Cerca

Ciliverghe-Bedizzolese Eccellenza: Cinquina Cili e Valotti show, inizia col botto il campionato dei gialloblù

10Cili Valotti2

Valotti, Ciliverghe

Un debutto esplosivo allo Sterilgarda Center di Mazzano per questo Cili forza 5, feroce già alla prima contro la timida Bedizzolese. Dominante ed arrogante da subito, un 5-1 per candidarsi fra le protagoniste del campionato. Certo i gialloblù sarebbero ripartiti volentieri dalla D, ma alla fine accettano con stoica rassegnazione anche questa Eccellenza tutta da vivere. Cinque gol quindi, di cui 3 firmati da colui che probabilmente diventerà l’uomo copertina di questa strana annata di calcio batteriologico. Difatti è un 5-1 marchiato indelebilmente da Marco Valotti, uno degli ultimi arrivi di quest’anno per rafforzare il reparto offensivo ma già stratosferico in questo avvio di stagione. Le 3 reti in Coppa Italia Lombardia contro Prevalle e Lumezzane vanno ad aggiungersi a questa tripletta per aggiornare i dati alla pazzesca media di 2 reti per gara. L’attaccante nato a Montichiari nel ’95 ne ha cambiate tante di casacche finora, tra Brescia, Lumezzane, Francavilla, Catanzaro e Casatese solo per citarne alcune. Ora a Ciliverghe sembrerebbe aver trovato l’ambiente ideale per poter essere tra gli assoluti protagonisti di questa incerta stagione. È lui infatti a sbloccare intorno al quarto d’ora per l’1-0, dopo l’innesco perfetto di Scidone: dribbling secco al centrale di difesa, poi incrocio di sinistro in rete alla Suarez. Sempre suo il 3-0 intorno alla mezz’ora, quando mette fuori causa Palmisano baciando la parte interna del palo con un tiro dal limite dopo l’ennesimo dribbling. Infine il 5-0 dal dischetto, lesto nell’insaccare sulla prima respinta del portiere. Insomma prima tripletta di stagione e palla nel borsone, se il buongiorno si vede dal mattino… A siglare il 2-0 appena dopo il vantaggio di Valotti è Brancato, furbo nel farsi trovare pronto nel posto giusto al momento giusto a pochi passi dalla porta di Palmisano. È un 1-2 a distanza ravvicinata da far vacillare da subito la Bedizzolese, già alle corde come un pugile suonato e da quel momento incapace di rientrare in partita. Brancato vicino al gol anche nel secondo tempo, qui la traversa gli dice no ma sulla respinta è capitan Andriani a toccare il tap-in del 4-0. Già durante la pausa non è più gara, le squadre rifiatano negli spogliatoi sullo score di 3-0. Nell’horror vacui granata, da salvare comunque il gol della bandiera di Bruni per il 5-1 definitivo, per una pratica da archiviare alla svelta in vista dei prossimi impegni. Nel primo tempo Ciliverghe in carrozza, spumeggiante nel suo 4-3-3 interpretato perfettamente dai ragazzi di Cogliandro. Una supremazia territoriale schiacciante e 3 gol per sbrigare velocemente la pratica senza troppi patemi. Ottima la difesa, con il quartetto Licini, Brunelli, Andriani e Contri mai in affanno. Ma merito soprattutto di una mediana di spessore con Lauricella, Quaggiotto e Brancato tutti al top. Davanti Valotti è estatico, Scidone ispira e Mair deve ancora entrare nei meccanismi offensivi, ma avrà tempo. Il cammino è lungo, ma il Cili non vuole lasciare fin da ora nulla al caso. Poco o nulla da segnalare per gli undici granata nella prima frazione: la squadra si scioglie presto come neve al sole alle prime contrarietà. Buoni solo i primi 15’ d’assestamento, poi l’eclissi fino al guizzo finale di Bruni. Ora per i ragazzi di Valoti non rimane che leccarsi le ferite e pensare a mercoledì; da monitorare la situazione di Paghera (sospetto stiramento) e il morale della ciurma.   [caption id="attachment_227768" align="alignnone" width="900"] Inarrestabile il 10 di casa Valotti, autore di una tripletta e di un inizio scoppiettante[/caption] TABELLINO Ciliverghe    5 Bedizzolese 1 Reti: 16’ Valotti (C), 18’ Brancato (C), 33’ Valotti (C), 19’ st Andriani (C), 21’ st rig. Valotti (C), 33’ st Bruni (B). Ciliverghe (4-3-3): Spezia 6, Licini 6.5, Brunelli 6.5 (17’ st Scalvini sv), Andriani 7.5 (23’ st Dimistrascu sv), Contri 7, Quaggiotto 7, Lauricella 7, Brancato 7 (26’ st Capitanio N. sv), Mair 6 (14’ st Ait Bakrim sv), Valotti 8.5, Scidone 7 (40’ st Zucchini sv). A disp. Capitanio A., Bosio, Zambelli, Marenda. All. Vincenzo Cogliandro. Bedizzolese (4-3-1-2): Palmisano 6, Visconti 5.5, Negretti 5.5, Conforti 5.5 (33’ st Cassetti sv), Raffa 5.5, Fregoni 5.5 (17’ st Brunati sv), Arrigoni 5.5, Ciasca 5.5 (10’ st Bruni 6.5), Paghera 5.5 (6’ st Cama 5.5), Naoni 5.5 (1’ st Fenotti 6), Faccioli 5.5. A disp. Maccabiani, Parecchini, Rizza, Fontana. All. Fabio Valoti. Arbitro: Mirko Ernesto Schiavini di Crema 6.5 Autorevole, buona tenuta della gara, poche le incertezze. I Ass: Diego Valdivia di Milano II Ass: Andrea Adraga di Milano Ammoniti: Naoni (B), Licini (C), Conforti (B), Lauricella (C).   [caption id="attachment_227770" align="alignnone" width="900"] La gioia dei ragazzi di Vincenzo Cogliandro dopo il gol contro la Bedizzolese[/caption] LE PAGELLE DEL CILIVERGHE Spezia 6 Inoperoso nella prima frazione, poteva essere clean sheet, poco male sarà per la prossima. Licini 6.5 Buone palle nel mezzo, una volta ci prova dalla distanza, ok la copertura, forma vicina. Brunelli 6.5 Buona la spinta sulla fascia, con più personalità sarà al top ( 17’ st Scalvini sv). Andriani 7.5 Il capitano segna e giganteggia dietro, che prestazione ( 23’ st Dimistrascu sv). Contri 7 Gara impeccabile, sul gioco aereo contrasta Paghera e non perde mai la posizione, prova ok. Quaggiotto 7 In grande spolvero, distilla palloni come un barman di lungo corso, fondamentale nell’architettura. Lauricella 7 Grande prestazione e ottimo cambio passo, porta acqua sulle fasce e domina le sue zolle. Brancato 7 Segna e compone insieme ai compagni un terzetto invidiabile per la categoria, buon senso del gol, peccato la traversa ( 26’ st Capitanio N. sv). Mair 6 Un pò spaesato, è arrivato da pochissimo, ancora presto per la miglior condizione ( 14’ st Ait Bakrim sv). Valotti 8.5 Superstar, dribbling funambolici e spettacolo per i presenti, con la doppietta sono già 6 in stagione. Scidone 7 Prestazione di spessore, assist e tagli intelligenti per i suoi ( 40’ st Zucchini sv). All. Vincenzo Cogliandro 7.5 La squadra dimostra di aver digerito in fretta i dettami tattici, prova maiuscola.   [caption id="attachment_227767" align="alignnone" width="900"] Un momento della gara fra Ciliverghe e Bedizzolese[/caption] LE PAGELLE DELLA BEDIZZOLESE Palmisano 6 Risente della giornata no dei compagni, non male il primo riflesso sul rigore. Visconti 5.5 Non si propone con continuità, i cross spesso sono imprecisi. Negretti 5.5 Dalle sue parti scorrazzano spesso gli avversari, prova difficile e forma da rivedere. Conforti 5.5 Causa il rigore ma ormai la gara ha poco da dire, ci saranno tempi migliori ( 33’ st Cassetti sv). Raffa 5.5 Dietro il fortino è costantemente sotto tiro dagli scatti di Valotti, da migliorare le letture del gioco. Fregoni 5.5 Quando cede il cambio è il segno della resa finale, ancora fuori condizione ( 17’ st Brunati sv). Arrigoni 5.5 Dovrebbe accendere la luce ma è costretto a rincorrere gli avversari, partita da dimenticare. Ciasca 5.5 Ci mette un pò prima di carburare, ma la sua prova non decolla ( 10’ st Bruni 6.5 Gol della bandiera per lui). Paghera 5.5 Solito ispiratore nonostante qualche acciacco, nella ripresa subito out per infortunio ( 6’ st Cama sv). Naoni 5.5 Più ombre che luci, probabilmente ancora lontano dalla forma ottimale ( 1’ st Fenotti 6 Entra a risultato compromesso). Faccioli 5.5 Subisce la mediana avversaria, poco gioco e poca gamba, da smaltire la preparazione. All. Fabio Valoti 5 Squadra non pervenuta, tutto da rifare, troppo arrendevoli i suoi, forse ancora fuori fase.   [caption id="attachment_227766" align="alignnone" width="900"] Un contrasto durante il match vinto 5-1 dal Ciliverghe[/caption]

