Cerca

Ardor Lazzate-Base 96 Eccellenza: Filomeno e Favari show, prima vittoria per Battistini

Finisce 1-2 l'ultima partita di questo girone di campionato, disputatasi tra Ardor Lazzate e Base 96, sotto un caldo torrido che ha ricordato la piena estate, al termine di un match in cui la squadra di casa ha creato molto di più, ma ha sprecato moltissime occasioni. La Base 96 si è dimostrata, invece, più incisiva e capace di sfruttare le occasioni che è riuscita a creare, soprattutto grazie ad uno strepitoso Filomeno e a un grandissimo Favari, ragazzo classe 2000 ma pieno di grinta e personalità. Anche i due estremi difensori dei ragazzi in maglia nera, Citterio e Allievi, si sono dimostrati sempre pronti a salvare la propria squadra in tutti i momenti di difficoltà. A nulla è servita la rete di Ferrari nella seconda metà del secondo tempo, perché i ragazzi di Bonazzi si sono dimostrati poco precisi nei metri finali, sprecando un'enorme quantità di palloni e concludendo la gara con una sconfitta che lascia l'amaro in bocca in questo finale di campionato. Avere un ottimo possesso palla serve poco se rimane fine a se stesso e oggi l'Ardor Lazzate ha pagato mancanza di brillantezza e forse anche poca concentrazione, quasi regalando tre punti ad una Base 96 che è apparsa notevolmente sottotono nella seconda metà di gara, riuscendo però a conservare un vantaggio prezioso e a portare a casa la vittoria. Si concludono così queste dieci partite di un format che può lasciare qualche interrogativo, soprattutto sulle promozioni e sulla vicinanza delle partite, come sottolineato anche da numerosi addetti ai lavori e dal pubblico in tribuna, tornato dopo mesi di assenza a tifare per i propri ragazzi. Quello che resta, indipendentemente dai risultati, è, però, sicuramente una parvenza di normalità e il ritorno al calcio giocato anche per le categorie dilettantistiche, che apre uno spiraglio di speranza in vista della prossima stagione. Apre Filomeno, raddoppia Favari. La partita inizia subito con due compagini che, nonostante il grande caldo, si affrontano con grande agonismo e grinta, affidandosi alla velocità dei propri giocatori sulle fasce. L'Ardor Lazzate si lancia subito in attacco fin dai primi minuti, dimostrando di avere una marcia in più, ma risultando impreciso sotto porta. La Base 96 sembra in difficoltà ad impostare ed uscire dalla sua area di rigore, ma inizia ad avanzare grazie a diverse azioni in contropiede trainate da un ispirato Filomeno, che dialoga molto con Favari e Arieti. Al 15' la squadra ospite si porta in vantaggio con un gol al volo di Filomeno su cross di Schinetti, portando così a termine una grande ripartenza. La Base 96 passa avanti nel momento di maggiore difficoltà e gli uomini di Bonazzi cercano di reagire, continuando a condurre diverse azioni, senza però trovare la rete. Al 24' Martini va vicino al pareggio con un colpo di testa a due passi dalla porta, ma Citterio si fa trovare pronto e neutralizza la conclusione, salvando il risultato. I ritmi si abbassano con l'avanzare dei minuti, anche a causa del caldo torrido che sicuramente influisce sulle prestazioni dei giocatori. Al 30', in un momento di equilibrio, la Base 96 raddoppia con un tiro di Favari all'angolino, lì dove il neoentrato Bozzato non può arrivare. Il raddoppio nasce da una disattenzione difensiva della squadra di casa, ma anche dalla maggiore voglia di vincere mostrata nella prima frazione di gara dai ragazzi di Battistini. Nei minuti finali del primo tempo, l'Ardor Lazzate si rende più volte pericoloso, prima con Manta, poi con Corsini, ma Citterio si fa sempre trovare pronto e salva il risultato. I primi 45' si concludono con un dominio tattico dell'Ardor Lazzate, ma una Base 96 cinica nelle azioni e nelle conclusioni è riuscita a sfruttare abilmente le disattenzioni dei padroni di casa. Calano i ritmi, accorcia Ferrari. Nella seconda metà di gara si vede una fotocopia del primo tempo, con un Ardor Lazzate che ha a suo favore le percentuali sul possesso palla e una Base 96 che appare sempre più stanca e scarica col passare dei minuti, ma che riesce comunque a chiudersi bene nelle retrovie. La partita è più lenta e il gioco spesso fermo a causa di crampi, infortuni e numerosi cambi, fatti anche per permettere ai più giovani di fare il loro esordio in campionato. Ne risente sicuramente la spettacolarità, ma è interessante vedere l'ingresso di queste nuove leve che cercano di lasciare la loro impronta sul match. La squadra di casa continua però ad attaccare, continuando a sprecare occasioni, ma riesce a diminuire le distanze al 36' con una conclusione a porta vuota di Ferrari, su un cross partito a causa di un pasticcio della difesa della Base 96. L'Ardor Lazzate sembra così risvegliarsi e credere davvero al pareggio, iniziando un'insistita azione d'attacco, che porta a moltissime conclusioni da parte di Cannizzaro e dello stesso Ferrari. Il risultato rimane però a favore della Base 96 fino al triplice fischio finale, che chiude questo girone e apre una prospettiva sul futuro di queste squadre nella prossima stagione. È sicuramente una vittoria meritata quella della Base 96, che conclude bene un campionato non facile, ricco di alti e bassi. Gioca bene, invece, l'Ardor Lazzate, che dovrà lavorare sulla precisione.

