Cerca

Eccellenza

RC Codogno-Lemine Almenno: i locali creano tanto ma non segnano, ci pensa un super Gherardi a salvare il risultato

Una prestazione superba di Gherardi nega i tre punti ai locali, che nell'arco dei novanta minuti si sono dimostrati poco cinici nello sfruttare le occasioni costruite

Codogno-Lemine Almenno:

Le squadre appena entrate in campo, prima del rituale lancio della monetina

Termina a reti bianche la gara tra RC Codogno e Lemine Almenno. I padroni di casa, poco cinici e sfortunati, ottengono il secondo pareggio consecutivo, e recriminano la poca lucidità sottoporta. Gherardi in giornata super nega il gol a Giavardi e Cigognini a inizio ripresa, ripetendosi al 95’ sulla bella punizione di Rossi. La strategia difensiva degli ospiti trova i suoi frutti e i ragazzi di Brembilla salgono a 10 punti in classifica, mentre Giavardi e compagni vanno a quota 8, per la seconda volta consecutiva registrando la cifra “zero” nella casella delle reti segnate.

Lemine Almenno compatto dietro. Curti si affida ad un 4-3-3 con Bernardini e Marinoni a presidiare le corsie esterne di una difesa completata da capitan Giavardi e Cigognini (all’esordio stagionale dal primo minuto, dopo l’infortunio subito nel precampionato). Bazzani dirige in mezzo al campo coadiuvato da Dragoni e Porati. In avanti, D’Aniello e Barilli supportano la punta centrale, Bonelli. Gli ospiti, 9 punti in quattro gare e reduci dal successo casalingo con la Pontelambrese, si difendono a cinque con gli Under Matteo Rota e Zambelli sugli esterni e Mosca, Fratus e Marco Rota a completare una diga difensiva davanti a Gherardi. Brembilla affida a Quadri, le chiavi del centrocampo, con Lazzarini e Daniel Tironi a supportare la manovra. In avanti la coppia-gol composta da Traini e bomber Capelli (già autore di tre gol in quest’avvio di campionato). Il Codogno prova a fare la partita: Bazzani smista molti palloni in mezzo al campo, Marinoni offre un gran contributo in fase di spinta e D’Aniello rappresenta una costante spina nel fianco per gli avversari. Nella prima frazione, gli ospiti, ordinati e compatti, limitano l’iniziativa dei locali con un atteggiamento prettamente difensivo. I ragazzi di Brembilla chiudono le linee di passaggio a Dragoni e compagni, e non offrono la profondità a giocatori come Bonelli e D’Aniello. La gara non offre grandi occasioni. Al 10’ il colpo di testa di Dragoni sul corner di D’Aniello è respinto da Zambelli a pochi passi dalla linea di porta. Al 38’ gran discesa sulla sinistra di Marinoni, il terzino offre un gran pallone a Porati, il cui tiro dal limite dell’area sfiora il palo, dando ai tifosi presenti allo stadio l’illusione ottica del gol.

Gherardi super. Nella ripresa il Lemine Almenno avanza il baricentro. Questa mossa consente ai locali di attaccare la profondità. Dragoni serve D’Aniello che salta due uomini e calcia a rete. Il tiro, deviato da Marco Rota, termina di poco alto. Al 12’ il colpo di testa di Cigognini termina di poco a lato. Il Codogno prende campo e Giavardi gira in porta un pallone vacante nell’area ospite, ma il capitano trova la gran respinta di Gherardi. Il portiere si ripete pochi minuti più tardi sul bel colpo di testa di Cigognini. Brembilla ricorre a forze fresche e riequilibra la squadra ma i suoi ragazzi non trovano mai lo specchio della porta. Le uniche occasioni arrivano su punizione: al 39’ con Capelli (di poco a lato) e al 41’ con Zambelli (di poco alta). I locali provano a vincere la gara ma continua la gran giornata di Gherardi che salva al 43’ sul colpo di testa di Zamble. Al 50’ il portiere ospite si ripete sulla punizione dal limite di Rossi e salva il risultato. Delusione per i locali, che ai punti avrebbero certamente meritato la vittoria. 

