Cerca

Eccellenza

Borgaro - FR Valdengo: sinfonia Cacciatore, Valdengo dominato in lungo e in largo per una vittoria mai in discussione

Con questi livelli di prestazione il Borgaro può davvero impersonare l'alternativa più credibile alla corazzata Biellese

Matteo Fontana

Matteo Fontana, giganteggia su Bertani nella sua mostruosa partita

Un Borgaro da dieci e lode prende a pallonate il Valdengo senza mezze misure. Una gara sontuosa, con un primo tempo perfetto, dove tutte le qualità dei ragazzi di Cacciatore vengono fuori declinate al massimo del loro potenziale, ne consegue una prestazione maiuscola di cui il risultato finale di 4 a 1 e una naturale conseguenza. A far da comparsa è il Vladengo di Peritore, apparso in grande difficoltà nell'arginare il gioco avversario nel trovare soluzioni per poter pensare di far male, dove l'affidarsi al solo Bertani è parso davvero troppo poco, in particolare se contenuto da un Fontana a livelli altissimi. 

Una delle migliori prestazioni della categoria parte da dei concetti ben saldi nella testa dei giocatori e portati avanti dalla scorsa stagione, quando è iniziato il percorso di Cacciaotre: squadra aggressiva e con intensità, pressione alta per arrivare alla riconquista veloce e palleggio veloce in impostazione, il tutto con grande movimento, in particolare dei centrocampisti, che vanno ad occupare gli in modo perfetto gli spazi in zona offensiva. 

I primi approcci del Borgaro alla porta di Mastrorillo li tentano Zullo e Orofino con un tiro cross, ma il gol non arriva. I padroni di casa approcciano le prime palle inattive muovendo palla invece di buttar palla nel mezzo, gli schemi sviluppati creano pericoli, ma alla prima palla messa nel mezzo si trova il vantaggio: Zullo batte da destra, la difesa forse non si aspetta il cross e rimane passiva, troppo però, perché la palla passa e si insacca sul secondo palo senza che nessuno batta ciglio. Un vantaggio un po' fortunoso che rende poco merito alla grande qualità di gioco, ma il tutto verrà legittimato nel corso della gara. 

La FR Valdengo si affida alla palla sua Bertani e la sua gestione, al 27' l'attaccante riesce a liberarsi di Mosca e servire verticale uno dei pochi tagli verso il centro di Bottone, ma il suo tiro ad incrociare a tu per tu con Fontana finisce largo. Dopo questo brivido torna a dominare il Borgaro, che nella superiorità a centrocampo fa impazzire Drenica e Saporito che non la vedono mai. Fimognari si dimostra dominatore nel mezzo insieme a Mosca e anche abile negli inserimenti, come dimostra sul cross dalla sinistra di Benassi, dove si infila tra Sella e Grosso immobili e insacca di piede. A questo punto la batosta psicologica per la Fulgor è doppia, perché oltre ad essere sotto nel gioco è sotto anche nel risultato. Infatti prima dello scadere Zullo imbecca Taraschi per il 3 a 0 e Peritore si affida al 4-4-2 per cercare più compattezza e limitare i danni.

A inizio secondo tempo c'è un accenno di reazione degli ospiti che coincide con una piccola pausa del Borgaro, che per qualche minuto allunga la squadra con la linea difensiva che non accorcia al meglio sulle pressioni offensive degli attaccanti. In questa piega del sistema si infila timoroso Roncarolo che mette in rete una palla vagante giunta da un rimpallo su Benassi Andrea. Avvertimento che viene subito carpito, Mosca duetta con Molfetta e entra in area beffando Saporito con un tocco sotto che a sua volta lo travolge, rigore. Taraschi va sul dischetto e incrocia il tiro, 4 a 1 e situazione messa a posto. prova di forza netta del Borgaro che forse non si è mai espresso a livelli così alti in come in questo periodo da quando al timone c'è Cacciatore, l'impressione è che la squadra abbia i meccanismi di gioco ben saldi, una condizione fisica invidiabile e un livello qualitativo individuale più alto che nella stagione passata. A questo punto e su questa strada, Biellese e Stresa sono avvisate. 

IL TABELLINO

BORGARO-FR VALDENGO 4-1
RETI (3-0, 3-1, 4-1): 21' Zunino (B), 31' Fimognari (B), 34' Taraschi (B), 5' st Roncarolo (F), 14' st rig. Taraschi (B).
BORGARO (4-3-3): Fontana 6.5, Benassi 7 (31' st Quaceci 6), Benassi L. 7.5, Fimognari 8, Alasia 7, Fontana 8, Zullo 7 (9' st Molfetta 7), Mosca 8, Taraschi 8 (17' st Sarao 7), Zunino 6.5 (9' st Gilio 6), Orofino 7 (40' st Gerardi M. sv). A disp. Paratore, Leccese, Costa, Tindo. All. Cacciatore 8.
FR VALDENGO (4-2-3-1): Mastrorillo 6, Bocca 5, Sella 5.5, Drenica 5 (9' st Torta 5), Muzzolon 5, Menga 5, Roncarolo 5.5 (9' st Azzara 5), Saporito 5 (36' st Iannacone sv), Bertani 6, Bottone M. 5 (33' st Vanoli sv), Grosso 5 (25' st Velcani 5). A disp. Fatarella, Bagatin L., Bernaudo, Cinguino F.. All. Peritore 5.
ARBITRO: Cipriano di Torino 6.5.
COLLABORATORI: Sciuto e Vallone.
AMMONITI: Quaceci[03] (B), Muzzolon[02] (F).

