Cerca

Coppa Eccellenza

Borgaro-Stresa: gialloblù fantascientifici, Bianco e Finamore vivono una notte da oscar firmando il 4-2 finale

I gialloblù sfideranno l'Alba Calcio (vittoriosa nel ritorno 1-0 sul Rivoli) nella finalissima del 6 gennaio

Borgaro-Stresa: gialloblù fantascientifici, Bianco e Finamore vivono una notte da oscar firmando il 4-2 finale

Andrea Bianco e Francesco Finamore, entrambi classe 2001, piegano lo Stresa

La finale di Coppa Eccellenza 2021/22 sarà tra Borgaro e Alba Calcio. Le formazioni di Beppe Cacciatore e Salvatore Telesca bissano i successi dell’andata, battendo ancora una volta rispettivamente Stresa e Rivoli nei match casalinghi. Se ai langaroli è bastato un gol di Cena a inizio ripresa la partita giocata a Venaria tra gialloblù e lacuali è stata letteralmente pazza. 3 gol per tempo e una partita eterna, conclusa poi con la vittoria meritata del Borgaro, con assoluto protagonista il nuovo arrivato Andrea Bianco: fresco di passaggio dal Chieri l’attaccante classe 2001 ha bagnato l’esordio con il Borgaro con una clamorosa tripletta, facendo letteralmente impazzire la difesa dello Stresa. Impossibile non citare anche Francesco Finamore, portierone di casa che nel momento più duro della partita ha parato a Geno il rigore del possibile 2-3, dando una spinta decisiva alla squadra di Beppe Cacciatore. E ora appuntamento al 6 gennaio, quando su campo neutro Borgaro e Alba Calcio si sfideranno per la coppa.

Stresa, primo tempo in Bianco. Che possa esserci un gran Borgaro al Don Mosso lo si può intuire già dai primi minuti. I gialloblù di Beppe Cacciatore fanno girar palla con una facilità disarmante e lo Stresa è già in difficoltà dalle prime battute di gara. Primo lampo targato Sarao, che al 7’ inventa un tiro cross dall’out sinistro che impegna Borella in un gran intervento. Il ritmo dei padroni di casa è elevatissimo, vogliosi di mettere in ghiaccio la pratica da subito: la squadra di Rotolo sembra quasi spiazzata e i tre centrali faticano tantissimo a prendere le misure agli uomini offensivi del Borgaro. Orofino a destra e Sarao a sinistra sparigliano le carte, ma a spaccare la partita è il nuovo arrivato Bianco: l’attaccante classe 2001 del Chieri giganteggia in area e sarà il grande protagonista del primo tempo gialloblù. 20’, 1-0 Borgaro: cross da sinistra di Sarao, Bianco la mette giù, difense palla da vero alfiere d’attacco e in girata infila all’angolino. 4’ dopo cambia la fascia ma non cambia il risultato: 2-0 Borgaro su cross di Andrea Benassi e colpo di testa incrociato nell’area piccola che Borella. Stresa completamente annichilito da un uno-due rapidissimo che costringe Rotolo a cambiare tutto. Fuori Bellocci e dentro Bonura, con passaggio al 3-1-3-2 decisamente più offensivo. Lo scossone si sente e lo Stresa inizia a giocare e dopo 2 minuti accorcia le distanze: tiro da fuori di Zenga, para Finamore ma la palla filtra e sbatte sul palo, la difesa non è reattiva e sulla palla vagante è fulmineo Mancuso nel segnare. Il Borgaro un po’ risente del gol immediato dello Stresa, subentrando un po’ di paura nel ritorno di fiamma dei lacuali. La squadra di Rotolo spinge e la partita si fa più arcigna con qualche fallo di troppo e un paio di cartellini volanti, ma il Borgaro si rimbocca le maniche e torna a riorganizzare le proprie idee. Lo Stresa infatti non sfonda ed è ancora il Borgaro a sfiorare il gol al 39’: Orofino si mette in proprio e come un pivot prova a sfondare verso l’area di rigore, ma arrivato in area è bravissimo Borella a metterci una pezza. Ultimo acuto di un primo tempo pazzesco.

