Cerca

RG Ticino - Pro Eureka Eccellenza: Gibellini nel finale, Serie D a un passo per Celestini, Pro Eureka ancora ad alto livello

gibellini
Il super favorito RG Ticino passa ancora, gioca ad alto livello e ha la meglio negli ultimi secondi, battendo un'ottima pro Eureka cha ha giocato alla pari dei suoi più quotati avversari. Tre punti che valgono troppo, il colpo di testa di Gibellini è il preludio a un'esplosione di gioia che va oltre la vittoria di una gara, i ragazzi di Celestini lo sanno, il più tre sul La Biellese e le sette vittorie su otto partite mettono il traguardo ormai a portata di mano. Difficile infatti pensare che una squadra con questa fame e tanta qualità a disposizione possa cadere nelle prossime partite, il traguardo è a vista e un eventuale successo sarà quanto mai legittimo, stando a quanto fatto vedere sul campo. Pochi possono tenere testa al Ticino sul lungo cammino, in gara secca l'ha fatto la Pro Eureka di Tosoni, che per forza di cose potrà dirsi rammaricato di aver perso la partita dopo una così buona prestazione. Gara impostata su una fase difensiva aggressiva per poi essere pronti a sfruttare le ripartenze, in particolare con la corsa di Dos Santos. Il Ticino però parte forte, con i tre davanti che non danno punti di riferimento e la squadra che resta corta in avanti, pronta a riconquistare subito il pallone, così l'uscita della Pro è difficoltosa, anche perché i tre difensori di Celestini lavorano molto bene sui palloni per Pititto e Tabone. Gibellini è subito in grande spolvero e nei primi sei minuti ha due occasioni, sulla prima è ottimo Leone ha chiudere bene lo specchio nell'uno contro uno, nella seconda il suo sinistro a giro finisce di poco alto sulla traversa. Niada prova a rispondere su calcio da fermo, ma anche il suo tiro finisce alto. Il trio difensivo della Pro gioca aggressivo e accorcia, ma sugli attaccanti di Celestini ci va un lavoro mostruoso, in particolare su Gibellini, colui che crea i presupposti del gol del vantaggio: Ogliari recupera uno dei tanti palloni del suo primo tempo, Gibellini entra in area da sinistra e mette dentro il pallone che subisce una deviazione decisiva, Scienza raccoglie e batte Leone da due passi. La Pro Eureka reagisce subito: corner da sinistra, Costa va di testa e la palla arriva a Pititto che gita da due passi, strepitoso Baglieri a mettere fuori e mandare i suoi al riposo ancora in vantaggio. Nella ripresa le fatiche si fanno sentire per i ragazzi di Celestini, il loro ritmo si abbassa e la distanza tra attaccanti e centrocampisti aumenta. Ogliari e Bugno non riescono sempre ad accorciare e la palla viene alzata spesso per Gibellini. L'uscita di Scienza toglie qualcosa in pericolosità, anche se Malvestio tiene alta la pressione. La Pro fa buona guardia con i difensori e gestisce bene i palloni del mezzo con Niada per poi sfruttare le giocate sulle corsie esterne. La fascia sinistra è di certo la più pericolosa, al 15' Dos Santos parte palla al piede, salta due uomini ed entra in area, destro sul secondo palo e gol che gela la tribuna. Lo scontro inizia a farsi più fisico ora e nessuna delle due squadre vuole mollare, l'azione del Ticino è ora meno pulita, tanti uomo contro uomo e palle buttate in area, mentre la Pro riparte con Romano che prova da fuori. Bugno ha l'occasione dentro l'area in girata ma Leone è ancora provvidenziale. Ci prova poi Sorrentino con un colpo di testa dopo una punizione, ancora alto. Poi nei minuti di recupero Longo interviene duro su Gottardi davanti alla sua panchina: calcio di punizione con tutti gli uomini di Celestini che vanno in area per ricevere il cross. Bugno però non butta direttamente palla in area ma scambia con Gottardi e scappa sulla fascia, Galietta e Petracca sono sorpresi, lui raggiunge il fondo e crossa, Gibellini non ha marcatura e salta, il suo colpo di testa ha il certificato di garanzia che con tutta probabilità garantirà la Serie D.  

IL TABELLINO

RG TICINO-PRO EUREKA 2-1 RETI (1-0, 1-1, 2-1): 16' Scienza (R), 16' st Luz Dos Santos (P), 49' st Gibellini (R). RG TICINO (3-4-3): Baglieri 7, Puka 6.5, Ogliari 7 (34' st Bellino sv), Sorrentino 7, Scienza 7 (23' Malvestio 7), Bugno 7.5, Rosato 6.5 (20' st Roveda 6.5), Colombo 7 (3' st Napoli 6.5), Gomez 6.5 (3' st Riginelli 6.5), Gottardi 7, Gibellini 8. A disp. Cotardo, Ramponi, Dal Santo, Rossi. All. Celestini 7.5. PRO EUREKA (5-3-2): Leone A. 7, Nosenzo 6.5 (15' st Recano 6.5), Benucci 7, Costa 7, Verlucca 7, Luz Dos Santos 7.5 (23' st Longo 6), Galietta 6.5, Romano 7, Pititto 6.5 (34' st Petracca sv), Niada 7, Tabone 6.5 (15' st Capriolo 6). A disp. Petruzzella, Rolle, Palestro, Rima, Golfarelli. All. Tosoni 7.5. ARBITRO: Tassano di Chiavari 6.5. COLLABORATORI: Merlina di Chivasso e Galantucci di Chivasso. AMMONITI: 10' Rosato (R), 37' Galietta[01] (P), 14' st Nosenzo (P), 27' st Verlucca[01] (P), 38' st Bugno (R), 40' st Leone A. (P), 41' st Gibellini (R), 48' st Longo[01] (P).