LE PAGELLE

BORGARO (4-3-3)
Fontana 6.5  Nel primi tempo compie un grande intervento su Bottone recuperando al posizione, però si fa sorprendere sul gol di Roncarolo dove non va giù con reattività.
Benassi 7 Nel primo tempo è sempre pronto a dare una soluzione ampia nel giro palla e una sovrapposizione a Orofino.
31' st Quaceci 6
Benassi L. 7.5 Subito pronto a riconquistare alto e far partire l'azione nella metà campo avversaria. Ci mette pure l'assist col destro per Fimognari. 
Fimognari 8 In crescita continua. Fa entrambe le fasi con intensità per tutta la gara, nel primo tempo trova ottimi tempi di inserimento e uno di questi è premiato col gol. 
Alasia 7 Se deve pulire la zona non va per il sottile. Sempre pronto al raddoppio e alla copertura al compagno di reparto. 
Fontana 8 Bertani gli passa qualche categoria in esperienza ma lui colma il divario e gli fa vedere ben pochi palloni. Per chi non ha fatto almeno la serie B se ne parla un'altra volta, in questa gara prende tutto lui. 
Zullo 7 Anche per lui la crescita fisica è evidente, apre la gara con un po' di fortuna e poi serve il movimento di Taraschi con grande tempismo in occasione del 3 a 0. 
9'st Molfetta 7 Entra con grande voglia di dimostrare e il meglio lo dimostra nel palleggio e il fraseggio con i compagni. 
Mosca 8 Gli avversari gli sbattono contro una volta arrivati sulla linea di metà campo, lui conquista, riparte e allunga la squadra. Fa tutto con qualità e lucidità come in occasione del rigore conquistato. 
Taraschi 8 In versione prima punta non dà riferimenti a Muzzolon e Menga che perdono la bussola e cadono sotto i suoi colpi e gli inserimenti dei centrocampisti. Il Borgaro ha trovato anche la punta centrale, atipica ma lo stesso determinante. 
17' st Sarao 7
Entra con buon ritmo come Molfetta, duetta bene in particolare con Mosca e si infila in area di rigore, manca solo il colpo finale. 
Zunino 6.5 Manca ancora di continuità all'interno della gara, si specchia ancora tanto. Si esalta col tunnel a Bottone e subito dopo si chiude per il ritorno aggressivo dell'avversario. 
9' st Gilio 6 L'impatto meno convincente è il suo, va in confusione un paio di volte e perde il tempo della giocata consegnando palla agli avversari. 
Orofino 7 Il palo con l'aiuto di Mastrorillo gli negano il gol. Non si scoraggia perché resta sempre in partita andando spesso a cercare la giocata per far la differenza. 
All. Cacciatore 8 Ha portato al squadra a un livello decisamente alto, la vittoria è frutto di lavoro su concetti ben precisi, non di una gara preparata secondo le caratteristiche dell'avversario, questo è imporre il proprio gioco. 

FR VALDENGO (4-2-3-1)
Mastrorillo 6 Si dimostra importante per la squadra, risponde bene a Zullo e poi si ripete altre volte su Taraschi e Orofino. 
Bocca 5 Impazzisce con Zullo che viene dentro al campo, Taraschi che si allarga, Benassi in sovrapposizione e Mosca che si butta dentro. Il tutto da affrontare da solo è davvero troppo. 
Sella 5.5 Si dimostra davvero duro da superare nell'uno contro uno ma non altrettanto attento nell'attaccare i palloni che provengono dalla fascia opposta: vedi gol di Fimognari. 
Drenica 5 Passa il primo tempo a rincorrere il giro palla avversario, non sapendo mai se uscire in pressione o tagliare la linea di passaggio non fa nessuna delle due cose. 
9' st Torta 5 Si mette largo a destra provando alcune percussioni che terminano con scelte di giocata errate.
Muzzolon 5 Perde in fretta la calma, si fa chiamare fuori dalla linea difensiva dal pallone troppo spesso, in preda all'agonismo lascia tanti spazi agli avversari.
Menga 5 Anche lui fatica a trovare delle contromisure, non avendo una marcatura di riferimento soffre la situazione. 
Roncarolo 5.5 Non si dimostra pungente sulla destra e nemmeno una buona spalla per Bertani, ma ha la bravura di sfruttare la ribattuta della difesa e marcare il gol della bandiera a tutti gli effetti. 
9' st Azzara 5 Nemmeno lui trova tempi e soluzioni per servire Bertani, soffre la pressione avversaria e combina poco. 
Saporito 5 Nel mezzo sente tutta l'inferiorità numerica e riesce ad arrivare su ben pochi palloni. Dimostra tutta la sua irruenza nell'intervento che causa il rigore che chiude la partita. 
Bertani 6 Isolato la davanti e con un Fontana così è davvero dura, nonostante tutto è l'unico che riesce a far nascere qualcosa si pericoloso per la sua squadra. 
Bottone 5 Un solo tiro nel primo tempo non lo può salvare, si estranea dal gioco restando largo e non aiutando i compagni che soffrono da morire nel mezzo. 
Grosso 5 Anche lui fuori dal gioco, gestisce male i palloni in uscita e in fase difensiva non aiuta ripiegando. 
25' st Velcani 5 Entra e corre dietro al palleggio degli avversari, volontà si, ma non può bastare quella. 
All. Peritore 5 Squadra no, Bertani è troppo isolato davanti e non si vede come si voglia sviluppare il gioco se non cercando il suo appoggio. Nel mezzo si è subito il tre contro due e gli inserimenti dei centrocampisti non sono mai stati assorbiti. Tradito in primis dalla prestazione da molti singoli, ma non ha provato contromisure se non passare al 4-4-2 per limitare i danni. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400