IL TABELLINO

ARDOR LAZZATE-BASE 96 1-2 RETI: 15' Filomeno (B), 30' Favari (B), 36' st Ferrari (A). ARDOR LAZZATE (3-4-3): Bizzi 5.5 (25' Bozzato 6), Frigerio 5, Cavalcante 5.5 (1' st Zirafa 6), Romanò 6 (25' st Pieri sv), Pedrazzini 6 (6' st Cannizzaro 6.5), Belotti 6, Peverelli 5.5, De Vincenzi 6, Manta 5.5, Corsini 5.5 (21' st Ferrari 6.5), Martini 6. A disp. D'Astoli, Noviello, Barcella, Migliaccio. All. Bonazzi 6. BASE 96 (4-3-2-1): Citterio 7 (31' st Allievi 7), Reyes 6, Carraro 6.5 (20' st Benincasa 6), Siviero 5.5, Frigerio 6, Arienti R. 6.5, Schinetti 6 (38' st Maffi sv), Molteni 6 (25' st Elezi sv), Favari 7.5, Filomeno 8, Arienti L. 6 (5' st Severino 6). A disp. De Petri, Barbera, Gjonaj. All. Battistini 6.5. ARBITRO: Santeramo di Monza 6. ASSISTENTI: Volpe di Busto Arsizio e Calabrese di Busto Arsizio.  

