Cerca

Eccellenza

Vito Tisci, quella leggerezza che getta discredito su tutti i Dilettanti

Istituzioni inadeguate a guidare il calcio, e poi ci si chiede perché non andiamo ai Mondiali

Eccellenza pugliese, quella leggerenza che getta discredito su tutti i Dilettanti

Una rappresentazione dei dirigenti federali che guidano il nostro calcio

Non si è ancora placato l'eco di quel 40-0 in terra di Sardegna che le istituzioni calcistiche danno prova di tutta la loro inadeguatezza a gestire il calcio italiano. Non solo, con queste scelte si rischia di gettare discredito su tutto il mondo dei dfilettanti. La storia questa volta arriva dal campionato pugliese di Eccellenza regionale ma coinvolge anche le nostre squadre. In prima battuta il Ciliverghe che, seppur sconfitto per 3-0 nella gara di andata di coppa con il Salsomaggiore, resta tuttavia in corsa per un posto in Serie D, ma di riflesso tutte le seconde classificate.

A portarla alla luce quel segugio che porta la firma di Giorgio Mansanti, direttore di Emilia Gol che con il suo sito riporta quotidianamente notizie sul calcio di Parma e dintorni. Il Manso, dopo la vittoria dei termali si guarda intorno per capire chi potrebbe essere la prossima avversaria. Il 3-0 rifilato al Ciliverghe sembra essere un risultato che porta dritto alla finale e chi potrebbe essere l'avversario? Il Barletta. I pugliesi devono affrontare i sardi dell'Ossese e non è detto che sia una pura formalità, ma la tradizione, il blasone, e soprattutto l'organico fanno pensare che i pugliesi vinceranno non solo la partita ma anche la coppa. Anzi, sono quasi sicuri di riuscire di farcela.

E qui bisogna fare un piccolo passo indietro per ricordare che in questa stagione sportiva non in tutte le regioni chi vince il campionato sale direttamente in Serie D. In alcune regioni infatti, con la pandemia ancora in agguato, a settembre hanno optato per una via più prudente. Alcune regioni hanno preferito aumentare il numero di gironi, diminuire quindi il numero delle squadre e di conseguenza le partite da disputare. In questo modo il campionato è stato più corto ma comunque le regioni non hanno acquisito il diritto di portare in Serie D più squadre.

È proprio il caso della Puglia che aveva un solo girone prima della pandemia mentre a settembre ha optato per disputare il campionato con due gironi. Di conseguenza, per decretare la vincente di Eccellenza regionale Puglia a fine stagione era previsto lo spareggio tra le vincenti dei due gironi che, nella circostanza, sono da una parte il Barletta e dall'altra il Martina. E questa è la storia.

Ma dov'è che improvvisamente va tutto a carte quarant'otto? Quando le due società si sentono e chiedono al Comitato regionale Puglia presieduto da Vito Tisci di spostare a dopo la finale di coppa Italia lo spareggio. Ora, se appare evidente che le due società su questo aspetto possono anche avere un legittimo interesse, il Barletta si dedica alla coppa senza ulteriori impegni, il Martina spera di trovarsi poi di fronte un Barletta con in tasca la Serie D e quindi meno motivato, il comitato regionale avrebbe dovuto immediatamente dire di no.

Perché l'esito di quello spareggio non coinvolge esclusivamente le due squadre bensì tutte quelle che sono ancora in corsa in coppa e quelle che arriveranno ai playoff. Se il Barletta vince la coppa, ma fosse vincitore dello spareggio a salire in Serie D sarebbe la finalista di coppa. In caso contrario no e quindi falserebbe l'esito della competizione. Se il Barletta vince poi come si presenta allo spareggio con il Martina? E se il Martina sale in Serie D chi va agli spareggi? Un'altra formazione pugliese?

Ora, che un comitato regionale tuteli gli interessi dei propri club è lecito e doveroso, ma non a scapito dell'intero movimento in termini di credibilità. Perché siamo anche certi che se non si pone un rimedio a questo pasticcio i primi a fare passerella saranno proprio i dirigenti federali. Quegli stessi che sul caso del 40-0 in Sardegna prima hanno creato il caso e poi si sono scandalizzati. Care società, quand'è che li mandate a casa questi incompetenti?

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400