Cerca

Eccellenza

Castegnato abbattuto, per il Prevalle continua il sogno

Le due reti di vantaggio maturate nella prima frazione portano i biancorossi a vincere a Castegnato e ad approdare contro l'Offanenghese

Gli 11 iniziali del Prevalle

La formazione del Prevalle prima del calcio d'inizio

Impresa del Prevalle a Castegnato contro la fortissima compagine di Marrazzo e compagni, imbattuta da tempo immemore (dal 6 febbraio) e arrivata seconda nel corso della stagione regolare. Alla squadra viola sarebbe bastato non perdere fra le mura amiche in virtù del miglior piazzamento di classifica, ma stavolta la tenacia della formazione biancorossa ha avuto la meglio e ha vinto 2-1 a domicilio, vanificando dunque l’handicap iniziale dei due risultati a sfavore. Un primo tempo perfetto ha portato gli undici di Fabio Valotti (squalificato, al suo posto Franzoni), a mettere subito la gara sul binario giusto con il gol in apertura di Bignotti, seguito da quello in chiusura di frazione di Canciani. La doppietta dell’attacco prevallese ha complicato e non poco le ambizioni qualificazione dei locali, ripresisi solo nella seconda parte dopo la rete del solito Carmine Marrazzo. Troppo poco, tuttavia, per passare al turno successivo e così gli undici di Fabio Quartuccio, costretti ad alzar bandiera bianca dopo ben 6 minuti di recupero, chiudono qui il proprio campionato. 

Gli 11 iniziali del Castegnato

DOUBLE PREVALLE

Pubblico delle grandi occasioni a sfidare i 26° della colonnina di mercurio. Atletico Castegnato in campo in versione 3-5-2, Prevalle nel solito 4-4-2. Al 2’ locali subito pericolosi con Crivella che calcia al volo, dopo un batti e ribatti dal limite, Benedetti si salva con un gran riflesso. Sul ribaltamento il vantaggio: contropiede veloce di Bonassi e gran passaggio chiave per innescare Bignotti, che a tu per tu non sbaglia. Sul cronometro solo 3 giri di lancette. Il Castegnato prende il controllo delle operazioni ma al 22’ sono ancora gli ospiti con Zanola a rendersi pericolosi. Nella circostanza, gran botta sulla quale Chini volava a deviare in angolo. Dopo una fase poco redditizia, si rifà vivo il Castegnato con Marrazzo al 33’, buon palleggio in area ma la girata non prende il bersaglio. Al 38’ Piazza recupera nella sua trequarti, coast to coast e anziché darla conclude personalmente: palla fuori di un soffio ma buon gioco di rimessa degli ospiti. Al 46’ il raddoppio: Roma taglia in mezzo per Bonassi che tira, Chini devia sui piedi di Canciani e per il bomber è un gioco da ragazzi insaccare da poco passi. All’intervallo, doppio vantaggio del Prevalle. 

MARRAZZO SHOW

Nessun cambio al rientro fra i due schieramenti ma Quartuccio opta per il passaggio al 4-4-2, allargando Sinigaglia a destra e spostando Tettamanti (subentrato nel primo tempo al posto dell’infortunato Tognassi) al fianco di Marrazzo. Linea a 4 dietro e a centrocampo. La partita sembra bloccata e il Castegnato quasi già rassegnato all’inevitabile, finché al 67’ Marrazzo trovava un pertugio nei meandri dell’area, si girava e da angolo quasi impossibile la piazzava sul palo lontano alle spalle di Benedetti (1-2). Si riapre la gara con un’invenzione del suo bomber principe. Sull’altro versante break di Roma che si presenta davanti a Chini dopo aver seminato il panico sulla sinistra, il tiro cross però rimane pericoloso ma non si concretizza. Al 71’ Bonassi si accentra e spara, tuffo plastico di Chini a respingere. I minuti passano e gli animi si surriscaldano. Al 75’ Marrazzo prova la palombella morbida alla Quagliarella, palla sopra la parte alta della rete.  All'81’ missile da fuori di Roma, alto, Prevalle che manca il colpo del ko. Al 41’ Marrazzo si guadagna una punizione dal limite per fallo di Avesani, va a batterla e quando la barriera si stava mettendo in posizione calcia in rete: l’arbitro prima sembra convalidare ma poi annulla il gol, tra le polemiche. Sul secondo tentativo sempre Marrazzo prova il tiro morbido sopra la barriera, ma la conclusione è lenta e prevedibile. Finirà con la festa del Prevalle, e il Castegnato in lacrime.