I COMMENTI

Vincenzo Cogliandro, tecnico Ciliverghe «Sono stati mesi difficili per tutti qui a Ciliverghe, i ragazzi hanno sofferto perché era una squadra costruita per salvarsi in D. La qualità dei ragazzi c’è, la rosa è buona, serve solo un cambio di mentalità. Mi sono arrabbiato per alcuni passaggi a vuoto oggi, per l’intensità e il ritmo: se caliamo sotto questi aspetti diventiamo una squadra normale. Se invece manterremo l’intensità usata per salvarci in D probabilmente saremo una buona squadra. La Bedizzolese è partita con un buon palleggio, c’è stato un momento di assestamento, poi alzati i ritmi e con la nostra qualità i valori dei giocatori sono emersi. Da mezz’ala mi è piaciuto Lauricella, a cui do molta libertà, anche se mi è piaciuto meno nel recupero palla. Buonissima partita di Brunelli sulla sinistra finché ha potuto. Con Mair, l’ultimo arrivo, il mercato è chiuso anche se lunedì forse arriverà l’ultimo innesto per completare il parco quote. Il nostro problema è solo sul piano psicologico, dobbiamo lottare contro noi stessi e cercare di non accontentarci».

 

Fabio Valoti, tecnico Bedizzolese «Abbiamo subito incontrato una squadra sulla carta superiore a noi. Buoni i primi 15’ poi alla prima difficoltà tutto è andato in tilt, è la prima volta in 3 anni, può succedere ma andremo avanti. C’è da lavorare tanto, siamo giovani e con poca esperienza e stavolta si è visto, magari con un pizzico di maturità in più nelle difficoltà ci saremmo compattati. Va bene così, è l’inizio. Sì è vista la differenza fisica, mentalmente era difficile gestire le forze. Loro sono più preparati ma pensiamo già alla coppa di mercoledì e al derby di domenica cerando in serenità di analizzare tutti gli errori fatti. Noi siamo la Cenerentola, non è mai facile contro queste squadre essere all’altezza, ne siamo consapevoli ma andiamo avanti a lavorare».

 

Francesco Zingarelli, direttore generale Ciliverghe «Fino all’ultimo non si capiva se dovevamo essere in D, poi ci siamo concentrati sull’Eccellenza e abbiamo costruito una squadra per far bene. La squadra c’è e anche la voglia di fare, anche se non è facile quando sei contro compagini come Lumezzane, Valcalepio e Offanenghese: sarà un campionato difficile. Vedremo fin dove arriveremo ma sono fiducioso. Mi auguro non ci siano più emergenze, spero che ci sia buon senso nel gestire determinate situazioni. Noi comunque quello che dovevamo fare l’abbiamo fatto, dalle misurazioni, al ritiro accrediti, alle registrazioni, ai posti assegnati e agli steward. Affrontiamo tutto senza problemi».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400