Cerca

Finale Coppa Eccellenza

Borgaro-Alba Calcio: la coppa vola in Langa, Corradino eroe dell'impresa biancocrociata

Il portiere di Telesca tiene a galla i suoi dopo pochi secondi e neutralizza Taraschi dal dischetto. La risolvono Erbini e Galasso ai supplementari

Borgaro-Alba Calcio: la coppa vola in Langa, Corradino eroe dell'impresa biancocrociata

Carmine Esposito alza la coppa per l'Alba Calcio • Foto Cunazza

C'è uno che fa i miracoli, anche se bambinello non lo è più da un po', e poi ce ne sono tre che gli portano in dono tre gol pesantissimi. È l'Epifania dell'Alba Calcio che, con una partita di sofferenza contro un tanto arrembante quanto sfortunato Borgaro, si porta a casa la Coppa Italia Eccellenza al termine dei tempi supplementari per 1-3. Nel presepe vivente di Vinovo a fare i re magi ci pensano Edoardo Delpiano, che in dono porta l'eurogol dello 0-1 nel primo tempo, Mario Erbini, pallonetto su Finamore nel primo tempo supplementare, e Andrea Galasso, che di potenza chiude i conti nel finale. I riflettori però vanno su chi il risultato l'ha salvato nei primi istanti di gara e nel secondo tempo parando un rigore: ovvero Paolo Corradino, portiere classe '86, che viene votato dai giornalisti come migliore in campo della finale.

Subito San Corradino. Non c'è tempo per studiarsi, la finale è troppo breve e importante per temporeggiare. Allora tutti subito a suonare il proprio pezzo forte. Il Borgaro a pressare alto, guidato dal suo riferimento offensivo Andrea Bianco coadiuvato dagli scudieri Orofino e Taraschi. Tridente che si procura un'occasione dopo pochissimi secondi. L'attaccante ex Chieri ruba un pallone sporco al limite, ma l'uscita di Paolo Corradino si rivela efficace anche per il tentativo successivo di Orofino. Un inizio infiammato che fa capire che Telesca e Cacciatore devono giocarsi subito le loro carte. I gialloblù ragionano maggiormente, facendo partire un gioco arioso con Fimognari che si abbassa tra i centrali Fontana e Costa per fare da play e cercare o un movimento delle mezzali (Zunino e Tindo ben braccati da Ozara, Delpiano e Cena) o qualche suggerimento lungo su Orofino (se serve gamba nello spazio), su Bianco (se servono muscoli). L'Alba Calcio risponde con una linea di pressing bassa, ma magistralmente organizzata. Pochi spazi dalla linea di centrocampo in giù e un 4-2-3-1, con Delpiano a fare da jolly, pronto a ripartire in velocità. I langaroli fanno guerriglia e dalla guerriglia scaturisce un lampo di luce che spacca la partita. Azione sulla destra al 12', cross di Cornero che, dopo un paio di rimpalli, termina sul piede fantasioso e geniale di Delpiano. Tiro in volée dal limite diretto all'incrocio e corsa sotto la tribuna per festeggiare lo 0-1.


Timida reazione. La prima reazione è al 16' ed è un mix di istinto ed esperienza. Luca Benassi batte velocemente una rimessa laterale sulla destra direttamente per Bianco che, dopo essersela portata sul destro, calcia e trova la deviazione di Corradino. Quanto basta per far scivolare la palla lentamente sul palo e riabbracciarla in un secondo momento. Dopo questa fiammata l'Alba torna in riga e il Borgaro torna col pallino del gioco in mano, ma è un gioco lento e prevedibile e tra qualche tiro da fuori e qualche punizione subita, Esposito e Cinquemani accompagnano il risultato fino all'intervallo.

Assalto all'arma bianca. La reazione vera del Borgaro è tutta il secondo tempo: le uniche modifiche iniziali che Cacciatore apporta ai suoi è far abbassare Zunino a impostare dal basso per alzare la fisicità di Fimognari a lottare insieme a Tindo sulla trequarti di un 4-3-3 sempre più a trazione anteriore. La trazione si vede e l'Alba fatica sempre più a uscire con i denti e con la garra come nel primo tempo. La prima occasione per un Borgaro arrembante è di quelle più golose: scambio elegante al limite tra Bianco e Tindo con quest'ultimo che arriva un secondo prima sul pallone rispetto a Cinquemani. O almeno, questo è il giudizio di Sacco di Novara che assegna un rigore utile però soltanto ad aumentare la gloria di Paolo Corradino che indovina un non irresistibile rigore di Taraschi. Partita stregata o meno il Borgaro preme sempre di più: Fimognari a rimorchio su assist di Taraschi viene ancora neutralizzato da un super Corradino, il colpo di testa di Bianco sfiora il palo... Ci vuol fortuna e questa la fornisce il langarolo Cena inaspettatamente al 21' che con un retropassaggio di testa serve un Tindo desolatamente solo vicino all'area piccola. Il bomber di coppa stenta a crederci, ma ringrazia e pareggia i conti.

