Cerca

Eccellenza

La Pianese-Dufour Varallo: Di Sparti e un autogol di Staccotto al 90' regalano la rimonta ai biancorossi

Il gruppo di Cesano resiste per più di un'ora in 10 vs 11 (rosso a Sagliaschi) e vanno due volte in vantaggio, ma alzano bandiera bianca all'ultimo minuto

Samuel Di Sparti

Samuel Di Sparti ('01) entra dalla panchina e si rivela determinante per la rimonta del La Pianese

La Pianese tira un enorme sospiro di sollievo: il gruppo di Davide Gamba ha avuto bisogno delle parate del nuovo acquisto D’Auria e di tanta fortuna per avere la meglio su una Dufour Varallo decisamente non arrendevole. I neroverdi, costretti per più di un’ora a giocare in inferiorità numerica a causa dell’espulsione di Sagliaschi, sono riusciti ad andare due volte in vantaggio con i rigori di Panariello e Imoh, per poi resistere sul 2-2 dopo le reti di Dimasi ed il subentrante Di Sparti. Al 90’ però è arrivata la beffa per gli ospiti, condannati alla sconfitta da una sfortunatissima autorete di Staccotto.

Panariello chiama, Dimasi risponde. Giornata di debutti: per i padroni di casa si vede per la prima volta il neo acquisto Vincenzo D’Auria, portiere classe 1994 appena arrivato dall’Alpignano. Nella Dufour invece c’è l’esordio del classe 2001 Tennyson Omoregie. Torna inoltre tra i titolari neroverdi dopo otto giornate Davide Sagliaschi (‘03). Pronti-via e dopo neanche un minuto La Pianese va vicino al gol: corner di Comentale, stacco di testa di Ferraris che termina di poco a lato. Anche gli ospiti rispondono da calcio piazzato, ma sul colpo di testa di Panariello D’Auria si fa subito apprezzare dai suoi nuovi tifosi, respingendo con un sensazionale colpo di reni. La partita è viva e piacevole, i ribaltamenti di fronte non mancano, così come le occasioni da gol. Ad andare vicino al vantaggio al 10’ è Geografo, che prova il destro a giro sfiorando la traversa. Il filo conduttore della gara è chiaro: i biancorossi fanno girare la palla e provano ad aprire la difesa della Dufour, che aspetta compatta dietro per poi ripartire in contropiede sfruttando la velocità di Omoregie e Imoh. È però ancora Panariello a sfidare D’Auria, stavolta con un colpo di tacco volante su assist di Staccotto, ma il portiere ex Alpignano risponde ancora presente. Il duello si ripete al 25’, ma stavolta é dagli undici metri: Xhumaqi infatti stende proprio in area Panariello, che dal dischetto trafigge D’Auria e porta in vantaggio gli ospiti. La reazione del gruppo di Gamba è veemente ma troppo frenetica: Carminati non corre particolari pericoli, se non per qualche incertezza sui palloni alti e qualche conclusione dalla distanza di Geografo. Al 32’ però, ecco l’episodio che cambia completamente la partita: Sagliaschi, già ammonito, commette un’ingenuitá colossale, rimediando il secondo giallo e terminando anzitempo la sua gara, lasciando in dieci i suoi in un momento che sembrava molto positivo. Oltre al danno la beffa. Passano pochi minuti ed i padroni di casa trovano il pareggio: bel filtrante di Menabò per Dimasi, che in scivolata buca Carminati e fa 1-1. È l’ultimo guizzo di un bel primo tempo, ma nella ripresa la Dufour dovrà tentare l’impresa in 10 vs 11.

