Cerca

Eccellenza

Borgaro si prepara all'evento playoff, Orofino sfodera il vestito Bianco per l'occasione

Cacciatore passa contro l'Oleggio e si prende il secondo posto in classifica ai danni della Biellese

Orofino

L'esterno di Cacciatore indirizza la gara con giocate determinanti

Il Borgaro ha compiuto il sorpasso sulla Biellese e ora il destino è tutto nelle sue mani. Dopo un primo tempo dominato dal punto di vista del gioco e delle occasioni resta solo un piccolo rammarico a Cacciatore, un solo gol fatto non lascia tranquilli e tiene aperta la porta al ritorno dell'Oleggio che non demorde, ma Orofino e compagni sanno giocare anche in ripartenza, proprio così chiudono i giochi conducendo una gara di grande maturità. Gli Oranges faticano sin da primi minuti ad arginare le uscite del Borgaro, che nel mezzo del campo crea superiorità e numerose soluzioni con Mosca, Tindo e Zunino, facendo andare in confusione i due centrocampisti di Ferrero, Antonioli e Legnani. 

Sarao è l'arma utilizzata nei primi minuti, si fa trovare sempre largo dove la scalata di Punzo e in ritardo e il raddoppio di Roveda assente, così dalle sue iniziative palla al piede nascono i pericoli: nei primi tre minuti vanno al tiro Mosca dal limite e Sarao da dentro l'area. Poi al 13' sempre Sarao va sul fondo e trova Orofino sul secondo palo, ma Zuliani salva tutto sulla linea di porta. L'Oleggio non trova sbocchi, Blanda non è ispirato e Roveda arranca, il solo movimento di Vitali a venir fuori dalla difesa per liberare spazi a Caporale non fa breccia. Cosa che invece fa Sarao che sfonda ancora sulla sinistra mette al limite per Tindo, ma il mancino è ancora alto. Al 30' si vede l'Oleggio con un tiro da fuori di Caporale nato da rimessa laterale, bravo Finamore a respingere. 

Ma il fianco destro Oranges è sofferente e prima del finire di tempo da quella parte arriva l'occasione per il vantaggio dei padroni di casa: Gilio si sovrappone a Sarao e porta palla in area, Roveda in uno dei suoi rari ripiegamenti dimostra di non essere a suo agio in area di rigore e affonda il tuttofare di Cacciatore, rigore. Dal dischetto va il solito Orofino che spiazza Rota e firma un prezioso quanto stretto uno a zero. 

Nella ripresa Ferrero si affida a una punta fisica per impegnare nella marcatura i centrali e allarga Vitali, complice anche un cambio ritmo del Borgaro arrivano delle occasioni interessanti: Caporale mette alto di testa dopo la punzione di Vitali e Finamore blocca il tiro di Zuliani da dentro l'area di rigore, ma l'occasione più nitida è sulla testa di Blanda che però mette fuori da buona posizione. L'inserimento di Bianco ha l'obiettivo di allungare la squadre e sfruttare gli spazi in profondità che gli ospiti concedono nella ricerca del pareggio. Spazi che sfrutta anche Molfetta, che complice uno scivolone di Maiorino si trova a poter calciare davanti a Rota che però si oppone. 

Rota che non può nulla al 37' quando Orofino mandato lungo lascia indietro Legnani e va sul fondo da destra, palla tesa nel mezzo per Bianco che arriva in spaccata e insacca demolendo il morale ospite e rispondendo agli scettici che avevano accolto il suo ingresso in campo. Gara quindi chiusa, con ultima occasione sui piedi di Gerardi dal limite parata di Rota. Ora il Borgaro, forse la squadra che offre le migliori trame di gioco del Girone, andrà a giocarsi tutto sul campo dello Stresa, la squadra che senza dubbio si è dimostrata la più efficace del campionato. 

IL TABELLINO

BORGARO-OLEGGIO 2-0
RETI: 33' rig. Orofino (B), 37' st Bianco (B).
BORGARO (4-3-3): Finamore 6.5, Benassi A. 6.5 (17' st Leccese 6), Benassi L. 6.5, Fimognari 7, Mosca 6.5 (31' st Quaceci sv), Gilio 7, Sarao 6.5 (19' st Molfetta 6), Tindo 6.5, Taraschi 6 (11' st Bianco 7), Zunino 6.5, Orofino 8 (38' st Gerardi M. sv). A disp. Aseglio Gianinet, Montesanto, Moscogiuri, Muscato. All. Cacciatore 7.
OLEGGIO (4-2-3-1): Rota 6, Punzo 5 (4' st Oronsaye Ma. 5.5), Zuliani 6 (23' st Cestagalli 6), Legnani 5.5, Maiorino 6, Casarotti A. 5.5, Blanda 5 (38' st Gioria sv), Caporale 6, Vitali 6, Antonioli 5.5, Roveda 5. A disp. Baglieri, Sironi, Riginelli, El Akri, Frau, Oronsaye Mi.. All. Ferrero 6.
ARBITRO: Borello di Nichelino 6.
COLLABORATORI: Rizzo e Stevanin.
AMMONITI: Taraschi (B), Benassi A.[01] (B), Gioria[00] (O).

