Cerca

Eccellenza

Girone A: due pareggi in extremis, firmati Malvestio e Kamal, caratterizzano i recuperi di una quindicesima giornata ancora segnata dal Covid

La Sestese festeggia il Natale in vetta a braccetto con la Castanese, occasione sprecata per Accademia Pavese e Base 96; si riparte il 5 gennaio

Verbano Sestese Eccellenza

La punizione di Pedrabissi che ha illuso la Sestese

Sono soltanto due i recuperi disputati ieri dei cinque inizialmente previsti. Il Covid, infatti, è tornato a colpire e ha costretto al rinvio di Settimo Milanese-Varesina, Vogherese-Club Milano e Gavirate-Rhodense. Nei due match disputati ha regnato un grande equilibrio almeno nei risultati, con entrambe le sfide terminate 1-1, ma le emozioni non sono affatto mancate sia a Besozzo sia a Seveso.

Verbano-Sestese 1-1
RETI: 27' Pedrabissi (S), 44' st Malvestio (V)
VERBANO (3-4-3): Ruzzoni 6, Dalia 6 (38' st Sana sv), Piagni 6, Fogal 5.5 (26' st Beu 6), Santagostino 6.5, Scognamiglio 6.5, Antonucci 6.5, Malvestio 7.5, Dervishi 6.5, Galli 6 (26' st Okaingni 6), Barranco 6.5. A disp: Palazzi, Zangrillo, Bertoli, Costantini, Costa, Bonina. All. Galeazzi 6.5.
SESTESE (4-3-3): Menegon 6, Mandracchia 6, Frigerio 6.5, Bigioni 6, Cusaro 6, Marioli 6, Lunghi 6.5, Fall 6, Selpa 6, Pedrabissi 7 (34' st Brugni sv), Colombo 6 (38' st Dellavedova sv). A disp: Passaretta, Russo, Tramutoli, Trevisan, Zorzetto. All. Roncari 6.
ARBITRO: Faye di Brescia 6.5.
ASSISTENTI: Moscolari di Bergamo e Zanibelli di Brescia.
AMMONITI: Fogal (V), Pedrabissi (S), Scognamiglio (V), Selpa (S), Cusaro (S), Okaingni (V), Barranco (V).

