Cerca

Presentazioni

Cuneo Olmo, presentati ufficialmente tutti gli sponsor, il direttivo dei bianco-rossi e il nuovo campo casalingo

Presso Piazza Galimberti in Cuneo, la nuova società Cuneo 1905 Olmo ha effettuato le presentazioni ufficiali di dirigenza e sponsor.

AC Cuneo 1905 Olmo

Il direttivo del AC Cuneo 1905 Olmo assieme ad alcuni rappresentati degli sponsor, del Comune e della Regione.

È tempo di iniziare un nuovo ciclo, di dare nuova linfa allo sport cuneese. Presso Piazza Galimberti in Cuneo, l’AC Cuneo 1905 Olmo ha ufficialmente presentato gli sponsor e i membri del direttivo della neonata società bianco-rossa, frutto della fusione fra FC Cuneo e ASD Olmo per volere dei due (ormai ex) presidenti Mario Castellino e Riccardo Andreis: un segnale forte in seguito alla crisi che ha colpito tutto il calcio, dilettantistico e non. A condurre le danze della presentazione è il nuovo presidente Mauro Bernardi: «Ai due presidenti che hanno portato a questa unione va fatto un grande ringraziamento perché hanno portato a questa scelta, difficile e ponderata, e per tutto il lavoro che hanno condotto in questi anni, dando vita a una nuova avventura figlia di un marchio storico e segno di comune lavoro».
A prendere la parola è stato successivamente il neo-vicepresidente Riccardo Andreis: «Ringrazio tutti i collaboratori che hanno portato l’Olmo al punto in cui è arrivato e a iniziare un nuovo percorso altisonante».
Subito dopo si è espresso l’ex-presidente del Cuneo Mario Castellino: «Si tratta del coronamento di un cammino incominciato due anni fa quando presi il testimone, in accordo con il Comune, per non lasciare la città di Cuneo senza la propria rappresentante calcistica in seguito a tutte le vicissitudini avvenute. È stato un percorso faticoso, dettato anche dalla pandemia che ha rivoluzionato tutto il sistema economico e sportivo, nazionale e internazionale. Di comune accordo con il vicepresidente e con l’Amministratore Delegato della Juventus (il dottor Mazzia) è stato deciso di abbandonare il campanilismo, la rivalità che si trova in molte città, per lavorare invece per un bene comune: quello della città e quello dei giovani. L’unica strada possibile era affiancarsi al lavoro ultratrentennale dell’Olmo che ha dato vita a un settore giovanile che è fiore all’occhiello della nostra provincia, tanto da meritarsi il titolo di Scuola Calcio élite. Un ringraziamento va anche agli sponsor che ci hanno accompagnato fin qui e che credono in questo progetto futuro».
Dopodiché, la parola è tornata al presidente Bernardi, il quale ha elencato i membri del corpus dirigenziale: Riccardo Andreis come vicepresidente e Amministratore Delegato, Valter Vercellone come Direttore Generale, Giuseppe Beraudo e Giuseppe Parola come consiglieri. In seguito, ha presentato i trentadue sponsor (legati da contratti di durata triennale) che hanno abbracciato la causa Cuneo Olmo, a partire dai tre main sponsor – presenti all’evento – Satispay, FERCAM e Banca Alpi Marittime: per Satispay si è espresso uno dei fondatori del servizio di pagamenti mobile, Alberto Dalmasso: «Crediamo molto nella città di Cuneo, ha molti nostri clienti e per noi è stato un punto di partenza. Da ragazzino ho spesso praticato e ammirato lo sport dilettantistico: lo sport è scuola di vita e salute; noi non avevamo mai sponsorizzato nulla del genere ma nel momento in cui abbiamo visto che il campanilismo veniva meno e si metteva assieme un grande progetto, abbiamo deciso che aveva senso esserci e dare un nostro contributo».
«A noi fa estremamente piacere fare parte di questa squadra – ha ammesso Domenico Massimino, vicepresidente di Banca Alpi Marittime – Una squadra che lavora per il territorio come facciamo noi in quanto banca: otteniamo molto da questo territorio e abbiamo la necessità di restituirgli cosa dà a noi. Siamo presenti anche con la pallavolo, la cultura e le piccole realtà per valorizzare questa provincia».
«Siamo presenti dal 2011 a Fossano e quindi vogliamo farci conoscere di più, inoltre ci concentriamo molto sul verde e abbiamo aderito a questa organizzazione ben volentieri – ha affermato il rappresentante della FERCAM – Amo lo sport anche perché è grazie ad esso che i giovani possano crescere bene».