LE PAGELLE

BORGARO(4-3-3)
Finamore 6.5
 In cerca di fiducia, si comporta bene sulle conclusioni di Caporale e Zuliani. 
Benassi A. 6.5 Si oppone bene a Blanda non lasciandogli spazi per rendersi pericoloso. 
17' st Leccese 6 Tiene bene la posizione difensiva, da trovare coraggio in fase propositiva. 
Benassi L. 6.5 Imposta la manovra con il suo lancio mancino a cercare l'uomo che si apre sul fronte opposto. 
Fimognari 7 Gioca da centrale difensivo e non sbaglia un intervento grazie a ottime letture. 
Mosca 6.5 Bene nel possesso, aiuta la squadra a trovare i corridoi per andare a far male. 
Gilio 7 In affidabilità va sempre meglio, di astuzia porta Roveda a commettere fallo in area. 
Sarao 6.5 Pungente nell'iniziativa palla al piede, domina la fascia sinistra. Manca ancora il salto di qualità nella giocata decisiva. 
19' st Molfetta 6 Pimpante nel prendere in velocità la difesa avversaria. 
Tindo 6.5 Non trova il gol per poca precisione ma la gara è di alto livello in entrambe le fasi. 
Taraschi 6 Cerca il movimento per andare profondo quando in realtà servirebbe la sponda per l'esterno per andare a cercare il terzo uomo in inserimento, appannato. 
11' st Bianco 7 Batte un colpo importante per la sua fiducia e per la squadra. Il suo gol scongiura un ritorno dell'Oleggio. 
Zunino 6.5 Senza fronzoli gestisce i palloni caldi nella zona centrale, maturato. 
Orofino 8 Stoccate decisive, dal dischetto non si spaventa e nella ripresa fulmina Legnani servendo a Bianco un pallone perfetto. 
All. Cacciatore 7 Ottimo primo tempo nel possesso, bravo a cambiare la squadre in base alle esigenze delle ripresa. 

OLEGGIO (4-2-3-1)
Rota 6 Sui gol è incolpevole e salva il raddoppio in occasione della fuga di Molfetta. 
Punzo 5 Non legge i movimenti di Sarao e si trova sempre in ritardo quando deve affrontarlo. 
4' st Oronsaye Ma. 5.5 Ci mette la presenza ma trova pochi palloni su cui poter far male. 
Zuliani 6 Provvidenziale la sua chiusura in extremis su Orofino nel primo tempo. 
23' st Cestagalli 6 Prova a dare spinta sulla corsia mancina ma senza grosse fortune. 
Legnani 5.5 Nel primo tempo conquista alcuni palloni utili nel mezzo evitando ulteriori rischi. Suo malgrado si trova ad affrontare Orofino in campo aperto...
Maiorino 6 Ha la meglio nella marcatura ai danni di Taraschi, cosa che contribuisce ad innervosire il 9 di Cacciatore. 
Casarotti A. 5.5 Non perfetto nel seguire i movimenti della linea, nel secondo tempo tiene in gioco Molfetta che si invola in campo aperto. 
Blanda 5 Poco incisivo si accartoccia su se stesso e spreca l'occasione gol col colpo di testa. 
Caporale 6 Cerca bene gli spazi liberati da Vitali, ma i tamponamenti dei centrali avversari non gli lasciano grosse opportunità. 
Vitali 6 Crea apprensioni con i suoi palloni messi nel mezzo da calcio da fermo, bravo anche nel venire fuori dalla linea per fare gioco. 
Antonioli 5.5 Soffre il dinamismo avversario  nel primo tempo, nel secondo lavora qualche pallone in più ma resta troppo fuori dal gioco. 
Roveda 5 Una condizione carente non gli consente grandi spunti, assente in fase offensiva e affannato in fase difensiva. 
All. Ferrero 6 Una gara preparata cercando di sfruttare situazioni come gli inserimenti di Caporale e nemmeno condotta male, ama gli avversari si sono dimostrati superiori. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400