Cerca

Coppa Eccellenza

Borgovercelli-LG Trino: è già Zenga-mania, Rognone completa l'opera dal dischetto

Il team di Moretto è più equilibrato mentre quello di Gioia patisce l'assenza di una prima punta di ruolo

Borgovercelli, rigore di Rognone

L'attaccante del Borgovercelli Andrea Rognone sta per calciare il rigore del provvisorio 2-0

Pollice in su per il Borgovercelli, che nell’andata dell’abbinamento di Coppa fa suo il primo derby stagionale con il LG Trino, mostrandosi più concreto e già discretamente equilibrato. La squadra di Gregory Moretto si schiera a 3 in avanti, ma con il modulo a fantasista, ritenuto più efficace. Dalla parte opposta Roberto Gioia lancia Brugnera come terminale offensivo ma patisce molto l’assenza in campo di un vero centravanti di ruolo. Il che fa la differenza: 2 gol infatti li segna Jacopo Zenga che si presenta come meglio non potrebbe, ed il centro dal dischetto di Rognone blinda la supremazia borghina. Ospiti da rivedere anche sul piano del gioco, un po’ troppo farraginoso.
Schermaglie Subito in apertura il match perde uno dei suoi sicuri protagonisti. Al 2' infatti Bettini, già acciaccato, deve alzare bandiera bianca dopo il primo allungo. Il tiro di debutto verso la porta è di marca LG Trino al 5': Bissacco carica il sinistro da fuori area e la sfera è oltre la traversa. Alla prima azione di rilievo del Borgovercelli grandi proteste al 7' per un intervento di Laneve su Gnemmi, che stava mettendo in mezzo un pallone interessante da sinistra in area. Ancora trinesi vivaci al 13' dalle parti di Bonassi con una bella sponda di Birolo sugli sviluppi di una punizione ma non ci sono compagni a centro area lesti ad approfittarne. Da qui in poi di distende meglio la squadra di Moretto guadagnando parecchi corner. Sono però due belle azioni personali di Rognone a far tremare la difesa del LG Trino. Al 19' di potenza di destro a rientrare il numero 10 borghino costringe Dinaro alla deviazione in corner, al 23' invece ne esce un bel pallonetto liftato di sinistro che sorvola di poco la traversa. Il Borgovercelli sembra padrone del campo e lo è fino alla mezz'ora, quando improvvsamente si risvegliano i biancoazzurri con un tiro da fuori che si spegne a lato.
Zenga rulez Ed è allo stesso modo un lampo improvviso a portare in vantaggio però dalla parte opposta il Borgovercelli: al 35' bel cross mancino di Gnemmi e Zenga, che più volte aveva reclamato la palla alta questa volta può coordinarsi a meraviglia e colpire di testa incrociando alle spalle di Dinaro. 1-0. Prima de riposo ottimo gioco di gambe di Rognone sulla destra e diagonale pericoloso deviato in corner. Nella ripresa si entra subito nel vivo. Al 1' diagonale teso di Brugnera e buona risposta di Bonassi, la palla arriva a Coppola che sbaglia tutto e spara alto da pochi passi. Altro angolo per il Borgovercelli al 4' e occasionissima per Bertolone, che nel cuore dell'area piccola invece di concludere alza malissimo la palla a campanile. Ci deve poi mettere una pezza Dinaro al 9' nel respingere una bordata mancina di Bertola, penetrato in area con una azione personale.
Gara chiusa Il LG Trino porta palla ma non riesce ad essere granché offensivo, e gioco forza gli strappi del Borgovercelli sono più insidiosi e continui. Su uno di questi, al 20', il neo entrato Trevisio va a prendersi un rigore molto contestato dai trinesi: dal dischetto batte l'ex Rognone che insacca con piacere spiazzando Dinaro. 2-0. Saltano tutti gli schemi anche perché Pane prende due gialli in 120 secondi (il primo per proteste sul rigore, il secondo per fallo su Zenga) e il tris non tarda molto ad arrivare. Questa volta da ottimo centravanti d'area Zenga al 32’ salta a rientrare Laneve e con un tiro rasoterra non dà scampo a Dinaro. 3-0. Che comunque risulta il migliore dei suoi per distacco andando a negare il poker prima a Rognone (colpo di testa ravvicinato al 40'), poi a Trevisio (botta da fuori al 44'). Derby di ritorno domenica 5 settembre al «Picco» di Trino, ma il passaggio del turno sembra cosa già archiviata in favore del Borgovercelli.

IL TABELLINO

BORGOVERCELLI-LG TRINO 3-0

RETI: 35' Zenga (B), 21' st rig. Rognone (B), 32' st Zenga (B).

BORGOVERCELLI (4-3-1-2): Bonassi 6.5, Liberali 7, Gnemmi 7, Rossi 6.5 (30' st Verbano 6), Canino 6.5, Bertolone 6 (15' st Biano 6.5), Premoli 6.5, Bertola 6.5, Zenga 8, Rognone 7.5, Bettini sv (2' Moscardi 6.5, 11' st Trevisio 7). A disp. Hryshko, Cassinis, Giusio, Provera, Rasmi. All. Moretto 7.