La Sestese sfiora il colpaccio alla Bomboniera di Besozzo ma viene ripresa proprio al 90' da un Verbano mai domo. A spezzare l'equilibrio è la magia su calcio di punizione da parte di Pedrabissi, che disegna una parabola perfetta a scavalcare la barriera che s'insacca imparabilmente alle spalle di Ruzzoni. Assorbito il colpo i padroni di casa salgono di tono e a dieci dall'intervallo creano una grandissima occasione con Galli, che batte Menegon ma trova l'opposizione di Frigerio che respinge provvidenzialmente il tiro sulla linea di porta. È la miccia che accende i rossoneri, pericolosi un minuto dopo con Antonucci che calcia sull'esterno della rete dando l'illusione ottica del gol. Nella ripresa il Verbano rientra in campo deciso a raggiungere subito il pareggio, a cui va vicino dopo soli pochi minuti con Malvestio, che però manca di poco il bersaglio da buona posizione. Gli ospiti potrebbero chiudere i giochi in contropiede, ma Selpa sbaglia il passaggio a Colombo sprencando una buona occasione in 2 contro 1. Sul fronte opposto Dervishi prova a imitare Pedrabissi dalla stessa mattonella: la conclusione viene deviata dalla barriera spiazzando Menegon ma la sfera accarezza la traversa e termina in corner. Ancora più vicini al gol i rossoneri ci vanno all'87', col colpo di testa di Barranco che si stampa contro il palo. La rete però è nell'aria e un minuto più tardi Malvestio pone fine a un flipper nell'area biancazzurra calciando di potenza alle spalle di Menegon. La Bombonera di Besozzo esplode di gioia per festeggiare la rete che alliunga a tre la striscia di risultati utili consecutivi dei ragazzi di Galeazzi, che restano così attaccati al treno delle prime della classe. La Sestese invece aggancia in vetta la Castanese, ma può recriminare per non aver saputo difendere il vantaggio che le avrebbe permesso di festeggiare il Natale da capolista solitaria. A gioire più di tutti è però la Varesina, che con tre gare da recuperare può sognare di prendere il largo in classifica anche se questo girone d'andata ha raccontato che nessuna partita ha un esito scontato. Così Sergio Galeazzi al triplice fischio: «Oggi sarebbe stato un peccato uscire dal campo senza punti. Purtroppo non abbiamo cominciato bene regalandogli la prima mezz'ora, poi dopo il loro gol ci siamo accesi e nel finale potevamo anche vincerla. Devo comunque fare i complimenti ai miei ragazzi perché 26 punti al giro di boa sono un bel bottino, soprattutto considerando che siamo la squadra più giovane della Lombardia. Al momento siamo secondi a due punti dalla testa, oggi abbiamo pareggiato contro un'ottima squadra e comunque andranno i recuperi chiudiamo il girone d'andata in zona playoff. Questo è motivo di grande soddisfazione e i ragazzi lo meritano per il grande impegno che stanno mettendo dall'inizio del campionato». Fiorenzo Roncari recrimina per il gol subito nel finale ma si gode anche la vetta: «Abbiamo giocato un tempo per uno, resta il rammarico per essere rimasti in vantaggio fino all'ultimo senza riuscire a portare a casa la vittoria. Nel finale dovevamo forse difenderci con più determinazione. Comunque è un buon punto in trasferta che ci ha permesso di arrivare in vetta. Non è stata la nostra miglior prestazione ma le partite si vincono anche soffrendo, essendo meno belli e più cinici. Il cruccio sono un paio di contropiedi che potevano essere gestiti meglio per chiudere una gara che sembrava comunque in controllo. Nonostante ciò oggi sono un allenatore felice perché termino l'anno in testa e con la squadra che è stata protagonista sia in campionato sia in Coppa, sperando che nel 2022 riusciremo ad essere un po' più cinici».

Base 96-Acc.Pavese 1-1
RETI (0-1, 1-1): 32' st Dioh (A), 45' st Kamal (B).
BASE 96 (4-3-3): Porro 6.5, Gerosa 6, De Petri 6, Siviero 6.5 (35' st Fossati 6.5), Lanini 6, Arienti 5, Cesana 7.5, Barbera 6 (24' st Odone 6), Catta 6, Marinoni 6.5, Marinaci 6 (14' st Kamal 7.5). A disp. Citterio, Reyes, Sala, Calì, Severino, Carraro. All. Corti 6.
ACC.PAVESE (3-5-2): Alio 5, Tambussi 7, Masella 6 (7' st Fiorani 6.5), Provasio 6, Tomassone 6.5, Becchi 6.5, Casiroli 6 (21' st Quaranta 6), Maggi 6.5, Dioh 6.5 (41' st Laraia sv), Vassallo 6 (37' Di Mango 6.5), Dioh 7.5. A disp. Filadelfia, Bernini, Russo, Di Chio, Anelli. All. Molluso 6.5.
ARBITRO: Pina di Como 5.5.
ASSISTENTI: Scognamiglio e Crippa.
ESPULSI: 36' Alio (A), 40' st Arienti (B).
AMMONITI: Tomassone (A), Catta (B), Barbera (B), Lanini (B), Gerosa (B).

