Cerca

Eccellenza Femminile

Monterosso-Accademia Vittuone: Al 43' Franco con coraggio tira in porta da 25 metri, portando la squadra dritta alla vittoria

Le padrone di casa, nonostante l'impegno, non sono riuscite a conquistare il pareggio. Notevole Resmini, che salva più volte il risultato

Accademia Vittuone

Le ragazze dell'Eccellenza Femminile festeggiano la vittoria

La partita affrontata contro il Monterosso era molto attesa da parte dell'Accademia Vittuone. Riuscire a vincere 0-1 contro di loro, una squadra importante e molto competitiva, ha portato grandi soddisfazioni alla squadra de dirigente Stefano Dubini che racconta l'intero andamento dello scontro:«È stata una bella partita, entrambe le squadre hanno un ottimo livello tecnico. Ci tengo a complimentarmi con il loro direttore per l'incredibile gruppo su cui stanno lavorando. Per noi questa partita ha rappresentato il primo grande crocevia di questa stagione. Da ora in avanti ogni partita che andremo ad affrontare rappresenterà un passo fondamentale per le sorti dell'intero campionato». Il primo tempo è stato più sofferto soprattutto nei primi 25 minuti di gioco: «Il Monterosso inizialmente ci ha dato del vero filo da torcere. Facevamo fatica ad inoltrarci nella metà campo avversaria, ma per fortuna abbiamo giocato con molta precisione in difesa. Le poche occasioni che siamo riusciti a creare in questa prima fase sono state abilmente bloccate dal loro portiere Resmini, che anche sul secondo tempo ha parato egregiamente un potente tiro della Vai. Dopo la pausa ci siamo fatti valere un po' di più. Sicuramente siamo stati moralmente agevolati dalla chiusura della Franco che sullo scadere del primo tempo segna il gol della vittoria al 43'. Su un'azione di ripartenza la Franco ha cercato con convinzione di concludere un'occasione che ha voluto fortemente azzardare. Pur avendo la difesa schierata e trovandosi ad una distanza di circa 25 metri, con un lancio lungo ben pensato è riuscita ad insaccare il pallone portandoci in vantaggio. Durante il secondo tempo il gioco degli avversari si è fatto più aggressivo, stavano cercando ovviamente di ottenere quantomeno il pareggio. Ma la squadra ha saputo riconquistare palla ogniqualvolta che i padroni di casa se ne impossessavano, abbiamo lavorato molto bene di ripartenza. È stato fatto un ottimo lavoro sia in attacco che in difesa e questo ci ha permesso di non perdere terreno. Su ogni sezione avevamo una giocatrice che impostava in maniera eccellente il gioco. In difesa molto è stato fatto da Fontana, in centrocampo va sottolineata la prestazione della Belloni e in attacco oltre alla Franco, anche Vai ha dato molto. In generale hanno fatto tutte un ottimo lavoro, non posso dirmi scontento di nessuna di loro, meritano i più sentiti complimenti. Come già detto è stato un incontro importante e cominciamo con moderata soddisfazione a vedere i risultati del nostro duro lavoro».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400