Cerca

San Tomaso, i rossoblù ripartono sfruttando tutte le risorse: Bonaita, Mayer, Santoro e i tecnici

San Tomaso Under 19
Ottimizzazione delle risorse. È questa la parola d’ordine nel San Tomaso, squadra di Bergamo che anche quest’anno, seppure tra le molteplici difficoltà legate all’emergenza Covid, è riuscita a ripartire dopo avere interrotto tutto. Sono stati riconfermati i quadri societari, gli allenatori dell’attività agonistica e quelli della Scuola Calcio. E molti, se non tutti, sono infatti impegnati in più ruoli, a partire dallo stesso presidente Paolo Bonaita, che non solo riveste la carica più alta, ma che è anche dirigente accompagnatore negli Under 16 e non manca mai alle partite della Prima Squadra. Prima Squadra che nel San Tomaso, come per tutte le altre categorie, paga la sua quota di iscrizione. Una delle poche società in Lombardia, come ha voluto sottolineare il vice presidente Giacomo Mayer, che fa pagare anche ai giocatori della Prima. Proprio il vice presidente è impegnato anche lui come allenatore della Scuola Calcio, mentre Antonio Santoro ricopre il duplice ruolo di Direttore Sportivo e allenatore dei Pulcini 2011. Passando all’attività agonistica in panchina con i ragazzi della Prima Squadra ci sarà ancora Roberto Lussana, già con loro dallo scorso Natale dopo aver lasciato gli Allievi rossoblù. Scendendo di categoria a guidare gli Under 19 ci sarà Daniele Mayer, non solo allenatore, ma anche giocatore della Prima Squadra. Il tecnico dell’Under 17 sarà invece Manuel Sonzogni, mentre l’allenatore degli Under 16 sarà Matteo Gualini, l’anno scorso impegnato con il suo gruppo nel CSI e anche lui giocatore della Prima Squadra, così come Giovanni Maffioletti, tecnico degli Under 15. A completare poi l’organico del San Tomaso ci sono le squadre del CSI: i Giovanissimi guidati da Santiago Romero, gli Esordienti allenati da Giovanni Merighi e le due squadre di Pulcini. Detto di Santoro che allenerà i 2011, al tecnico Federico Prandi sono stati affidati i 2012. I rossoblù, che hanno dovuto chiedere un piccolo sforzo economico per le mancate entrate derivanti dalle feste societarie, hanno già ricominciato gli allenamenti a tutti i livelli nonostante la situazione complicata, ma anche durante il lockdown la dirigenza e gli allenatori si sono riuniti dopo un mese in un consiglio direttivo attraverso l’applicazione Zoom e non si sono tirati indietro. Anzi sono stati a fianco dei loro atleti facendo diverse videoconferenze e scrivendo una lettera rivolta proprio ai ragazzi e ai loro genitori per rassicurarli sulla ripresa delle attività in conformità con le norme anti-Covid, per dire che nonostante tutto comunque il San Tomaso c’è e ci sarà.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400