Occasione sprecata per Accademia Pavese e Base 96, con entrambe le squadre che possono recriminare per un pareggio che mantiene inalterata la situazione di classifica. A partire meglio sono i padroni di casa, che nel loro fortino hanno conquistato 14 dei 17 punti che gli permettono di passare le feste fuori dalla zona playout. La grande mole di gioco prodotta però non viene concretizzata per diversi errori nell'ultimo passaggio, un'imprecisione nella ripresa rischia di pagare a caro prezzo. Eppure i rossoverdi possono contare anche su più di un tempo in superiorità numerica per il cartellino rosso sventolato ad Alio, venuto a contatto fuori area con Cesana fermando quella che per il direttore di gara è una chiara occasione da rete. Il giovane Di Mango però non trema e bagna l'esordio con una buona prestazione, mettendosi in mostra con un paio di ottime parate sulle palle inattive dei locali. A sbloccare la sfida sono allora i biancorossi, grazie a Ekwalla Dioh che mette in mostra tutte le sue doti atletiche e in contropiede sfugge alla difesa avversaria prima di battere Porro. La bilancia sembra pendere ulteriormente dalla parte dell'Accademia Pavese quando Arienti rimedia il secondo cartellino giallo ristabilendo la parità numerica, ma proprio allo scoccare del 90' arriva la zampata del neoentrato Kamal, su cross del solito Cesana, a regalare ai padroni di casa un prezioso pareggio. Per il giovane attaccante classe 2003 ex Folgore Caratese si tratta del primo gol in Eccellenza all'esordio con la maglia del Base 96. Fabio Corti promuove la prestazione dei suoi: «Abbiamo disputato un ottimo primo tempo mettendo in campo tutto il lavoro fatto in questi mesi ma siamo mancati davanti alla porta e nell'ultimo passaggio. Nella ripresa non siamo riusciti a tenere lo stesso ritmo e siamo fisiologicamente calati, anche se il rammarico è specialmente per l'errore che abbiamo commesso sul loro gol. Nel finale con l'espulsione di Arienti sembrava finita ma siamo stati bravi a recuperarla col cuore e il carattere. Chiaramente avremmo preferito festeggiare il Natale con 19 punti, ma siamo ugualmente in media per salvarci e dobbiamo ancora recuperare la partita con la Varesina in cui venderemo cara la pelle». Matteo Meduri, vice di Molluso, commenta così il risultato: «Nonostante l'espulsione di Alio la partita era sotto controllo. Nella ripresa, in dieci, abbiamo forse giocato anche meglio che ne primo tempo. Il gol di Dioh ci ha illuso di poter fare bottino pieno, invece ci resta l'amaro in bocca per il pareggio subito proprio al novantesimo. Rammarico anche per la grande occasione che abbiamo avuto per chiudere i conti con Maggi, ma nella circostanza è stato molto bravo il loro portiere».

I recuperi

Sono addirittura undici le partite ancora da giocare per completare il girone d'andata. Cinque hanno già trovato una collocazione tra il cinque e il sei gennaio, tutte le altre restano da definire con Varesina e Gavirate che sono attese da un tour the force.

Varzi-Pavia 5 gennaio ore 14:30

Calvairate-Castanese 6 gennaio ore 14:30

Accademia Pavese-Varesina 6 gennaio ore 14:30

Vogherese-Sestese 6 gennaio ore 14:30

Gavirate-Vergiatese 6 gennaio ore 15:00

Gavirate-Settimo Milanese da definire

Pavia-Ardor Lazzate da definire

Varesina-Base 96 da definire

Settimo Milanese-Varesina da definire

Vogherese-Club Milano da definire

Gavirate-Rhodense da definire

Prossimo turno domenica 9 gennaio ore 14:30

In attesa di comunicazioni ufficiali da parte del Crl, che potrebbe far slittare la prima giornata di ritorno per consentire i recuperi delle partite rinviate in queste ultime settimane, il 9 gennaio è in programma la sedicesima giornata con diverse sfide interessanti sia per la classifica che per la rivalità tra squadre e tifoserie.

Sestese-Castanese

Verbano-Base 96

Rhodense-Varesina

Vergiatese-Varzi

Calvairate-Club Milano

Vogherese-Pavia

Ardor Lazzate-Gavirate

Settimo Milanese-Accademia Pavese

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400