Cerca

Eccellenza Femminile

È la dura legge del gol: Acerbis sbaglia, Salvo punisce le bresciane

Cincotta e le sue leonesse si rialzano dopo la sconfitta di Vittuone: quarto posto nel mirino

Football Leon Femminile

L'esultanza delle Leonesse di Lesmo dopo il gol del 2-1

È una vittoria pesante e di fondamentale importanza quella che le ragazze di Stefano Cincotta riescono a conquistare nella sfida contro il 3Team. A partire del fatto che si trattava di uno scontro diretto per il quinto posto, fino alla necessità di rialzarsi dopo una settimana non troppo positiva. Ecco allora una prestazione che, almeno nel complesso, si può dire soddisfacente: le Leonesse di Lesmo non brillano, ma danno prova di grande carisma e determinazione contro un 3Team che sembra a tratti giocare con il freno a mano tirato. Zuccher, infatti, paga il fatto di aver optato per una gara forse troppo attendista, specie visti i valori effettivi in campo. Il voler affondare spesso e volentieri in situazione di contropiede paga solamente per certi tratti del match, e la poca concretezza nella gestione della sfera alla lunga si ritorce contro. Il tutto però fa capo alla vecchia regola del calcio: gol sbagliato, con Acerbis che manda sul fondo un 1 contro 1 tanto goloso, gol subito con Salvo che si fa perdonare dopo una prova opaca.


A caccia di riscatto. Serve per prima cosa, in casa Lesmo, smaltire i postumi di una settimana aperta della rovinosa caduta in casa del Vittuone. Le ragazze di Cincotta hanno il dovere di rialzarsi e per farlo si affidano ad un 4-3-3 con Riella e Ostini a supporto di Salvo, terminale offensivo. Zuccher, lato 3Team, si schiera a specchio: in mezzo Bellussi viene supportata da Rossini e Pagnoni, in avanti invece agiscono Sisti, Piona e Vacchi. La lettura e l’interpretazione di questo modulo sono le medesime: possesso intelligente, salta la prima di linea di pressione e cercare il lavoro continuo e forte degli esterni. Le bresciane inizialmente forse lo interpretano meglio, latitando però quanto a occasioni create che arrivano in definitiva solamente da palla inattiva. Le brianzole, al contrario, crescono alla lunga e pagano spesso e volentieri il mancato passaggio finale a pulire le numerose sortite offensive sviluppate. Ecco allora arrivare in soccorso di Cincotta il mezzo definitivo di salvezza per le partite così rudi ed equilibrate: il calcio d’angolo. Il primo tempo si risolve infatti al 41’ con il corner di Salvo che premia a centro area la deviazione vincente di Postiglione, che da due passi trova la zuccata che sblocca il match.

Legge del gol. L’avvio nella ripresa è tutt’altro che brillante: torna a prevalere l’aspetto rude del gioco, con la palla che fatica a venire fuori dalle gambe delle zone centrali del campo per una prova tecnica che inizialmente è poco piacevole. Se l’episodio del corner aveva favorito Cincotta, sul finire di primo tempo, nella ripresa ci pensa la retroguardia di casa a regalare a Zuccher il penalty che riapre i conti. Pasticcio che porta De Sanctis al fallo in area per il rigore che Leali realizza, ristabilendo cosi la parità. Episodio che riporta la gara sui binari che avevano aperto il ritorno in campo delle due squadre, tornate momentaneamente a darsi battaglia: la Football Leon cerca di venire avanti con il palleggio ed un baricentro più alto e offensivo; le Bresciane invece vanno nell’ordine della compattezza e della difesa per provare a punire poi in ripartenza. Una soluzione che tende a portare dei buoni frutti, vista qualche buona soluzione che però spesso si tramuta in un nulla di fatto. Al 33’ però ecco che i tanti palloni che prima risultavano lunghi di pochi centimetri, riescono finalmente a premiare il taglio di Acerbis che parte in solitaria contro De Sanctis. Una palla che oramai sembra destinata al gol, tanto da far esultare in anticipo, termina la sua corsa a lato della porta difesa dalla numero 1 di Cincotta. Gol mancato che si trasforma in una spada di Damocle che pende sulla testa di Zuccher, che poco più tardi deve fare i conti con la numero 9 di casa. La risolve infatti Rosangela Salvo, al minuto 35’, con un diagonale mancino che non lascia scampo all’estremo difensore avversario. Cincotta esulta e scappa, il 3Team resta ferma al palo pagando a caro prezzo 10’ secondi di mancato cinismo.


IL TABELLINO

Football Leon - 3Team 2-1
RETI (1-0, 1-1, 2-1): 41’ Postiglione (FL), 7’ st rig. Leali (3T), 35’ st Salvo (FL).
FOOTBALL LEON: De Sanctis 6, Boffi 6, Redaelli 6.5 (42’ st Vismara sv), Postiglione 7.5, Campagnoli 6.5, Ambrosoni 6, Ostini 5.5 (26’ st Di Iorio 6), Talarico 6 (17’ st Sessa 6), Salvo 7 (39’ st Pozzoli sv), Caspani 6, Riella 5.5 (9’ st Spagna 6.5). A disp. Colombo. All. Cincotta 6.5.
3TEAM (4-3-3): Massimo 6.5, Gallesi 5.5 (30’ st Palini sv), Afriyie 7, Rossini 6 (19’ st Baroni 6), Leali 6.5, Vacchi 6, De Giglio 5.5 (17’ st Acerbis 6.5), Pagnoni 6.5, Piona 6 (15’ st Diana 6.5), Sisti 5.5, Belussi 6.5. A disp. Visentini, Bonometti, Barucco. All. Zuccher 6.
ARBITRO: Bonfanti di Bergamo 6.5.
AMMONITE: Afriyie (3T), Salvo (FL), De Sanctis (FL).

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400