Strategia Telesca. Con un secondo tempo in sofferenza e uno svantaggio piscologico del genere, i biancocrociati di Telesca non possono fare altro che stringere i denti e aspettare i supplementari per riordinare le idee e far raffreddare lo spirito gialloblù. L'obiettivo viene raggiunto, nonostante ancora una decina di minuti in cui i subentrati offensivi di Cacciatore, Mosca e Molfetta, cercano di sparigliare ulteriormente le carte. Dura però poco e con un pizzico di guerriglia i langaroli arrivano al 90'. Non solo il piano ha funzionato, ma si è rivelato vincente perché nel primo tempo supplementare il Borgaro produce poco dalle parti di Esposito e reparto, ma l'Alba torna a tirare, a sperare e infine a sorridere. Al 7' il 2002 ex Chieri Nania piazza una bella botta sotto la traversa che Finamore neutralizza in angolo, poi al 13' si rivede una corsa sotto la tribuna cuneese: palla lunga, Cornero spizza per la vecchia volpe Erbini che alla prima vera occasione della partita, con una palombella, supera Finamore. 1-2 che taglia le gambe al Borgaro e lo stratega Salvatore Telesca non fa altro che gestire inserendo un fresco Alan Rossi al fianco di Nania davanti per sfruttare le praterie che il Borgaro lascerà da qui al termine. Lo spazio c'è e viene sfruttato, ma da Galasso, su assist appunto di Alan Rossi, che in campo aperto sfida Finamore a tupertu sparandogli un siluro addosso che però gli torna sul petto andando a terminare in rete per il definitivo 1-3. Nel mentre sono apparse le stelle su Vinovo, ma al triplice fischio a splendere è solo quella di Paolo Corradino (MVP della finale) e compagni. È l'Epifania ed è una stella cometa che porta la Coppa Italia Eccellenza Piemonte Valle d'Aosta ad Alba.

LE PAGELLE DEL BORGARO

LE PAGELLE ALL'ALBA CALCIO

LE DICHIARAZIONI A FINE GARA

Giuseppe Cacciatore, allenatore del Borgaro: «A tutti piace vincere, ma preferisco perdere giocando a calcio che vincere senza giocare. Oggi ha vinto la squadra che non ha giocato. Gli episodi ci hanno penalizzato perché dopo pochi secondi avremmo potuto segnare e da lì sarebbe cambiata la partita. In più abbiamo sbagliato il rigore».

Salvatore Telesca, allenatore Alba Calcio: «Abbiamo incontrato una squadra molto forte. Erano sicuramente i favoriti. Sapevamo che a loro piace costruire partendo dal basso. Li abbiamo aspettati facendo il nostro gioco e abbiamo vinto meritatamente. Per lunghi tratti abbiamo tenuto in mano il gioco. Vittoria limpida».

IL TABELLINO

BORGARO-ALBA CALCIO 1-3
RETI (0-1, 1-1, 1-3): 12' Delpiano (A), 21' st Tindo (B), 13' pts Erbini (A), 7' sts Galasso (A).
BORGARO (4-3-3): Finamore 7, Gilio 5.5 (1' Benassi sv), Benassi L. 7.5, Fimognari 7.5 (22' st Mosca 6), Costa 7, Fontana M. 7, Taraschi 5 (22' st Molfetta 6.5), Tindo 8, Bianco 6.5, Zunino 7 (1' Gerardi M. sv), Orofino 7.5 (45' st Sarao sv). A disp. Aseglio Gianinet, Alasia, Leccese, Montenegro F.. All. Cacciatore 7.
ALBA CALCIO (4-2-3-1): Corradino 8.5, Coppola 7 (11' Medda sv), Arkaxhiu 7 (24' st Nania 6.5), Cena 6.5, Esposito 7.5, Cinquemani 7 (35' st Dell'Anno 7), Cornero 7, Ozara 7, Erbini 7.5 (1' Rossi 6.5), Delpiano 7 (26' st Guienne 6.5), Galasso 8. A disp. Costamagna, Gili G., Adriano, Zara. All. Telesca 9.
ARBITRO: Sacco di Novara 7. Una finale è sempre complicata. La dirige molto bene attuando un metro più disteso nella prima frazione, risultando più intrsnigente con l'utilizzo dei cartellini col passare dei minuti.
COLLABORATORI: Bertaina di Bra e Mandarini di Bra.
AMMONITI: 17' st Galasso[00] (A), 31' st Benassi L. (B), 13' Erbini (A).
NOTE: Al 10' st Corradino (A) para il rigore a Taraschi (B).

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400