«Viviamo un momento difficile e speriamo che si possa effettuare una ripartenza in tutta tranquillità, soprattutto per i giovani e per chi ama lo sport – prosegue Bernardi – Il primo obiettivo di questa dirigenza è l’avere creato una stabilità societaria, dovuta anche alla grande partecipazione delle aziende del territorio. Fra gli obiettivi più importanti vi è inoltre l’espansione del settore giovanile, che parte già da un’ottima base e che si spera possa raggiungere numeri rilevanti: dalla crescita delle giovanili può crescere la prima squadra, è stata la filosofia dell’Olmo e sarà sicuramente la filosofia di questa nuova società. Puntando sui giovani si miglioreranno le strutture, ovverosia quelle di Piccapietra e La Torretta (Madonna dell’Olmo) e il Parco della Gioventù (un’area da riqualificare per la quale si sta progettando un nuovo complesso sportivo all’avanguardia) e lo Stadio F.lli Paschiero (Cuneo). Altra missione era collaborare con una squadra professionistica per quanto riguarda il settore giovanile e non posso che fare i complimenti a Vercellone per avere dato vita alla partnership con la Scuola Calcio Juventus fino al 2024. Rimane poi consolidata la Scuola Calcio élite, titolo ottenuto negli ultimi anni dall’Olmo».
«Questo progetto di rete è sintomo di rinascita per lo sport cuneese – sostiene l’assessore di Cuneo Cristina Clerico – Si respira ambizione, solidità e attenzione per i ragazzi, che hanno bisogno dello sport per formarsi come persone. Infine, confermo che il Cuneo Olmo giocherà le proprie gare in casa presso lo stadio F.lli Paschiero».
«Questa dirigenza ci regala un progetto formidabile, soprattutto per i giovani – dichiara Paolo Bongiovanni, rappresentante della Regione Piemonte – È importante notare come tante aziende private locali abbiano abbracciato questa idea: è sintomo di quanto credano e investano sullo sport».

A parlare del lato tecnico è stato invece il DG Valter Vercellone: «Innanzitutto, volevo fare presente che la Banda musicale Duccio Galimberti di Cuneo si è proposta per comporre il nuovo inno del Cuneo, grazie al Maestro Maero. Detto ciò, abbiamo fatto tesserare con la Juventus un nostro giovane nato nel 2008, un grande onore per noi perché con i bianconeri collaboriamo per i giocatori nati fra 2009 e 2013».
Dopodiché, Vercellone ha presentato lo staff della prima squadra: Marco Copello come Segretario Generale, Massimo Pantaleo come Team manager, Michele Mestriner come Addetto all’arbitro, Michele Magliano come allenatore, Gabriele Peano come viceallenatore, Renato Moroni come preparatore atletico, Lucas Biasotti come preparatore dei portieri, Alessandro Stassi come fisioterapista, Carlo Ripa come Medico sociale. Per quanto riguarda le giovanili, Michele Mestriner sarà anche coordinatore fra Juniores e prima squadra, Marzio Morano e Fabrizio Giachino invece si occuperanno dell’organizzazione, Pier Bartolo Giordana seguirà i Primi Calci, mentre Roberto Viviani sarà coordinatore dei rapporti con la Juventus; infine, Valter Quirico come Responsabile di Esordienti & Pulcini, Salvatore Leotta e Vincenzo Corongiu per l'attività di base. Enrico Giacca, vicepresidente del Comitato Regionale Piemonte Valle d'Aosta della Figc-Lnd ha portato i saluti del presidente Mossino e del Consiglio direttivo, augurando all'Ac Cuneo 1905 Olmo di poter tornare a essere un punto di riferimento per il calcio regionale e nazionale.
«È già stato creato l’abbonamento, in vendita presso la tabaccheria N°7 in Piazza Galimberti e lo spaccio del parmigiano in Corso Galileo Ferraris, al prezzo di €100, utile ad assistere alle partite della prima squadra e del settore giovanile – prosegue Vercellone – Stiamo organizzando un torneo per far ripartire il settore giovanile, al quale hanno aderito società di tutto il Piemonte. Per quanto riguarda la prima squadra, la preparazione incomincerà il 2 agosto, mentre il 13 agosto terremo un triangolare con Pedona e Bra alla memoria del giornalista Pietro Carosso, poi un'amichevole con il Chieri, successivamente un'altra con l’Azzurra, in attesa dell’apertura della nuova stagione sportiva».
A concludere l’evento, sono giunti gli auguri da parte di Mario Sanino (presidente del Cuneo fra il 1989 e il 2005).

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400