Cerca

Femminile Area Calcio, l'allenatore Gianfranco Tufo: «Quest'anno avremmo potuto toglierci molte soddisfazioni»

Femminile Area Calcio Eccellenza con Gianfranco Tufo

Femminile Area Calcio Eccellenza con Gianfranco Tufo

Sono ventotto gli anni trascorsi sui campi da calcio per Gianfranco Tufo, attuale tecnico della Femminile Area Calcio e personaggio affermato nel mondo del calcio dilettantistico cuneese. Una carriera iniziata nel ’93/’94 come preparatore dei portieri nel settore maschile della Sommarivese e proseguita nel Bene Vagienna, anni di cui l’allenatore conserva un piacevolissimo ricordo: «Il mio percorso è stato per lo più nel settore maschile, ho vissuto bellissimi momenti. I ricordi più belli, devo dire, sono legati ai cinque anni trascorsi al Bene Vagienna, dal ’99 al 2004. Mi sono trovato molto bene, sia allenando il settore giovanile che successivamente la Prima Squadra in veste di preparatore dei portieri e poi come vice-allenatore». Dopo circa vent’anni dedicati al settore maschile, nel 2013 si presenta l’occasione di cambiare rotta ed iniziare una nuova avventura: «Una sera di luglio, alle ore 22, squilla il telefono ed era il signor Lorenzo De Michelis, il Presidente della Sommarivese, la prima squadra in cui ho allenato. Aveva una nipote che giocava nell’Asd Albese e si era avvicinato al calcio femminile, era un dirigente della società. Si è ricordato di me e mi ha contattato per propormi di allenare la squadra femminile». Nessun dubbio, racconta il tecnico Tufo: «Ho agito d’istinto ed ho fatto bene. Devo riconoscere che mi sono fidato anche della persona che mi ha proposto l’incarico, sapevo che sarei stato in ottime mani». L'idillio non è durato a lungo, solo un anno trascorso sulla panchina dell’Asd Albese, eppure sono stati mesi ricchi di soddisfazione e adrenalina: «Quell'anno abbiamo disputato il campionato Primavera, nel girone avevamo squadre come il Torino eppure siamo arrivati secondi». Nella stagione 2015/16, Tufo continua a sposare il movimento femminile: «La seconda esperienza nel femminile è stata nel Futura Langhe, una società giovane, nata proprio quell’anno dall’idea del Dirigente dell’Asd Albese Walter Pacchiotti ». Si è rivelata una stagione sorprendente, coronata dalla vittoria del campionato di Serie D e della Coppa Piemonte: «Eravamo proprio una bella squadra, rinforzata al punto giusto. Alcune ragazze le conoscevo già perché le avevo allenate all’Albese, quindi l’impatto è stato più familiare». Dopo anni di militanza in terza categoria maschile, da settembre 2020 Gianfranco Tufo siede sulla panchina della Femminile Area Calcio. Il tecnico non ha avuto bisogno di presentazioni, ha preferito lasciare parlare il campo: prima nella classifica del Girone B dell'Eccellenza, la sua squadra ha collezionato tre vittorie su tre, quindici reti segnate e soltanto una subita. Una partenza a mille, che lasciava presagire scintille: «Abbiamo disputato solo le prime tre giornate e sono andate molto bene, le abbiamo vinte tutte. Peccato per la situazione e lo stop perché quest’anno c’erano tutti i presupposti per poterci togliere qualche soddisfazione. È una buonissima squadra, si riesce a lavorare bene». Il settore femminile è stato per l’allenatore cuneese una sorpresa di cui non vuole privarsi: «Ho trascorso tanti anni al maschile e sicuramente mi sono trovato bene però devo dire che, avendo allenato tre squadre femminili, in questa fase del percorso preferisco quest’ambiente. Il mondiale è stata una buona vetrina per il calcio femminile, la strada è ancora in salita ma a buon punto. Nelle categorie più importanti si sono raggiunti buoni livelli, alla base non c’è ancora quell’attenzione che merita ma ci sono buoni segnali». Il segreto di una così grande passione è allenatore stesso a raccontarcelo: «Nel calcio femminile si lavora con il giusto spirito, con impegno ma sempre con il sorriso. Si fanno tanti sacrifici ma non ci dimentichiamo che il calcio è un gioco e come tale va considerato».
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400