Cerca

Eccellenza

Club Milano-Rhodense: Raspelli beffato da un autogol di De Giorgio a venti minuti dal termine, terza vittoria consecutiva interna per Scavo

I biancorossi fanno la partita ma passano soltanto per un infortunio del difensore ospite, poi ci pensa Monzani a blindare i tre punti

Andrea Monzani Club Milano

Andrea Monzani ha blindato i tre punti con due grandi parate nel finale

Il Club Milano torna al successo dopo il pareggio col Settimo Milanese, prolungando a tre la striscia di vittorie di fronte al pubblico amico del Vista Vision Stadium. A farne le spese è la Rhodense, che non riesce a dare continuità all'impresa compiuta domenica scorsa contro la Castanese. Dopo un primo tempo segnato dal grande equilibrio, coi biancorossi che provano a fare la partita e gli arancioneri che cercano di rendersi pericolosi con le ripartenze, la sfida si accende nella ripresa. Al 18' Monzani deve superarsi per opporsi coi piedi alla conclusione da posizione defilata di Formato. Sulla respinta la palla termina sui piedi di Di Noto, che da ottima posizione schiaccia troppo col destro mettendo a lato. A spezzare l'equilibrio serve allora un episodio, che arriva cinque minuti più tardi: al termine di un'azione insistita dei padroni di casa, Serralunga trova Caputo in area che lascia partire un bel cross rasoterra; De Giorgio interviene per anticipare Rankovic ben appostato sul secondo palo, ma il sui tocco è maldestro e finisce per infilare un incolpevole Mantovani. A tre dal novantesimo il difensore arancionero prova a riscattarsi svettando su calcio d'angolo, ma Monzani è un gatto e con un grande riflesso smanaccia il pallone prima che questo varchi la linea di porta. Una parata strepitosa che blinda i tre punti che permettono ai milanesi di agganciare provvisoriamente la Vogherese al sesto posto. A enfatizzare la giornata storta degli ospiti, invece, si mette anche la tegola del brutto infortunio subito da Borghi, arrivato in settimana alla corte di Raspelli e già ko in modo piuttosto serio, essendo stato costretto ad abbandonare il campo in barella dopo appena mezz'ora. Mercoledì le squadre torneranno in campo per il turno infrasettimanale dell'Immacolata: il Club Milano sfiderà proprio la Vogherese al Parisi, mentre la Rhodense proverà a rilanciarsi ospitando il Gavirate.

IL TABELLINO

Club Milano-Rhodense 1-0
RETE: 24' st aut. De Giorgio (R).
CLUB MILANO (4-3-3): Monzani 7, Di Maggio 7.5 (48' st Grezzana sv), Caputo 7 (33' st Saronni sv), Costa 6, Benatti 7.5, Diouck 7.5, Cuoco 6.5 (44' st Bastos Moncalvo sv), Truzzi 6, Pelle 6 (44' st Righini sv), Rankovic 6.5, Lo Monaco 6 (19' st Serralunga 6.5). A disp. De Carlo, Calvio, Mayulu, Ramos Fortes Kledy. All. Scavo 7.
RHODENSE (3-5-2): Mantovani 6, Mari 6.5 (22' st Romanò 6), Formato 6, Sabbadin 7 (30' st Ndiaye sv), De Giorgio 5, Malvestiti 7, Zanus 7, Castelnuovo 6 (33' st Schinetti sv), Gentile 6 (43' st Bianchi sv), Di Noto 6.5, Borghi 6 (35' Messaoudi 6). A disp. Romani, Sinisi, Borghetti, Belbusti. All. Raspelli 6.5.
ARBITRO: Di Summa di Varese 6.5.
ASSISTENTI: Monelli di Busto Arsizio e Fantini di Busto Arsizio.
AMMONITI: Pelle (C), De Giorgio (R).

LE INTERVISTE

Giuseppe Scavo (all. Club Milano): «Nel primo tempo abbiamo fatto molto bene nei primi venti minuti, poi abbiamo scoperto il fianco a troppe ripartenze. Nella ripresa abbiamo cambiato sistema di gioco e abbiamo tenuto meglio il campo. Nel complesso credo che se c'era una squadra che meritava di vincere eravamo noi. Abbiamo avuto una reazione importante dopo il passo falso col Settimo, anche se qualcosa da migliorare ancora c'è nel riempire l'area per sfruttare la grande mole di gioco che produciamo. D'altro canto anche oggi non abbiamo preso gol e questo è molto positivo».

Gabriele Raspelli (all. Rhodense): «Abbiamo giocato una buona partita contro una squadra tecnica e dinamica. In fase di palleggio eravamo troppo lenti, però ci siamo resi pericolosi con le ripartenze. Nella ripresa abbiamo sprecato una buona occasione, poi purtroppo ci siamo fatti gol da soli. Anche se hanno tenuto in mano il pallino del gioco Mantovani non ha fatto una parata, invece il loro portiere è stato decisivo in un paio di circostanze».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400