Cerca

College Life Italia, Gomes: "Come sono arrivato in USA"

College Life Italia - La storia di Elluan

College Life Italia - La storia di Elluan

College Life Italia - Elluan è un ragazzo che aveva un sogno: studiare e giocare a calcio in America: con College Life Italia è riuscito a trasformarlo in realtà e questa è la sua esperienza. Ad agosto 2019 Elluan Martins Gomes, classe ’99, festeggerà il suo primo anno negli Stati Uniti, ad Arkansas City, dove studia giocando a calcio al Cowley County Community College, completando così la sua istruzione dopo essersi diplomato in Italia in amministrazione finanze e marketing. La sua è una storia particolare eppure comune allo stesso tempo, come tutte quelle che riguardano i ragazzi che entrano a far parte del programma di College Life Italia: ragazzi provenienti da contesti ed esperienze diverse, ma che condividono tutti lo stesso sogno. Ecco la storia di uno di loro, Elluan Martins Gomes, uno che, grazie a College Life Italia ha la possibilità di non limitarsi a fantasticare, ma di vivere e realizzare proprio quel sogno, adesso. [caption id="attachment_162124" align="aligncenter" width="970"] Calcio e studio negli Usa con College Life Italia e SprinteSport Calcio e studio negli Usa con College Life Italia e SprinteSport[/caption] Elluan, la tua storia è particolare: sei nato in Brasile ma ti sei traferito a sei anni in Italia, a Verona. Insomma, sei un viaggiatore fin dalla più tenera età.  “Sì, mi sono sempre definito un cittadino del mondo e sicuramente mi sono sentito agevolato, proprio per questo, nel pensare di trasferirmi nuovamente in un altro paese. Ho sentito il desiderio di cambiare aria, era un momento della mia vita in cui avevo bisogno di compiere un’esperienza del genere, di imparare qualcosa di nuovo. Credo che la mia natura, questo mio far parte di due culture differenti, quella brasiliana e quella italiana, abbia contribuito a  farmi capire fin da giovanissimo quanto sia bello e importante allargare i propri orizzonti. Questo mi ha aiutato, senza dubbio, soprattutto ad integrarmi velocemente. Detto ciò, ovviamente, non credo sia necessario avere il mio trascorso per poter godere appieno di questa esperienza incredibile.” In che modo hai preso la decisione di partire? È stata improvvisa o a lungo meditata? “L’idea di trasferirmi per andare a studiare e giocare a calcio negli Stati Uniti mi è venuta tramite un amico, un mio vecchio compagno di squadra, che aveva fatto la stessa scelta ed era stato aiutato in passato da College Life Italia. Mi ha parlato molto bene di questa associazione, così decisi di intraprendere la stessa strada, partecipando allo showcase a Roma a dicembre e ad agosto mi è stata offerta la possibilità di partire. Sapevo che avrei voluto compiere degli studi che mi permettessero di avere una carriera di livello, per questo ho pensato molto al da farsi. No, non è stata una decisione improvvisa, presa di petto, ci ho ragionato a lungo, insieme alla mia famiglia e da solo. Si tratta pur sempre di una scelta, di un cambiamento molto importante.” [caption id="attachment_166629" align="alignnone" width="900"] College Life Italia - La storia di Elluan College Life Italia - La storia di Elluan[/caption] Arkansas City, Stati Uniti. Un altro mondo, c’è da aspettarsi, rispetto alla tua bella Verona.  “Sì. Le principali differenze riguardano le persone anzitutto. Gli americani tendenzialmente sono un popolo aperto, simile a quello che si vede nei film, io sinceramente mi sono trovato bene fin da subito e anzi dico a tutti: il primo impatto con questa realtà, che può spaventare magari visto da lontano, in realtà non comporta grandi difficoltà. Arrivi qui e sei pieno di adrenalina, di emozione, non vedi l’ora di scoprire, di vivere ogni singolo momento, ansioso di scoprire cosa verrà dopo. Inoltre, cosa importantissima, ti senti bene accolto, così almeno è stato per me. Le difficoltà, nel mio caso, sono emerse invece al quarto mese.” Curioso. Nonostante l’ambientamento già avvenuto? “Sì, proprio per quel motivo. Una volta che mi sono abituato alla nuova vita e alla quotidianità negli States è sorta un po’ di malinconia di casa, la vecchia vita…il cibo! Però è normale, bisogna farci i conti. Un piccolo rovescio della medaglia di un’esperienza che comunque ti cambia l’esistenza senza ombra di dubbio.” [caption id="attachment_166630" align="alignnone" width="900"] College Life Italia - Elluan alle Finals[/caption] Parliamo di calcio: sul campo sei cresciuto in un contesto professionistico, il settore giovanile dell’Hellas Verona. Che tipo di ambiente hai trovato da questo punto di vista in America? “Diverso sicuramente, qui il calcio è molto più fisico, ma non sotto il profilo strutturale, parlo più dell’aspetto atletico, di cardio. Qui non si smette mai di correre. In Italia se stai sotto di due goal la gara rallenta nei ritmi, qui mai, è incredibile. Poi a livello di strutture è un altro livello, personalmente mi ci trovo molto bene. Sono venuto qui con la voglia di vincere, nutrendo anche una speranza per provare a vivere di calcio un domani… vedremo. Io continuo a sognare.” Ma l’Elluan che risponde a queste domande è un ragazzo diverso rispetto a quello che è partito quasi un anno fa? “Sicuramente. Un ragazzo più maturo, consapevole. Devi diventarlo necessariamente quando vivi un’esperienza di questo tipo, non hai più gli amici di una vita o i genitori affianco se vuoi sfogarti; puoi chiamarli, certo, ma non è la stessa cosa. Il coach, i ragazzi di CLI sono sempre disponibili, ma hanno tanti altri ragazzi di cui occuparsi e va da sé che devi aiutarti anche tanto da solo. Io mi sento più indipendente rispetto a prima e questo cambiamento mi ha dato grande soddisfazione.” [caption id="attachment_166631" align="alignnone" width="900"] College Life Italia - Elluan in campo College Life Italia - Elluan in campo[/caption] Il ricordo più bello di questo primo anno in America? “Quando sono arrivato ad agosto io e il mio compagno di stanza abbiamo fatto tante chiacchierate, facendo delle previsioni su che tipo di anno avremmo vissuto. Ricordo che in una di queste occasioni, parlando di calcio, lui mi disse: ‘Noi quest’anno vinciamo il campionato, faremo la storia’ ed è quello che poi è successo. Ricordo bene quella conversazione, quel presentimento comune, ed è questo il mio ricordo più bello ripensandoci adesso. Abbiamo vinto 17 partite di fila, abbiamo fatto le fasi nazionali, abbiamo veramente fatto qualcosa di incredibile per la storia di questo college.” In tutto questo, con il senno di poi, quanto è stato importante incontrare College Life Italia nel tuo percorso di vita? “È stato fondamentale. Mi hanno dato la possibilità di frequentare questo college, fra i migliori quindici degli USA per il calcio. Non mi hanno mai lasciato da solo, siamo rimasti sempre in contatto. So bene che non sarei mai venuto in America senza di loro, hanno rivestito un ruolo cruciale per far sì che il sogno di studiare qui continuando a giocare a calcio diventasse realtà.” [caption id="attachment_162120" align="aligncenter" width="900"] Calcio e studio negli Usa con College Life Italia e SprinteSport Calcio e studio negli Usa con College Life Italia e SprinteSport[/caption]
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400