Troppe persone ci hanno lasciato, ed è proprio per rispetto verso queste persone che hanno dato tanto per questo movimento che bisogna tenere duro». Subito dopo la "call" è entrata nel vivo con Martina Cambiaghi: « Noi come Regione e assessorato stiamo ascoltando tutto il mondo sportivo lombardo, che a differenza di altre regioni ha subito fin da subito gravi conseguenze per questa epidemia. Siamo stati i primi in assoluto a chiudere le attività, ancora oggi non sappiamo quando potremo tornare a fare sport e quando gli impianti potranno riaprire al pubblico: dipende tutto dall’andamento dell’epidemia stessa. La mia vicinanza a tutto il sistema sportivo è assoluto, ora più che mai l'ascolto è fondamentale perché solo capendo le reali necessità potremmo mettere in atto le giuste misure. Prevediamo di uscire a breve con un bando a sostegno delle società e delle associazioni sportive semplice e meno burocratico possibile, i fondi magari saranno esigui ma possono essere boccata d’aria per chi ha mutui, affitti, costi di segreteria e di ragioneria nonostante non vi siano entrate. Stiamo per siglare un accordo con l'Istituto per il Credito Sportivo per avere mutui a tasso agevolato o tasso zero. Stiamo anche preparando un bando per la riqualificazione degli impianti sportivi con un contributo a fondo perso della Regione. Ci rendiamo conto che la situazione è tragica, cercheremo di venirvi incontro il più possibile. Dobbiamo riuscire a fare sistema per presentarci con richieste precise al Governo». L'intervento non ha rassicurato i partecipanti alla call-conference, quasi 200, con il Consigliere del CRL Dario Silini che ha fatto alcune richieste specifiche all'Assessore: « Le chiedo di considerare i tesserati di Figc e Csi come numero totale e non separato, altrimenti qualche piccola società potrebbe andare in difficoltà. In secondo luogo di tenere conto dei costi delle sanificazioni che eventualmente verranno chieste: sarebbe bene che fossero a carico dei Comuni. Infine, un appello: all'inizio di questa emergenza abbiamo vissuto momenti difficili e caotici, c'è stata molta confusione, che ci serva da lezione: in casi del genere è necessaria una regìa della Regione e del Coni per sapere come comportarsi. Sperando che non ci sia una prossima volta». [caption id="attachment_212136" align="aligncenter" width="900"] Martina Cambiaghi, Assessore allo Sport e Giovani di Regione Lombardia Martina Cambiaghi, Assessore allo Sport e Giovani di Regione Lombardia[/caption] Il tema poi si è spostato sul discorso campionati, con Giovanni Capoferri che ha comunicato l'esito del sondaggio del Comitato Regionale sulla sospensione definitiva dei campionati per la stagione 2019-2020. Hanno votato 208 società su 212: 193 hanno dato il proprio ok alla sospensione, 15 si sono dette disponibili (ovviamente solo nel caso in cui ci siano tutte le tutele sanitarie per riprendere) a riprendere. Così la Cambiaghi: « Seguiremo le indicazioni date dal sistema della sanità, che non riguarderà solo l'ambito sportivo ma anche quello della vita di tutti i giorni. L'obiettivo è quello di tornare a praticare sport nella maniera più sicura possibile». Infine, prima della parte sul regolamento del calcio illustrata da Paolo Donini, l'ormai consueta parentesi sui corsi online per il patentino allenatori con Pelizzari della Fara Olivana che prova a smuovere le acque: « Visto che è periodo di sondaggi, perché non chiedere alle società se sono soddisfatte di questi corsi? Oppure, perché non chiederci se il Settore Giovanile è strutturato in maniera adeguata?». Da parte dei dirigenti, la risposta di sempre: « Sui corsi allenatori ci stiamo battendo da anni ma il Settore Tecnico non si muove». Poi, la richiesta particolare di Luca Valtulina del Carvico: « Non si possono bloccare le rose di quest'anno e riproporle anche nella prossima stagione? Alcune società avranno problemi economici e difficoltà a tenere i giocatori, che a loro volta avranno richieste da società con più capacità economica che alzeranno la posta e i calciatori andranno da una parte all’altra. E poi, non sarebbe opportuno bloccare i fuoriquota?». Ovviamente, la risposta è negativa: « Bloccare le rose è impossibile, sui fuoriquota decideremo tutti insieme». [caption id="attachment_212137" align="aligncenter" width="900"] Paolo Donini, Sezione di Bergamo Paolo Donini, Sezione di Bergamo[/caption] Nel frattempo la Delegazione ha portato avanti alcune iniziative. Capoferri ha infatti ringraziato le società che hanno deciso di lasciare all' Unione Nazionale Veterani dello Sport le quote di iscrizione già versate del Torneo Ruggeri, che sono state devolute al Papa Giovanni XXIII di Bergamo: sono stati raccolti 5mila euro. Il Delegato ha poi invitato le società ha inviare le iniziative che stanno portando avanti con i ragazzi per poterle poi pubblicare per dare visibilità e merito alle attività che le società stanno portando avanti anche in un momento così difficile.

SPRINT-SOLIDALE – 3 MESI GRATIS


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo  store digitale. Abbiamo attivato la sezione  PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400