LE PAGELLE

RG TICINO (3-4-3) Baglieri 7 La grande parata su Pititto permette alla squadra di andare al riposo con il vantaggio ancora ben saldo. Puka 6.5 dei tre dietro è quello che si occupa di impostare e aprire il campo con i lanci lunghi alla ricerca dei due esterni. Ogliari 7 nel primo tempo è sempre a rimorchio degli attaccanti, questo suo movimento gli permette di recupera subito un sacco di palloni in zona avanzata. Sorrentino 7 Nel giro palla cerca subito il lancio lungo e disdegna il gioco corto. Nel gioco aereo primeggia in entrambe le fasi. Scienza 7 Non in buona condizione ma non si vede, lo si capisce solo perché è sostituito a metà del primo tempo. 23' Malvestio 7 Entra subito con i giri del motore alti, sempre in pressione e corre ovunque, guardatevi le spalle perché potrebbe essere anche dietro di voi adesso! Bugno 7.5 Quella corsa per mettere il pallone sulla testa di Gibellini è lo spirito vichingo che ha la sua squadra, dove non si molla un centimetro e ogni mezza palla è vitale. Rosato 6.5 Gioca buona parte della gara con un cartellino giallo sulle spalle ma non si fa pizzicare in fallo gestendo bene le situazioni. 20' st Roveda 6.5 Spinge sulla fascia di destra, riesce a fuggire in velocità anche a Dos Santos, uno che proprio piano non va. Colombo 7 Conta tanto per la fase offensiva, il più bravo a giocare spalle alla porta dei tre davanti. Pur non al meglio tiene impegnati i difensori. 3' st Napoli 6.5 largo a sinistra prova sfruttare la profondità e le seconde palle combattute da Gibellini. Gomez 6.5 Non ha molti spunti in fase offensiva perché trova pochi spazi, ma la sua è lo stesso una gara di buona sostanza. 3' st Riginelli 6.5 Ridà brio a una fase offensiva un po' stanca. Gottardi 7  bravo nel primo tempo a contenere Dos Santos, nella ripresa va a comporre la difesa a quattro e nel finale subisce il fallo da cui nasce il gol vittoria. Gibellini 8 Si mette subito in mostra con un paio di iniziative, indemoniato nella lotta con i difensori e a tratti difficile da contenere. Quel colpo di testa è quasi una sentenza. All. Celestini 7.5 Definisce i suoi ragazzi dei "vichinghi", in effetti, oltre l'enorme qualità della rosa, il valore più grande di questa squadra è il carattere da veri lottatori che non si spaventano davanti a nulla, nemmeno davanti questa Pro Eureka. PRO EUREKA (5-3-2) Leone 7 Pronti via e deve chiudere lo specchio a Gibellini a tu per tu. Nel secondo tempo si supera ancora una volta su Bugno. Nosenzo 6.5 Se Gomez non trova grandi spunti in campo aperto è anche per merito del suo lavoro. Ci rimette un po' in fase offensiva. 15' st Recano 6.5 Gli viene annullato un gol dove parte in posizione irregolare, poi si occupa si ripiegare su Napoli. Benucci 7 Gran lavoro, alle volte l'uomo scappa ma c'è la bravura dell'avversario, il lavoro sulla fase difensiva non ha sbavature. Costa 7 Ormai si è affermato tra i difensori di livello in categoria, contro Colombo o Gibellini lui c'è sempre e non regala nulla. Verlucca 7 Gara lucida, recupera palla e la gioca pulita per il compagno. Luz Dos Santos 7.5 I suoi strappi palla al piede sono difficili da contenere, il gol se lo crea pressoché da solo, lascai sul posto due uomini e trova l'angolino. 23' st Longo 6 Intervento duro su Gottardi che poteva valere più del giallo, da quella punizione nasce però il gol che vale la sconfitta, può bastare come contrappasso. Galietta 6.5 Spende tanto, soprattutto nell'andare a ricevere tra le linee. Forse per questo motivo Bugno gli scappa all'ultima corsa. Romano 7 Fa la differenza nel mezzo, l'uomo che ha entrambe le fasi, lotta, recupera e ribalta l'azione. Pititto 6.5 Lotta di fisico, ma questa volta ha vita dura. Una sola occasione per andare al tiro, Baglieri però si supera e gli nega la gioia. Niada 7 Mantenere la lucidità quando Ogliari e Malvestio ti mordono le caviglie sarebbe compito impossibile per molti, lui di palloni non ne perde però. Tabone 6.5 Deve dare qualcosa in più a livello fisico e lo fa, qualche intervento falloso di troppo, ma in questo caso possono essere un buon segnale per mentalità. 15' st Capriolo 6 Lui la gamba non la tira mai indietro, dovrebbe però imparare a farlo alle volte. Un suo intervento avventato frutta una buona punizione a Bugno nel finale. All. Tosoni 7.5 La prepara sulla difensiva e i suoi sanno soffrire nel primo tempo. Nel secondo sfruttano al meglio le possibilità e gestiscono bene i momenti della gara. Il gol allo scadere è una beffa, ma la prestazione è inattaccabile.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400