Cerca

Il giovane di Eccellenza B: Massimiliano Coletti, il 2003 "veterano"

Coletti Massimiliano
La maturità si fa sentire nei momenti più delicati, quando la cattiva sorte sferra i tirimancini di fronte ai quali l'inesperienza può ben poco. Benché la carta d'identità dica altro, Massimiliano Coletti, che la maturità non l'ha fatta ancora sui banchi di scuola, nella partita con il Corneliano Roero si è dimostrato tutt'altro che acerbo. Il gol del momentaneo 1-0 dell'Acqui porta la firma di un ragazzo del 2003: non la prima (è la quarta rete in prima squadra per lui), ma probabilmente la più iconica per mostrare il suo fiuto del gol, più simile a quello di un bomber navigato che a quello di un inesperto quasi-debuttante. Massimiliano, cresciuto nella cantera dell’Acqui, si dimostra protagonista con la casacca dei Bianchi già nel settore giovanile, vincendo la coppa Piemonte nella stagione 2016/17. Si conferma a suon di gol anno dopo anno (con una piccola parentesi al Chieri), fino alla prima squadra, dove si è già imposto come una certezza per Arturo Merlo. Contro il Corneliano, alla prima stecca di Carmine Esposito della partita, non si è fatto pregare, timbrando il cartellino. Quello che poteva sembrare un passaggio all'indietro calibrato con troppa poca intensità si è trasformato così, grazie al senso dell'opportunismo del nueve agli ordini di Merlo, nel pallone dell’1-0, di fronte allo sguardo attonito del classe 1986 Corradino e al classe 1993 Esposito. Una risposta importante, arrivata in un momento delicatissimo per la squadra, decimata dagli infortuni e così costretta a chiamare alle armi anche i più giovani: visto l'impatto, non sia mai che una crisi del genere possa tramutarsi in una affascinante opportunità.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400