Staccotto, che sfortuna. Nonostante l’inferioritá numerica, Cesano non effettua cambi, ridisegnando il suo schieramento con un 4–4-1, che diventa 4-2-3 in fase offensiva, dimostrando di volerci provare fino alla fine. La scelta si rivela quanto mai azzeccata, dato che al 3’ i suoi ripassano in vantaggio. Imoh scatta sul filo del fuorigioco e viene steso in area da D’Auria, che viene poi di nuovo trafitto, proprio da Imoh, dagli undici metri. Gamba a quel punto non può che fare all in: fuori Longo, dentro Di Sparti, e squadra che passa ad un più spregiudicato 4-2-4. La contesa però si è messa nella condizione voluta dagli ospiti, che si chiudono giustamente a riccio a difesa del nuovo vantaggio. Anche Cesano punta su qualche forza fresca: fuori uno stanchissimo Omoregie, dentro Benincasa, ma poco dopo anche l’allenatore neroverde viene allontanato dal campo dal direttore di gara. Gamba risponde ancora con gli ingressi di Cusenza e Salvaterra, ma niente sembra più smuovere il risultato, con i neroverdi che non lasciano spazi in cui inserirsi. Cirillo è in giornata no, imbrigliato dalla morsa formata da Basabe e Bocchio; ci vuole quindi un’invenzione per trovare il pareggio. È esattamente quello che succede al 26’, quando Di Sparti scavalca Carminati con uno scavetto che vale il pareggio. I padroni di casa si lanciano all’arrembaggio per trovare la vittoria, ma rischiano ancora su un bolide dai 25 metri di Testori, che centra in pieno la traversa. Il forcing finale del La Pianese é più che mai rabbioso: i biancorossi non ci stanno e vogliono a tutti i costi ritrovare i tre punti, ma la retroguardia neroverde sembra reggere. Sembra, perchè sul gong arriva la beffa delle beffe per la Dufour: Cirillo scappa via in contropiede e serve Salvaterra, il cui tiro viene sì respinto da Patrioli, ma finisce poi sui piedi di uno sfortunatissimo Staccotto, che si trova sulla traiettoria e devia il pallone nella propria porta. Il 3-2 finale riporta dunque alla vittoria i biancorossi, salvati dalla fortuna, mentre condanna all’ennesima sconfitta il gruppo di Cesano, che ha avuto però il merito di resistere per più di un’ora in 10 vs 11, rischiando addirittura di portare a casa il bottino grosso.

IL TABELLINO

LA PIANESE-DUFOUR VARALLO 3-2
RETI (0-1, 1-1, 1-2, 3-2): 26' rig. Panariello (D), 36' Dimasi (L), 3' st rig. Imoh (D), 26' st Di Sparti (L), 45' st aut. Staccotto (D).
LA PIANESE (4-3-3): D'Auria 6.5, Enrico 5.5, Ettore 5.5 (22' st Cusenza 6), Ferraris 6.5, Xhumaqi 5.5 (17' st Minosse 6), Comentale 6, Geografo 6.5, Longo 5.5 (6' st Di Sparti 7.5), Cirillo 5.5, Menabo 7 (22' st Salvaterra 6.5), Dimasi 7.5 (41' st Santangeli Dan. sv). A disp. Cata, Benna, Malin, Corcione. All. Gamba 6.5.
DUFOUR VARALLO (4-3-3): Carminati C. 5.5, Patrioli 6, Feccia 6.5, Basabe 7, Sagliaschi 5, Bocchio 7, Omoregie 5.5 (17' st Benincasa 5.5), Staccotto 6, Imoh 7.5, Panariello 7, Testori 7. A disp. Stangoni, Rovei, Lancini, Fonso, Regis, El Sate , Valdez, Musano. All. Cesano 7.
ARBITRO: Verdese di Alessandria 6.5.
COLLABORATORI: Blasi e Palmulli.
AMMONITI: 9' Sagliaschi (D), 25' Xhumaqi (L), 2' st D'Auria (L), 20' st Ettore (L), 25' st Minosse (L), 42' st Basabe (D), 42' st Geografo (L), 46' st Cirillo (L), 49' st Patrioli (D).
ESPULSI: 32' Sagliaschi (D).

