Cerca

Eccellenza

«Questo gruppo mi mancherà, ma volevo dare una scossa all'ambiente»

Sul ribaltone di Pavia: «Abbiamo spento la luce, ci è sempre mancato un centrocampista d'esperienza»

img_0112-640x360

Fabio Corti, dimissionario dalla Base 96 dopo la sconfitta subita a Pavia

Domenica sera, dopo il ribaltone subito a Pavia (da 0-3 a 4-3), ha avuto fine l'avventura di Fabio Corti alla Base 96. Il tecnico sevesino, visto il lungo periodo non positivo, tra mancanza di lucidità sotto porta, assenze ed episodi sfavorevoli, ha deciso di lasciare i suoi sperando che il nuovo corso possa dare la scossa giusta. 

Come stai dopo qualche giorno dalla decisione presa?
«Non molto bene, sono un passionale e mi mancano già i miei ragazzi. Con piacere ho notato che quasi tutti mi hanno scritto o chiamato per ringraziarmi come uomo e allenatore per il percorso fatto. Avevamo fatto cose importanti nonostante i tanti problemi incontrati, è un peccato perché la vittoria domenica ci avrebbe migliorato di molto la nostra posizione in classifica».

Come ti spieghi quanto successo a Pavia?
«Non abbiamo fatto una buona lettura; dopo aver subito il primo gol abbiamo totalmente spento la luce e non ci siamo più stati di testa. Si è sentita come molte altre volte l'assenza di un giocatore esperto in mezzo al campo che possa fare da  allenatore in campo. Abbiamo perso Barbera, Odoni, Marinoni e altri, anche in panchina avevo solo giovani. Abbiamo messo tutti anima e corpo per far funzionare il nostro 4-3-3, siamo una squadra vera e funzionante nonostante tutto».

Cosa servirà secondo te al tuo sostituto per raggiungere l'obiettivo salvezza?
«Dovrà sicuramente tirare su il morale del gruppo, che secondo me è eccezionale e fatto di veri uomini sempre sul pezzo. Anche se durante l'anno siamo andati sotto parecchie volte non abbiamo mai mollato, sempre provando a fare la partita. Ho preso questa decisione principalmente per dare una scossa all'ambiente, mandare un messaggio alla squadra così come alla società».

Chiaramente ora sarà anche complicato per la società trovare un sostituto all'altezza considerata la situazione di classifica e il poco tempo a disposizione. Fondamentali saranno sicuramente le motivazioni che questa nuova figura saprà trasmettere ai ragazzi dell'ormai ex Corti. Domenica in casa con la Vergiatese sarà la prima di altre 7 gare da giocare come finali.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400