Cerca

L'intervista

Un nuovo "uomo di campo" nella dirigenza del Chisola: Nunzio Lazzaro sarà il Direttore Sportivo vinovese

Seconda esperienza da dirigente dopo l'esordio all'Union Vallesusa: «Impossibile non accettare»

Nunzio Lazzaro

Nunzio Lazzaro, classe 1980, qua con la maglia dell'Union Vallesusa

Un elemento che può fare la differenza da dietro le quinte. L'ultimo colpo di coda del vulcanico presidente Luca Atzori non è un giocatore, ma un uomo che di esperienza ne ha da vendere: Nunzio Lazzaro, ex attaccante classe 1980, ricoprirà il ruolo di Direttore Sportivo vinovese.

Non c'è molto bisogno di presentare Nunzio Lazzaro: ex punta della Primavera del Toro, ha girato mezza Italia a suon di gol, giocando in tante piazze celebri di Serie C e Serie D. Dopo il campionato giocato a Pinerolo (in Eccellenza) nella stagione 2018/19 è tornato nella sua amata Val di Susa, giocando due stagioni nell'Union con il doppio ruolo di calciatore/Direttore Sportivo in supporto del tecnico Mario Gatta. Una doppia avventura che è servita tanto, anche se le due annate non sono terminate a causa della pandemia. «Di fatto questa è la mia seconda avventura da Direttore Sportivo - racconta Lazzaro - Dopo il mio percorso all'Union Vallesusa era tempo di cambiare, l'unico dispiacere è di non aver potuto concludere nemmeno una stagione in questa doppia veste. Adesso è arrivata la chance al Chisola e l'ho colta subito».

Un contatto che è nato da lontano, quando a ridosso dell'inizio dell'Eccellenza 2.0 di questo aprile i vinovesi chiamarono Lazzaro proprio per questo ruolo. Sul momento non si fece niente, ma fu solo una posticipazione dell'accordo: «Mi ha chiamato il presidente Atzori qualche giorno fa - prosegue Lazzaro - Mi ha detto di venire a Vinono il giorno dopo per concludere l'accordo. Non ci ho pensato due volte e abbiamo concluso il tutto. È una chance incredibile per me, soprattuto per il ruolo che ha il Chisola nel dilettantismo piemontese: in poche vantano un'importanza così grande in tutte le categorie. È il passo giusto per proseguire il mio percorso, vorrei dare una mano anche a Marcello Meloni più concretamente sul campo come Direttore Tecnico, anche perché sono ancora molto innamorato del prato verde».

Una fiducia confermata a gran voce dall'uomo che ha voluto Lazzaro in quel ruolo: il presidente Luca Atzori. Cercato e desiderato da quasi un anno, finalmente il numero uno vinovese ha trovato la figura che cercava: «In questo momento c'è da parlare poco e lavorare tanto, Nunzio ci sarà di aiuto per crescere ulteriormente. Parliamo di un professionista che sa benissimo cosa vuol dire vivere il campo, ha delle idee chiare sul modo di vivere il calcio e le condivido in pieno. Ha tanto entusiasmo e darà una grossa mano sia al tecnico Marcello Meloni che ai ragazzi della prima squadra sotto tutti i punti di vista. Mercato? Vedremo, abbiamo ancora un po' di tempo per valutare degli innesti».

Un'ultima domanda sorge spontanea: dobbiamo dire addio al Nunzio Lazzaro calciatore? Risponde il diretto interessato: «Vorrei tanto continuare a giocare, anche perché la forma c'è ancora e avrei bisogno solamente di un periodo di tempo per mettermi in quadro. Però penso che sia arrivato il fatidico momento di appendere gli scarpini al chiodo e iniziare definitivamente la nuova avventura da Direttore». Il Chisola potrà adesso contare su un nuovo uomo di campo con la U maiuscola.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400