IL TABELLINO

CASTEGNATO-PREVALLE 1-2
RETE (0-2; 2-1): 3’ Bignotti (P), 46’ Canciani (P), 22’ st Marrazzo (A). 
ATL.CASTEGNATO (3-5-2):Chini 5.5; Tognassi 6 (31’ Tettamanti 5.5), Belotti 6, Torri 6; Marazzi 6, Lini 6.5, Zanelli 6, Sorteni 5.5, Crivella (19’ st Rossetti 5.5); Marrazzo 7, Sinigaglia 5.5 (45’ st Gaye sv). A disp. Cristini, Otabie, Bonometti, Caldara, Nicoletti, Lazzaroni. All. Paolo Quartuccio 5.5.
PREVALLE (4-4-2): Benedetti 6.5; Piazza 6.5, Avesani 6.5, Avanzi 6.5, Vernuccio 6; Bonassi 7.5 (35’ st Stankovic sv), Zanola 6.5, Cò 6.5, Roma 7 (45’ st Guariniello sv); Canciani 7.5 (39’ st Nonni sv), Bignotti 7.5 (27’ st Torchio sv). A disp. Lombardi, Pelati, Beccalossi, Maccabiti. All. Franzoni 7 (Fabio Valotti squalificato).
ARBITRO: Costa di Busto Arsizio 6.
ASSISTENTI: Arshad di Bergamo e Fantini di Busto Arsizio.
AMMONITI: Crivella (A), Piazza (P), Cò (P), Zanelli (A), Zanola (P).

LE PAGELLE

ATL.CASTEGNATO
Chini 5.5 Sul gol forse esce un po’ in ritardo ma Bignotti lo anticipa bene, bella invece la parata in tuffo plastico sul tiro di Zanola. Sul raddoppio forse ha ancora qualche responsabilità.
Tognassi 6 Esce dopo mezz’ora per un infortunio, si prevede un sospetto stiramento. 
31’ Tettamanti 5.5 Entra e si mette in mezzo al posto di Sorteni. Nella ripresa è spostato al fianco di Marrazzo ma non cambia la sostanza, avrebbe potuto contribuire maggiormente.
Belotti 6 Fa qual che può, guida il reparto arretrato con esperienza e sicurezza, poche responsabilità sui gol. Buona la costruzione dal basso.
Torri 6 Come per il compagno di reparto, poche responsabilità anche per lui dietro, i gol sono frutto di veloci contropiede.
Marazzi 6 Si spende tanto per la causa, il suo apporto non rimane indifferente nel mezzo.
Lini 6.5 Quest’oggi uomo di lotta più che di governo, ma nel complesso non male.
Zanelli 6 Buona gara in mezzo al campo, si spende molto e fa girare bene la manovra offensiva, cala alla distanza.
Sorteni 5.5 Parte in mezzo ma dopo l’infortunio di Tognassi scala a fare il terzo. Non spinge moltissimo nella ripresa quando bisognava recuperarla e in difesa si era passati a 4.
Crivella 6 Ha il compito di guidare il centrocampo, riesce ad orchestrare buone trame ma alla lunga esce provato.
19’ st Rossetti 6 Entra ma non riesce a cambiare l’inerzia del match. 
Marrazzo 7 Prova a guadagnarsi lo spazio per qualche conclusione ma non sempre riesce ad armare il mirino. Nella ripresa si inventa un gol pazzesco e rischia il bis su punizione, ma l’arbitro invalida. Con lui non c’è mai nulla di scontato.
Sinigaglia 5.5 Spostato nella ripresa sulla destra per far spazio a testamenti davanti, la sua non è stata una delle migliori performance di stagione. 
All. Paolo Quartuccio 5.5 Ha due risultati su 3 ma non li sfrutta e gioca senza calcoli, andando così a rincorrere la partita più che ad amministrare.