IL TABELLINO

RC CODOGNO- LEMINE ALMENNO 0-0
RC CODOGNO (4-3-3): Carriello 6, Bernardini 6, Marinoni 6.5 (21’ st Mazzi 6), Dragoni 6, Cigognini 6.5, Giavardi 6.5, Barilli 6, Porati 6.5 (21’ st Rossi 6), Bonelli 5.5 (16’ st Zamble 6), Bazzani 5.5, D’Aniello 6. A disp. Ossola, Missaglia, Lallo, Pezzi, Troka, Pinessi. All. Curti 6.
LEMINE ALMENNO (5-3-2): Gherardi 7, Rota Mar. 6.5, Zambelli 6.5, Quadri 6 (19’ Fradegrada 6), Fratus 7, Mosca 6.5, Rota Mat. 6 (25’ st Pellegrinellli 6), Lazzarini 6, Traini 5.5 (21’ st Mazza 6), Capelli 5.5 (40’ st Seferi sv), Tironi Daniel 6 (16’ st Fiorona 6). A disp. Roncalli, Camozzi, Tironi Danny, Facchinetti. All.Brembilla 7.
ARBITRO: Saffiotti di Como
ASSISTENTI: Eltantawy di Chiari di e Algieri di Milano
AMMONITI: Bazzani (R), Tironi Daniel (L), Mazzi (R), Bernardini (Rc), Mosca (L)

 LE PAGELLE

RC CODOGNO

Carriello 6 Inoperoso. Il Lemine non calcia mai in porta.
Bernardini 6 Contiene bene Zambelli e spinge con personalità.
Marinoni 6.5 Offre il suo contributo in fase offensiva con cross e dribbling volti a creare superiorità numerica.
21’ st Mazzi 6 Si limita alla fase difensiva.
Dragoni 6 Solita grinta in mezzo al campo.
Cigognini 6.5 Gherardi gli nega il gol. Capelli e Tirani non toccano palla.
Giavardi 6.5 Compone insieme a Cigognini un muro invalicabile. Leader difensivo.
Barilli 6 Dai suoi corner nascono tre grandi occasioni per il Codogno. Meglio nella ripresa da interno di centrocampo.
Porati 6.5 Recupera tanti palloni in mezzo. Non forza la giocata ma contribuisce al buon fraseggio dei locali.
21’ st Rossi 6 La sua punizione meriterebbe maggior fortuna. Gherardi gli nega la gioia del gol al 95’.
Bonelli 5.5 Giocare contro cinque difensori non dev’essere facile per nessun attaccante. Non trova mai lo spazio per concludere a rete.
16’ st Zamble 6 Lotta e attacca meglio la profondità, rispetto a Bonelli.
Bazzani 5.5 Non sempre lucido in cabina di regia.
D’Aniello 6 Sempre raddoppiato dagli ospiti. Due buoni tiri. Si perde col passare dei minuti.
All.Curti 6 La squadra e poco cinica ma anche sfortunata. Ai punti meriterebbe la vittoria.

LEMINE ALMENNO
Gherardi 7 Salva il risultato con la gran parata su Rossi al 95’. Decisivo su Giavardi e Cigognini ad inizio ripresa.
Rota Mar. 6.5 Insieme a Mosca e Fratus compone una linea difensiva imperforabile.
Zambelli 6.5 Corsa, dinamismo e qualità. La sua bella punizione meriterebbe maggior fortuna.
Quadri 6 Cerca di far girare la squadra e prova ad arginare la pressione costante dei locali.
19’ st Fradegrada 6 Sostituisce Quadri ed assume gli stessi compiti.
Fratus 7 Leader difensivo. Annulla Bonelli prima e Zamble poi.
Mosca 6.5 Non lo saltano mai. Di testa sono tutte sue. Prova maiuscola.
Rota Mat. 6 Contiene D’Aniello con personalità.
25’ st Pellegrinelli 6 Spinge un po’ di più di Rota.
Lazzarini 6 Metronomo del centrocampo ospite.
Traini 5.5 Poco supportato dai suoi. Non trova mai il guizzo per impensierire Cigognini e Giavardi.
21’st Mazza 6 Fa salire la squadra.
Capelli 5.5 Non trova mai lo spunto per far male ai locali. (40’ st Seferi sv).
Tironi Daniel 6 Gara di sacrificio in mezzo al campo. Recupera molti palloni.
17’ st Fiorona 6 Entra bene nel match. Vince molti tackle in mezzo al campo.
All. Brembilla 7 La sua squadra è molto ordinata. Concede poco al Codogno. Gioca a cinque per limitare D’Aniello e compagni. La scelta paga.

ARBITRO
Saffiotti di Como 6
Giusta la distribuzione dei cartellini.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400