LG TRINO (4-2-3-1): Dinaro 7, Laneve 6, Battista 5.5 (10' st Bytyci 5.5), Giarola 6, Baggio 6, Pane 5.5, Chiaria 6 (24' st Zannotti 5.5), Birolo 6.5, Brugnera 5.5 (33' st Zaia sv), Bissacco 6, Coppola 5.5 (22' st Daka 5.5). A disp. Berruti, Vedovato, Anselmo. All. Gioia 6.

ARBITRO: Gasparetto di Collegno 6.

COLLABORATORI: Lo Chiatto di Nichelino e Rapelli di Nichelino.

AMMONITI: Pane (L), Rognone (B), Bytyci (L), Provera (B).

ESPULSI: 24' st Pane (L).

LE PAGELLE

BORGOVERCELLI

Bonassi 6.5 Una sola parata agli albori della ripresa. Ben fatta. Qualche indecisione sui rilanci.

Liberali 7 Un’ottima prestazione anche quando viene accentrato da destra per sostituire Canino. Sempre solido.

Gnemmi 7 Le sue avanzate nel primo tempo sono un’arma in più sulla fascia sinistra. Mette parecchio alle corde Laneve.

Rossi 6.5 Gioca davanti alla difesa, non troppo schiacciato sui due centrali, ed è bravo ad arpionare un sacco di palloni e smistarli.

30' st Verbano 6 Qualche corsa nel finale per alleggerire il gioco.

Canino 6.5 Buona partenza, sempre come leader della difesa. Non conclude il primo tempo per un problema all’adduttore.

38' Provera 6.5 Entra e va a piazzarsi come mezz’ala destra. Gioca una discreta partita innescando bene nella ripresa le punte.

Bertolone 6 Si mangia un gol clamoroso in area piccola ad inizio ripresa. Torna bene a fare coppia con Canino, ma la sfortuna lo colpisce. Sospetto stiramento.

15' st Biano 6.5 Prende in mano le redini della retroguardia con ovvia esperienza. Poco da segnalare dalle sue parti.

Premoli 6.5 Una buona prima mezz’ora, con più di un’avanzata verso l’area opposta inserendosi non solo quando sollecitato.

Bertola 6.5 Il collante giusto tra centrocampo ed attacco. Dinaro gli nega un gol meritato nella ripresa.

Zenga 8 Subito protagonista alla prima occasione. Un gol di testa e uno di piede, con giocate da attaccante di razza.

Rognone 7.5 Si crea ottimamente da solo le occasioni e un buon Dinaro gli leva un paio di gol. Gioia giusta dal dischetto.

Bettini sv

2' Moscardi 6.5 Tanta corsa, come per sue caratteristiche. C’è anche un po’ di costrutto.

11' st Trevisio 7 Oltremodo guizzante. Lascia il segno con il rigore conquistato e con un paio di giocate di fino.

All. Moretto 7 Squadra ben disposta e in grado di reggere anche ai molti cambiamenti in corso d’opera.

LG TRINO

Dinaro 7 Il migliore per distacco della sua squadra, almeno 3 interventi tra primo e secondo tempo a evitare ulteriori gol.

Laneve 6 Si prende un grosso rischio nel primo tempo con un intervento su Gnemmi in area. Grintoso, chiude anche centrale.

Battista 5.5 Non molto tonico sulla sinistra, si lascia spesso puntare senza provare ad anticipare.

10' st Bytyci 5.5 Dentro quando la partita sta per scappare via. Conclude poco.

Giarola 6 Poco filtro davanti alla difesa, ma esce vincitore da molti contrasti.

Baggio 6 Sparacchia via senza problemi quando è pressato, ma lascia spazi di troppo a Zenga.

Pane 5.5 Il secondo giallo è di frustrazione. Poco lucido.

Chiaria 6 Il più giovane in campo (classe 2004), prova a imbastire qualcosa a destra e in parte ci riesce.

24' st Zannotti 5.5 Troppo dispari le forze in campo nel suo spicchio di gara. Va in difficoltà.

Birolo 6.5 Il più propositivo dei suoi tra i giocatori di movimento.

Brugnera 5.5 Davanti non riesce ad incidere, dà il meglio partendo da lontano. (33' st Zaia sv)

Bissacco 6 Inventa nel primo tempo, poi la luce si spegne man mano.

Coppola 5.5 Sbaglia un gol già fatto ad inizio ripresa. Grave errore.

22' st Daka 5.5 Prima ufficiale non fortunata. Pochissime opportunità.

All. Gioia 6 Al di là del risultato ci sono difficoltà evidenti in fase offensiva per l’assenza di un riferimento solido e di ruolo. Senza diventa difficile essere continui nelle giocate.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400