Finamore e Bianco eroi del mercoledì. Se il primo tempo è pazzesco il secondo è pure meglio. Conscio di dover fare un’impresa titanica lo Stresa si riversa in avanti da subito, provando ad assediare l’area di rigore del Borgaro. Nonostante ciò la frenesia dei lacuali induce ad errori grossolani, soprattutto in difesa: al 4’ sbavatura di Salice, che serve un assist involontario a Orofino, che entra in area e calcia a incrociare col destro, sfiorando il palo. Una fiammata solitaria del Borgaro, perché per il resto è assolo Stresa: la formazione di Rotolo sente di dover accorciare i tempi per segnare due gol che vorrebbero dire qualificazione, ma i padroni di casa sanno soffrire e Finamore è un osso duro da superare. Il portiere del 2001 gialloblù salva su Secci al 5' (bella parata in tuffo), mentre non può fare molto sul colpo di testa da corner di Zenga, ma il tiro termina fuori di un soffio. Dopo un lungo provare, ecco che lo Stresa trova il pari: punizione dal limite e pennellata di Frascoia, con la barriera che si apre e inganna indirettamente Finamore che non può far altro che guardare la palla andare in porta. Carica di adrenalina dello Stresa, che assalta l'area di rigore del Borgaro. Al 21', la svolta definitiva: Secci atterrato sulla linea dell'area di rigore, penalty assegnato agli ospiti e Geno pronto a calciare dal dischetto. Ma come un felino Finamore intuisce il tiro alla sua sinistra e blocca il pallone. È la svolta: lo Stresa subisce l'ennesimo contraccolpo mentale della partita e da quel momento in poi perde ordine e punti di riferimento, favorendo il gioco del Borgaro. I gialloblù gettano nella mischia Mosca, che dona linfa vitale importante alla manovra di Cacciatore. La gara è equilibrata: prima ci prova Mosca su punizione ma Borella para, dall'altro lato Secci si infila in area ma Finamore è attento. Fino al 37': corner del Borgaro, palla lunga sul secondo palo, torre di Costa e volée di Bianco, che insacca all'incrocio dei pali. La tribuna del Don Mosso esplode e il Borgaro rimette a distanza di sicurezza lo Stresa. Di fatto la partita è virtualmente chiusa: lo Stresa prova a pungere ma è disordinato, a differenza di un Borgaro ordinatissimo e compatto in copertura. E al 41' ecco il sigillo finale: altro corner (questa volta di Taraschi) e incornata letale di capitan Fontana, che chiude i giochi definitivamente. Gioco, partita e incontro: il Borgaro si prende la finale battendo ancora una volta lo Stresa.

IL TABELLINO

BORGARO-STRESA 4-2
RETI (2-0, 2-2, 4-2): 20' Bianco (B), 24' Bianco (B), 26' Mancuso (S), 18' st Frascoia (S), 37' st Bianco (B), 41' st Fontana M. (B).
BORGARO (4-3-3): Finamore 8, Benassi 7, Benassi L. 6.5 (41' st Leccese sv), Fimognari 6.5, Costa 6.5, Fontana M. 7.5, Sarao 7 (19' st Gerardi M. 6.5), Tindo 6.5 (44' st Montenegro A. sv), Bianco 9, Zunino 6.5 (27' st Mosca 7), Orofino 7 (36' st Taraschi 6.5). A disp. Aseglio Gianinet, Montesanto, Cassetta, Zullo. All. Cacciatore 8.
STRESA (3-1-4-2): Borella 6 (45' st Barantani sv), Bruno 5, Bellocci 5 (24' Bonura 6.5), Frascoia 6.5, Salice 5, Moia 5 (1' st Perini A. 5.5), Secci 6, Scibetta 5.5, Zenga 6 (38' st Coulibaly sv), Geno 5 (27' st Pinton 6), Mancuso 6. All. Rotolo 6.
ARBITRO: Cafaro di Bra 6.5.
COLLABORATORI: Vaglio Agnes e De Giulio.
AMMONITI: Benassi[01] (B), 30' Benassi L. (B), 33' Bruno[02] (S), 6' st Zenga (S).

L'ALTRA SEMIFINALE: ALBA CALCIO - RIVOLI

Un risultato storico per l'Alba Calcio, mai raggiunto nella sua storia. La formazione di Salvatore Telesca certifica il vantaggio ottenuto all'andata sul Rivoli vincendo 1-0 al Coppino di Alba, grazie al pesantissimo gol del centrocampista Luca Cena. Una vittoria che sa di storia per i langaroli, che mai avevano raggiunto questo traguardo nella competizione: sarà una emozionante prima volta per la società di Gianni De Bellis, che sta vivendo un 2021 straordinario certificato ulteriormente dall'ultima vittoria in ordine cronologico. I biancocrociati non si sono risparmiati, schierando tutti i titolari per portare a casa il traguardo. Umore sicuramente opposto per Fabio Nisticò e il suo Rivoli: l'ex allenatore del Chisola manca lo straordinario score della seconda finale di coppa consecutiva proprio sul più bello, riuscendo si a giocare una buona partita ma non abbastanza per piegare la rocciosa squadra di Telesca. Adesso la sfida tra Alba Calcio e Borgaro aprirà il 2022 il 6 gennaio, in un match presumibilmente pomeridiano in campo neutro ancora da decidere. Il Comitato opterà per un campo a metà strada, facendo pensare a un'ubicazione nella provincia sud di Torino.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400