Cerca

Fiorentina Juventus Primavera

Fiorentina-Juventus, prima giornata di Primavera 1

Primavera 1

Fiorentina-Juventus: Chibozo e Turco decidono la partita nel primo tempo, bianconeri corsari al Bozzi all'esordio stagionale

I ragazzi di Andrea Bonatti superano la squadra di Aquilani che cresce nella ripresa, ma paga caro le varie disattenzioni

Parte bene la stagione della Juventus che batte la Fiorentina con le reti di Chibozo su rigore e Turco. Inutile la reazione nel secondo tempo dei viola, in rete dal dischetto con Corradini. Più attenta e concentrata la formazione torinese rispetto ai toscani, bravi con le idee un po' meno nella realizzazione.

Alberto Aquiliani passa alla difesa a quattro con Gentile, Ghilardi, Frison e Kayode ad aiutare Fogli tra i pali. Bianco e Corradini a centrocampo, linea di trequarti composta da Egharevba, Di Stefano e Agostinelli che supportano Munteanu.

Andrea Bonatti risponde con il classico 4-4-2: Senko in porta, da destra a sinistra Savona, Nzouango, Muharemovic e Turicchia. Hasa e Iling saranno le frecce bianconere con al centro Omic e Bonetti e in avanti il tandem Chibozo-Turco.

L'attacco bianconero colpise. Un inizio di gara piacevole nonostante nei primi minuti scarseggiano le chiare occasioni da gol. Qualche sortita offensiva organizzata lungo le fasce per la viola, due tiri dei bianconeri con Chibozo e Hasa rispettivamente centrale e a lato. Una fase di studio prolungata che evidenza il pressing della Juventus che più volte mette in difficoltà la Fiorentina. All'undicesimo si sblocca la gara: sugli sviluppi di un calcio d'angolo allontanato da Ghilardi, Hasa sbuca alle spalle di Di Stefano che involontariamente colpisce il classe 2004 bianconero. Per l'arbitro Andrea Ancora di Roma 1 non ci sono dubbi, calcio di rigore per la Juventus. Dal dischetto si presenta Chibozo che con un rigore esteticamente non perfetto beffa lo stesso Fogli, anch'esso non perfetto coi piedi a respingere con la sfera che si insacca per la prima rete stagionale della Juventus Primavera di Andrea Bonatti. Il gol sposta inevitabilmente l'inerzia a favore dei bianconeri che continuano a mettere pressione alla Fiorentina, scottata dal penalty. Mette la testa fuori dal guscio la squadra di Aquilani verso il 26' quando Frison prova dai venticinque metri un pallonetto ben effettuato, ma Senko con un balzo felino blocca la sfera. Al minuto 35 Chibozo si addormenta in una zona pericolosa ma Munteanu viene recuperato benissimo da Muharemovic. Pochi minuti dopo è una grande diagonale difensiva di Savona che salva la Juve sul tocco ravvicinato di Di Stefano. Al 40' una brutta notizia per la Fiorentina che è obbligata a fare a meno di Munteanu per un problema fisico, al suo posto dalla panchina Aquiliani pesca Toci. Sebbene il possesso palla sia ampiamente a favore dei viola, i bianconeri sembrano molto più capaci e in forma nel gestire le energie e le varie zone del campo nel modo giusto ed è per questo che le occasioni più pericolose sono tutte di marca juventina. Come successo al 44' quando Nicolò Turco con un mancino di pregevole fattura fulmina Fogli che appena un minuto prima era stato molto bravo a deviare una sua conclusione diagonale. 

Crescono i viola. Nella ripresa continuano gli errori di concentrazione per la Fiorentina che spreca tutto ciò di buono fatto palla al piede con svarioni difensivi e in fase di impostazione che rischiano di essere fatali sul risultato di doppio svantaggio. Al minuto 53 episodio dubbio in area bianconera con Agostinelli che frana su Hasa, per l'arbitro tutto regolare mentre Bianco viene ammonito per proteste e Aquilani invitato alla calma qualche istante dopo. Il rigore per la Fiorentina arriva comunque al 65' con il tiro di Toci che finisce sul braccio di Nzouango, almeno questa è l'interpretazione del direttore di gara anche se dai successivi replay sembrava più schiena. Fatto sta che Nzouango viene ammonito e Corradini dagli undici metri spiazza Senko e accorcia le distanze. Bonatti cambia modulo con un 3-5-2 che vede Muharemovic, Citi e Nzouango centrali con Savona e Turicchia più alti, Bonetti sostituisce di fatto Chibozo che è uscito. La Fiorentina si fionda davanti alla ricerca di un 2-2 in zona Cesarini, i rispettivi tecnici provano a mischiare le carte in tavola sebbene le energie mancano da entrambe le parti. L'ultima parte di gara è una fotografia dell'intera prestazione della Fiorentina che attacca in maniera soporifera e poco pericolosa, facendo passare a Senko e compagni pochi palloni da ribattere. Manca di precisione la Fiorentina che stecca l'esordio casalingo consegnando tre punti alla Juventus.

