Cerca

Gli Scomunicati

Un nuovo metodo per "rinfrescare" la terna arbitrale? Sputargli addosso

Quando l'aggressione fisica ai nostri arbitri è diventata routine ci si deve inventare metodi "alternativi". Multe salate e squalifiche del campo scaldano la situazione

Un nuovo metodo per "rinfrescare" la terza? Sputargli addosso

La fine di tutti i campionati si avvicina e nel mentre anche gli animi nei playoff, dove le partite pesano davvero, si scaldano. Proprio per questo Gli Scomunicati tornano con un altro menù ricco con il "meglio" dell'ultimo Comunicato.

PROMOZIONE

Partiamo, in ordine, dal girone B. Risalta per la lunghezza della squalifica la sanzione a Ruben Carini, difensore della Torinese espulso durante la partita per DOGSO (chiara occasione da rete impedita) ma squalificato fino al 2 dicembre 2022. Motivo della sanzione, secondo il Comunicato, «La condotta gravemente irrispettosa nei confronti dell'arbitro, concretizzatasi in un contatto fisico. Il giocatore veniva espulso per Dogso; alla notifica del provvedimento, benché l'arbitro cercasse di evitare il contatto fisico, il Sig. Carini si metteva testa contro testa con il direttore di gara e, dopo averlo insultato, poggiava entrambe le mani sul suo petto e lo spingeva via vigorosamente, facendolo indietreggiare di circa due metri ma senza che cadesse a terra. Il giocatore doveva essere allontanato dal terreno di gioco dai propri compagni di squadra, e nel mentre continuava ad inveire contro l'arbitro».

TORINESE ESPULSIONE
RUBEN CARINI NEL MOMENTO DELL'ESPULSIONE (FOTO CUNAZZA)

La Torinese, che in partita aveva già protestato per l'espulsione diretta di Carini, è pronta già a fare ricorso per la lunga squalifica, poiché ritrova forti incongruenze nella parte in cui si cita il contatto fisico tra il difensore oronero e il direttore di gara. 

Condotta ingiuriosa sia per Fabio Puddu (Rivarolese) che per Daniel Scuelac (Santostefanese), che saranno costretti a saltare 5 giornate ciascuno. Per Puddu la motivazione va ricercata «Nell'aver dapprima a gioco fermo scalciato via il pallone in segno di dissenso, quindi aver proferito espressione blasfema e insulto al direttore di gara, il cui contenuto è da considerarsi al limite del comportamento discriminatorio per condizione personale», mentre per Sculeac si tratta di «Aver dapprima rivolto insulti ad un dirigente avversario e poi, dopo il provvedimento di espulsione, pronunciava un epiteto gravemente offensivo nei confronti del direttore di gara, ribadito nei confronti dell'intera terna arbitrale mentre passava di fronte all'assistente dell'arbitro n.2».

Chiude invece la Valenzana Mado (girone D), sanzionata a livello societario con 100 euro di multa «Per aver permesso l'ingresso nella zona spogliatoi a soggetto in pendenza di squalifica». Si tratta infatti di Fabrizio Scalzi, tecnico alessandrino che «Non presente in distinta in quanto squalificato fino al 16/9/2022 ma successivamente identificato dal direttore di gara, al termine della gara accedeva nell'area spogliatoi rivolgendo insulti alla terna arbitrale». Di fatto Scalzi resterà lontano dai campi fino al 14 ottobre 2022, con l'aggiunta di un mese rispetto alla squalifica precedente. 

PRIMA CATEGORIA

Multa e lunga squalifica tra le fila del Barracuda. 200 euro di ammenda alla società rossoblù per «Il comportamento del proprio pubblico (tra il quale l'arbitro riferisce di riconoscere anche dei Dirigenti non inseriti in distinta), che per tutta la durata della gara protestava in maniera veemente ed insultava il direttore di gara, anche con illazioni sulla sua buona fede». Oltre a ciò da segnalare la squalifica per 5 giornate di Orlando Martini, «Per condotta gravemente irrispettosa nei confronti dell'arbitro, concretizzatasi in contatto fisico. Espulso per somma di ammonizioni, alla notifica del provvedimento disciplinare il giocatore reiterava la propria condotta. Non pago, al termine della partita attendeva il direttore di gara fuori dal recinto di gioco e - mentre questi si dirigeva al proprio spogliatoio - lo strattonava per un braccio, cercando di fermarlo, continuando a protestare ed urlare sino a quando non veniva portato via dai suoi compagni di squadra».

Tocca sorte simile a Nicholas Beltrame della Fulvius, anche lui squalificato per 5 giornate a causa «Della condotta gravemente ingiuriosa nei confronti del direttore di gara. Espulso per eccessive proteste e per aver rivolto un insulto all'arbitro, alla notifica del provvedimento reiterava tale condotta e uscendo dal terreno di gioco rivolgeva nuova espressione ingiuriosa al direttore di gara, il cui contenuto è da considerarsi al limite del comportamento discriminatorio per condizione personale».

SECONDA CATEGORIA

Un finale di gara incandescente quello tra Atletico Alpignano e Moderna Mirafiori, protagoniste del primo turno playoff del girone D di Seconda Categoria. A fine gara, vinta dalla formazione di Torino sud per 2-1 in trasferta, gli animi si sono accesi nei confronti della terna arbitrale, giudicata non all'altezza dai biancorossi padroni di casa.

Leggendo il Comunicato l'Atletico Alpignano non ha solo perso la speranza di salire in Prima Categoria, ma dovrà anche pagare 200 euro di multa e scontare la squalifica del proprio campo per una gara. Motivo di tale sanzione «Il comportamento gravemente oltraggioso e violento dei propri sostenitori. Al termine della partita, alcuni tifosi si avvicinavano alla rete posta a divisione tra terreno di gioco e tribune e, da lì, un gruppo di essi gettava più volte acqua addosso ai componenti della terna, oltre ad insultare e minacciare pesantemente il direttore di gara. Inoltre, un altro gruppo di sostenitori dell'Atletico Alpignano sputava in direzione dell'arbitro, attingendolo alla divisa. La sanzione irrogata tiene conto come fatto violento anche lo sputo diretto agli ufficiali di gara, gesto in ogni caso indegno ed esecrabile, e della complessiva gravità delle condotte segnalate».

Multa assegnata anche al Moderna Mirafiori (100 euro), ma per «Condotta pericolosa dei propri sostenitori, che al minuto 42 del secondo tempo di gioco lanciavano in campo dagli spalti un fumogeno, prontamente rimosso dall'arbitro»

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400