LE PAGELLE

ARDOR LAZZATE Bizzi 5.5 Non può nulla sulle reti, cerca di dare sicurezze alla squadra, ma può fare poco di fronte ai tanti errori dei suoi. Disputa la partita che doveva fare e strapperebbe la sufficienza se non fosse per la scenata di fronte al cambio. 25' Bozzato 6 Come il compagno di reparto sopra riportato, che va a sostituire, può fare poco in occasione della rete di Favari e prova comunque a dire la sua con un paio di buone uscite, in cui dimostra la sua sicurezza. Frigerio 5 Appare un pochino fuori dal gioco in alcuni momenti, come se avesse la testa fra le nuvole o il caldo gli annebbiasse la vista. Quando c'è, compie anche delle buone chiusure e cerca di sfruttare la velocità per le ripartenze. Cavalcante 5.5 Dispiace dare un'insufficienza, ma alcuni suoi errori costano cari alla squadra. Non è totalmente in partita e chiude male in alcune occasioni. 1' st Ziraffa 6 Riesce a contenere meglio alcune ripartenze avversarie rispetto al compagno sopra riportato, anche se soffre comunque la velocità degli attaccanti in maglia nera. Bisogna dire che non era facile tenerli. Romanò 6 Strappa la sufficienza sul filo di lana, perché non conduce una partita magistrale. Ci mette però grinta e cerca sempre di rimediare ai suoi errori e, per questo, merita di essere premiato. (25' st Pieri sv). Pedrazzini 6 Inizia forte e fa ben sperare, perché ha il tiro e la qualità per lasciare il segno. Invece, cala col passare dei minuti, finendo per essere anonimo tra gli avversari e non dando loro alcun grattacapo. 6' st Cannizzaro 6.5 Entra con grande grinta e spirito di iniziativa, portando freschezza e nuove idee ad un Ardor Lazzate che sembrava spento. Corre, dribbla, prova la conclusione e si avvicina alla rete. Una bellezza vederlo giocare. Belotti 6 Cerca di portare ordine in una difesa che sembra andare più volte alle cozze. Si prende sulle spalle i più giovani e prova a salire e a rendersi lui stesso pericoloso. Purtroppo, non riesce a risultare incisivo, ma ha grande spirito. Peverelli 5.5 Non si può dire che non ci provi, ma non gli riesce nessuna delle giocate, soltanto un paio di conclusioni vanno a buon fine, poi sembra crollare sotto il peso dei gol di svantaggio. È un peccato perché ha qualità, ma oggi non è la sua partita. De Vincenzi 6 È l'unico che prova a mettere in difficoltà la difesa avversaria affidandosi alla velocità e che prova a variare il ritmo di gioco con qualcosa di nuovo. Per il resto, tante sbavature come il resto dei suoi compagni. Manta 5.5 Il suo compito era ribadire in rete le molte occasioni avute, ma non riesce mai a farlo, anche quando si ritrova a tu per tu col portiere. Serve maggiore freddezza per essere un attaccante, perché alcune occasioni non possono essere sprecate o si rischia di perdere, come è infatti accaduto. Corsini 5.5 Come il compagno sopra riportato, sembra non sapere come buttare il pallone in porta. Arriva spesso alla conclusione, ma risulta sempre imprecisa e questo costa caro ai suoi. Ognuno ha il suo ruolo, segnare in alcuni casi deve essere un imperativo per un attaccante. 21' st Ferrari 6.5 Entra e segna, facendo vedere cosa può portare il provare la conclusione e la freddezza sotto porta. Si avvicina al raddoppio, corre, ci mette grinta. Un buon giocatore. Martini 6 Palla al piede, risulta più incisivo di altri, ma è lento a trovare spazi e si nasconde dietro le maglie avversarie. Serve maggiore personalità contro avversari quotati. All. Bonazzi 6 Non si può dire che non abbia preparato bene la gara, ma il possesso palla sterile serve a poco. Bisogna segnare e oggi non sono stati in grado di farlo. BASE 96 Citterio 7 Risponde presente tutte le volte che viene chiamato in causa, salvando più volte il risultato e dando un importante contributo per prendersi questi tre punti e concludere col sorriso la stagione. 31' st Allievi 7 Gioca poco, ma lascia il segno, perché si trova a dover fermare più volte gli attaccanti avversari e lo fa con enorme personalità e sicurezza, da portiere esperto, nonostante la sua giovane età. Un giocatore da tenersi stretto. Reyes 6 Una partita senza infamia e senza lode per un terzino che avrebbe sicuramente potuto fare di più in fase di ripartenza. Bene in chiusura, viene raramente saltato. Carraro 6.5 Grande gara, invece, per questo terzino sinistro, che si fa sempre trovare preparato e riparte anche più volte in velocità, seminando letteralmente gli avversari che avrebbero dovuto marcarlo. Grinta e tenacia da vendere. 20' st Benincasa 6 Entra e svolge il compito che gli è stato assegnato. Siviero 5.5 L'unico che non si salva in questa gara, perché appare troppo spesso spaesato e in ritardo sui palloni. Frigerio 6 Cresce col passare dei minuti, fino a diventare una colonna portante della difesa. Sa come chiudere le avanzate avversarie, mostra sicurezza e interviene sempre in modo pulito, permettendo importanti ripartenze. Arienti R. 6.5 Compie alcune chiusure che sarebbero da standing ovation e che valgono assolutamente come un gol. Non si tira mai indietro, entra anche in modo poco pulito se serve, ma sempre con grande intelligenza e guida la difesa a neutralizzare attaccanti quotati. Schinetti 6 Ci mette grinta e tutto quello che ha, anche se non basta per portarsi a casa una prestazione memorabile. Appare sottotono e stanco in alcune occasioni e sfiduciato in altre. (38' st Maffi sv). Molteni 6 L'applauso alla sua uscita dal campo ha messo i brividi ed è simbolo di un ragazzo che è sicuramente stato amato da pubblico e compagni. Conduce una gara di grande esperienza e capacità e si porta a casa diversi contrasti. (25' st Elezi sv). Favari 7.5 Grande partita di una prima punta che fa tutto quello che deve fare: corre, lotta, tiene alto il pallone e segna quando ha l'occasione di farlo. E' un ragazzo giovane che ha altissimo potenziale di crescita e che conclude il campionato in maniera magistrale. Chapeau. Filomeno 8 Un voto sontuoso per un giocatore mostruoso sotto tutti i punti di vista. Ci son momenti della partita in cui gioca praticamente da solo e riesce comunque a mettere in difficoltà tutta la difesa avversaria. A fine gara tiene alti palloni importanti e permette lo scorrere dei secondi. Il migliore sotto tutti i punti di vista. Arienti L. 6 In un paio di occasioni mostra quello che sarebbe in grado di fare palla al piede, ma spesso non gli viene la giocata. Costretto a uscire per un infortunio proprio quando sembrava maggiormente ispirato, lascia l'amaro in bocca per quello che avrebbe potuto fare. 5' st Severino 6 Entra con la voglia di lasciare il segno, svolge bene il compito che gli è stato assegnato. All. Battistini 6.5 Si porta a casa tre punti, che è l'unica cosa che conta nell'ultima giornata di campionato. ARBITRO Santeramo di Monza 6 Conduce la gara con precisione, tranne in qualche piccola occasione. Nel complesso, una buona conduzione.  

LE INTERVISTE

  Soddisfatto il tecnico della Base 96 Battistini: «Secondo me è stata una partita molto gradevole, giocata bene e a buon ritmo nonostante il caldo. Noi abbiamo iniziato come si deve, il campo è molto bello ed è la prima volta che veniamo da quando è stato rifatto. La loro squadra è molto buona, ci son stati episodi da tutte e due le parti e questa volta siamo stati più fortunati noi. Per quanto riguarda il torneo in sé, è iniziato tardi, nove mesi dopo il reale inizio di un campionato, coi ragazzi che non hanno potuto fare una preparazione e hanno disputato soltanto dieci partite. Le squadre hanno dato il massimo».
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400