IL TABELLINO

RETI (0-2, 1-2): 12' Chibozo su rigore, 44' Turco, 20' st Corradini su rigore.
FIORENTINA (4-2-3-1): Fogli 6; Gentile 6, Ghilardi 5 (21' st Krastev 6), Frison 6, Kayode 6.5; Bianco 6.5, Corradini 6.5; Egharevba 6, Di Stefano 6.5 (30' st David sv), Agostinelli 6.5 (30' st Petronelli sv); Munteanu 6 (38' Toci 7). A disp. Dainelli, Larsen, Favasuli, Falconi, Gori, Amatucci, Rocchetti, Barducci. All. Aquilani. 6 
JUVENTUS (4-4-2): Senko 6; Savona 6.5, Nzouango 6.5, Muharemovic 6.5, Turicchia 6; Hasa 7 (43' st Mbangula sv), Omic 6.5, Bonetti 6.5 (35' st Galante sv), Iling 5.5; Chibozo 6 (21' st Citi 6), Turco 7 (35' st Maressa sv). A disp. Scaglia, Daffara, Elefante, Rouhi, Doratiotto, Ledonne, Dellavalle, Strijdonck. All. Bonatti 6.5. 
ARBITRO: Ancora di Roma 1 6.5.
ASSISTENTI: Tchato di Aprilia e D'Ascanio di Roma 2.
AMMONITI: Bianco (F), Nzouango e Iling (J)

LE PAGELLE

FIORENTINA
Fogli 6 
Incolpevole sui gol, soffre il pressing avversario ed è costretto a qualche rinvio sbilenco di troppo.
Gentile 6
Si sacrifica molto per bilanciare la difesa, ma la Juve quando attacca crea sempre problemi.
Ghilardi 5
Soffre tanto fino al momento della sostituzione, non una gara da ricordare.
21' st Krastev 6 Cerca di dare lo spunto che manca per il gol del 2-2, non arriva ma rimane un buon ingresso.
Frison 6
Dominante nel gioco aereo, sventa più pericoli possibili.
Kayode 6.5
Spina nel fianco per tutta la gara sulla sua fascia di competenza, molto veloce e intelligente tatticamente.
Bianco 6.5
Solito talento cristallino, bravissimo sia a proporre che a proporsi nella metà campo avversaria. Utile anche in difesa.
Corradini 6.5
Freddissimo dal dischetto, l'ultimo a mollare a centrocampo. Energia da vendere.
Egharevba 6
Buone le idee, un po' meno la precisione sia nell'ultimo passaggio sia in zona gol.
Di Stefano 6.5 
Ingenuo in occasione del rigore subito, gara comunque positiva per quanto fatto vedere. (30' st David sv)
Agostinelli 6 
Assente nel primo tempo, cresce nella ripresa. Qualche dubbio sulla sua sostituzione visto che sembrava avere ancora molto da dare. (30' st Petronelli)
Munteanu 6
Si arrende verso il quarantesimo per un problema muscolare.
38' Toci 7 Prestazione di livello, si conquista il rigore del 2-1 e sostituisce brillantemente Munteanu infortunato.
All. Aquilani 6
I suoi ragazzi sbagliano tanto, ma il tecnico non si scompone e prova a mischiare le carte in tavola. Non è facile rientrare in campo sotto di due gol con un gol verso la fine, ma con la giusta mentalità i suoi accorciano. Mancano l'appuntamento con il pareggio però si vede una crescita.

JUVENTUS
Senko 6
Poco impegnato, spiazzato in occasione del 2-1
Savona 6.5
Protagonista di una diagonale difensa di vitale importanza
Nzouango 6.5
Ordinato e attento, coinvolto nel rigore dubbio assegnato ai viola
Muharemovic 6.5 
Qualche fallo di troppo, efficace, ma rischia con un altro tipo di arbitraggio di venire ammonito molto presto.
Turicchia 6
Si adatta bene sia da terzino nella difesa a quattro sia da esterno nel centrocampo a cinque.
Hasa 7
Senza dubbio il più pericoloso, tatticamente svolge un ruolo fondamentale, bravissimo a sfruttare lo spazio a disposizione. (43' st Mbangula sv)
Omic 6.5
Si vede la crescita e la leadership acquisita col tempo, supporta continuamente i compagni. 
Bonetti 6.5
Sostituisce il Miretti dell'anno scorso come tipologia di ruolo, tanta tecnica che a metà campo fa sempre bene. (35' st Galante sv)
Iling 5.5
Non una delle sue miglior partite, poca precisione e tanta approssimazione.
Chibozo 6
A volte pasticcia troppo, ma per il resto è un pericoloso continuo per la retroguardia viola. Bravo dagli undici metri.
21' st Citi 6 Con lui subentra tanto fisicità e attenzione, aiuta la squadra a tenere duro durante il forcing finale viola.
Turco 6.5
Parte con qualche stop sbagliato di troppo, non si abbatte e usa benissimo il fisico e il suo istinto da bomber. (35' st Maressa sv)
All. Bonatti 6.5
Vincere è sempre importante, farlo in trasferta contro una squadra del livello della Fiorentina lo è ancora di più. I suoi sembrano sapere quando è ora di recuperare energie e quando di riversarsi in avanti, soffre relativamente poco.

ARBITRO
Ancora di Roma 1 6.5
Mette subito le cose in chiaro: i contatti minimi non si fischiano. Regala così spettacolo e azioni prolungate, bravo nell'occasione del rigore dato alla Juventus, forse sbaglia nell'assegnare quello ai viola. Giusta gestione dei cartellini.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400