LE PAGELLE

LA PIANESE
D’Auria 6.5 Riflesso clamoroso a negare la rete del vantaggio a Panariello. Si ripete sempre su Panariello, stavolta autore di un bel colpo di tacco volante. Mezzo voto in meno per il rigore procurato su Imoh.
Enrico 5.5 Partecipa alla svista collettiva che porta al fallo da rigore di Xhumaqi su Panariello.
Ettore 5.5 Bada a contenere Omoregie, che prova a metterlo in difficoltà con la sua rapidità, lasciando però una voragine in occasione del secondo rigore ospite.
22’ st Cusenza 6 Si rende utile in entrambe le fasi nel concitato finale.
Ferraris 6.5 Va vicino al gol di testa in un paio di occasioni nel primo tempo, dimostrandosi pericolo costante sulle palle inattive.
Xhumaqi 5.5 Panariello gli va via e lui lo stende in area, non lasciando scelta all’arbitro se non quella di fischiare il rigore.
17’ st Minosse 6 Entra nel momento migliore: nell’ultima mezz’ora i padroni di casa non rischiano praticamente più nulla.
Comentale 6 Vertice basso del centrocampo, va leggermente in affanno nel primo tempo, senza però mancare in luciditá.
Geografo 6.5 Sfiora la traversa con un destro a giro che mette i brividi a Carminati, per poi calciare alto da buona posizione a fine primo tempo.
Longo 5.5 Testori lo mette a dura prova con il suo moto perpetuo, senza che lui riesca a prendergli le misure.
6’ st Di Sparti 7.5 Golden sub: entra e crea subito scompiglio nella difesa ospite. Delizioso poi lo scavetto con cui scavalca Carminati e firma il momentaneo 2-2, regalando speranza a tutta la squadra e dando il la alla definitiva rimonta.
Cirillo 5.5 Fatica oltremodo di fronte alla compattezza della difesa neroverde, senza riuscire a ritagliarsi il giusto spazio là davanti. Conduce bene di forza il contropiede del 3-2, riscattando in parte una prova opaca.
Menabò 7 Geniale il filtrante con cui mette Dimasi davanti alla porta. Punta spesso e volentieri Feccia per mettere in mezzo palloni golosi per i compagni.
22’ st Salvaterra 6.5 Segna un bel gol di testa che viene però annullato per fuorigioco. Partecipa alla rete finale causando il rimpallo che conduce all’ultimo sfortunato tocco di Staccotto.
Dimasi 7.5 Dialoga bene con Geografo sull’out di sinistra, ma non disdegna anche il cambio di fascia, svariando su tutto il fronte d’attacco e creando spesso superioritá numerica. Glaciale nel bucare Carminati su assist di Menabò. (41’ st Santangeli sv)
All. Gamba 6.5 Viene salvato da D’Auria e dalla fortuna, con l’autogol di Staccotto al 90’ ad evitare una mancata vittoria in 11 vs 10 per più di un’ora. Azzecca però la mossa Di Sparti dalla panchina e ritrova i tre punti dopo tre sconfitte consecutive.

DUFOUR VARALLO
Carminati C. 5.5 Qualche brivido di troppo sulle uscite alte, senza correre però rischi determinanti. Non benissimo sulle due reti biancorosse, su cui poteva uscire meglio.
Patrioli 6 Palesa qualche difficoltà di troppo nello stare dietro alle folate offensive di Geografo, ma dá una svolta alla sua gara effettuando il lancio che porta al rigore di Imoh.
Feccia 6.5 Concentrato sin da subito, si fa trovare pronto nel duello con Menabò, che per servire l’assist a Dimasi deve girare al largo.
Basabe 7 Sfrutta l’esperienza e stringe Cirillo in una morsa che impedisce alla punta biancorossa di rendersi pericolosa.
Sagliaschi 5 Torna titolare dopo otto giornate, ma rovina tutto con un’ingenuitá colossale, facendosi cacciare dopo 30’ quando la partita sembrava indirizzata sui binari giusti.
Bocchio 7 Segue a menadito le indicazioni del più esperto compagno di reparto, imbrigliando Cirillo e badando al sodo.
Omoregie 5.5 Il nuovo acquisto non trova porzioni di campo sufficienti in cui sprigionare il suo atletismo, specialmente da quando la squadra rimane in dieci.
17’ st Benincasa 5.5 Dovrebbe aiutare in fase difensiva sulla destra, ma è proprio da quella parte che Di Sparti sguscia via e segna il 2-2.
Staccotto 6 Cerca spesso l’assist su calcio piazzato, fondamentale in cui è molto preciso. Nonostante una buona prestazione, la sfortuna si accanisce su di lui: suo il rocambolesco autogol che condanna i suoi alla sconfitta al 90’.
Imoh 7.5 Lotta come un leone su ogni pallone, tenendo su la squadra e guadagnando falli preziosi per far rifiatare tutti. Si guadagna e trasforma il rigore dell’illusorio 2-1.
Panariello 7 D’Auria gli nega due volte il gol in avvio, prima su colpo di testa e poi su un bel colpo di tacco al volo. Lui non molla e anzi, prima si guadagna il rigore per fallo di Xhumaqi, per poi realizzare dagli undici metri il gol dell’1-0.
Testori 7 Mezzala con licenza di offendere, è uno dei più intraprendenti dei suoi nel primo tempo, in cui guadagna metri e punizioni interessanti. Centra una traversa clamorosa nella ripresa con un destro poderoso da 25 metri.
All. Cesano 7 Grande prestazione quella offerta dai neroverdi, che impegnano seriamente D’Auria e vanno due volte in vantaggio (la seconda in inferiorità numerica), per poi alzare bandiera bianca di fronte alla sfortuna solo all’ultimo minuto.

ARBITRO: Verdese di Alessandria 6.5 Ineccepibili i calci di rigore a favore della Dufour Varallo. Qualche dubbio sul secondo giallo sventolato in faccia a Sagliaschi, la cui ingenuitá rimane comunque grave.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400