Cerca

Matteo Marina, n°1 made in CBS: «Con Benini ho un rapporto speciale, è il mio mentore»

Matteo Marina
Entrato al posto dell’infortunato Benini nel match contro il Chisola, Matteo Marina non ha più lasciato i pali della CBS nelle successive sei partite di campionato. Il portiere rossonero ha fatto il suo esordio in Eccellenza proprio nella partita contro i vinovesi, «un momento davvero molto emozionante per me, soprattutto perché l’ho vissuto con questa squadra in cui sono cresciuto calcisticamente. Ero emozionato ma penso di avere avuto la giusta personalità e sicurezza: devo assolutamente ringraziare il nostro capitano Julian Bregaji, Jacopo Tozzi della Torinese e Alessandro Benini che mi hanno aiutato moltissimo». Proprio il compagno di reparto è stata una figura importante per Marina, non solo per il suo esordio ma anche per la sua crescita tecnica in quanto «mi ha praticamente fatto da mentore da quando ci alleniamo insieme. Mi è dispiaciuto molto per il suo infortunio ma questo mi ha permesso di fare il mio esordio facendomi trovare subito pronto. Non mi aspettavo assolutamente di giocare così tanto dopo il mio ritorno dal prestito alla Torinese». Al suo arrivo alla CBS, Marina ha trovato «davvero un grande gruppo che ha espresso un buon calcio nel corso di questa stagione. Mi trovo bene davvero con tutti i miei compagni, dai più giovani a quelli più esperti, anche grazie al mio carattere. Ho un bel rapporto pure con Miles Renzi, un ottimo allenatore: gli auguro il meglio per il proseguimento della sua carriera». Il futuro di Marina, il cui idolo è Samir Handanovic per la sua bravura tra i pali e il suo gioco con i piedi, non sarà però tinto di rossonero in quanto «mi trasferirò a Milano per motivi di studio e cercherò di mantenermi sfruttando la mia passione, il calcio. Non so ancora dove andrò a giocare ma mi attiverò per trovare una nuova squadra». Classe 2002, Marina ha dimostrato già nel corso di questa stagione di avere le potenzialità giuste per ricoprire il ruolo da titolare in una categoria importante come l’Eccellenza. Proprio grazie alle sue qualità tecniche, l’estremo difensore non ha fatto rimpiangere a Renzi l’assenza per infortunio di Alessandro Benini.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400