PREVALLE
Benedetti 6.5 Si difende bene tra i pali e sventa più di una minaccia, guardingo al punto giusto. 
Piazza 6.5 Quando ha campo libero sprigiona tutti i suoi cavalli e porta bene su la squadra. 
Avesani 6.5 Si difende con ordine e richiama bene i compagni per spingere le maglie sugli avanti avversari, gran prova. 
Avanzi 6.5 Salva sulla linea un insidioso tiro di Zanelli, poteva costare il pari. Top. 
Vernuccio 6 Presidia senza errori da matita rossa la sua zona, affidabile e concreto. 
Bonassi 7.5 Assist per il primo gol e partecipazione al secondo, cosa chiedergli di più? Mvp. (35’ st Stankovic sv).
Zanola 6.5 Ottimo filtro in mezzo al campo, si chiude bene per poi alimentare spesso numerosi contropiede. 
Cò 6.5 Insieme a Zanola interpreta al meglio le direttive del coach, chiudersi e ripartire di rimessa.
Roma 7 Partecipa alla seconda rete con un gran contropiede veloce e l’assist dall’altra parte per Bonassi dopo convergenza centrale, sempre decisivo. Nella ripresa sfiora ancora il colpaccio
Canciani 7.5 Ben controllato dalla difesa, nella prima parte non ha molte occasione per mettersi in luce ma appena si profila l’occasione la mette dentro. Sarà il gol qualificazione.
Bignotti 7.5 Stavolta non si fa ingannare e alla prima occasione la mette dentro senza troppi frozoli, gol fondamentale sull’economia della gara. Ottima prova. 
All. Franzoni 7 La squadra gioca di rimesse veloci e ottiene proprio quello che voleva, vanificando l’handicap del doppio risultato a sfavore.

ARBITRO
Costa di Busto Arsizio 6 Conduce la gara senza troppe sbavature, è sempre vicino all’azione e anche sui rigori non sbaglia. Rimane il dubbio sulla punizione di Marrazzo, ma fondamentalmente la gara è sufficiente.

LE INTERVISTE

Per Paolo Quartuccio, tecnico del Castegnato, la sconfitta non deve pregiudicare quanto di buono fatto in questa stagione. Il commento sulla gara: «Sempre in partita, comunque, sempre. Il primo gol è nato da un’azione nella quale dovevamo far gol noi ma è successo quello che è successo. Abbiamo pagato due leggerezze, nel primo gol avevamo palla noi e Torri, anziché scaricarla ha cercato di rientrare perdendo palla. L’abbiamo pagato. il Prevalle più bravo a fare gol e per cui faccio loro i complimenti». Alle critiche sulla mancata gestione dei due risultati a favore, il tecnico risponde in questi termini: «Sinceramente se dovessi preparare la partita per stare chiuso e portare a casa il pari, buttando solo la palla in avanti, non farei questo mestiere. Basterebbe il magazziniere a dire di stare tutti dietro e buttare la palla lunga, così si potrebbero risparmiare i soldi dell’allenatore. Noi invece abbiamo fatto tutto un campionato giocando a calcio, e lo dico senza presunzione. Ma al di là di questo rifarei tutte le scelte, mi sono divertito lo stesso giocando a calcio anche se non abbiamo passato il turno. La nostra idea di gioco c’era, anche se stavolta è andata così». Quartuccio chiude dicendo: «La sconfitta di oggi arriva dopo 16 risultati utili consecutivi e un secondo posto, non cancella tutto il nostro grande percorso, il nostro grande campionato». 

Fabio Valotti, Prevalle, era squalificato e ha seguito tutta la gara dietro la recinzione. Grande però la soddisfazione al termine. «La mia prima espulsione è capitata nella partita più delicata della “mia carriera”, però come ho detto ai ragazzi il merito è loro se sono arrivati fino a qua. Stavolta ne è stata la dimostrazione, abbiamo preparato bene la partita, soffrendo perché un po’ corti di rosa, ma questo traguardo è una bella soddisfazione per la squadra e la società. Sono gara che si ricordano una volta smesso di giocare, per cui siamo scesi in campo per cercare di dare il meglio senza rimorsi». Circa la gara: «Sofferto inizialmente, poi abbiamo trovato il gol subito e siamo stati bravi a fine primo tempo a raddoppiare, sono gol che mentalmente ammazzano l’avversario. Loro non perdevano dal 31 gennaio, sono un’ottima squadra.  Se siamo arrivati qua i meriti vanno ripartiti con tutti, ognuno ha dato il suo piccolo contributo, dallo staff ai magazzinieri.Ora andremo ad affrontare la finale - prosegue Valotti - contro una squadra che è una corazzata, ma i miei ragazzi le daranno filo da torcere. Godiamoci la vittoria poi da settimana prossima penseremo all’Offanenghese. Comunque, contento perché i ragazzi hanno sofferto tanto durante tutta l’annata. Questo è un gruppo che ha grosse attributi. Ci giocheremo la gara senza paura, consapevoli della nostra forza».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400