Cerca

Eccellenza

Borgaro fine dei giochi, Giorgione superiore ma nel doppio scontro si sono viste ottime cose

L'andata senza gol condiziona la gara, la doppietta di Bianco fa sperare nel miracolo finale

Andrea Bianco

Andrea Bianco, doppietta che cambia volto al finale di stagione del Borgaro

Dopo un inizio davvero complicato si erano addirittura aperti gli spiragli per sperare in una miracolosa rimonta, ma i valori dei singoli giocatori hanno avuto un peso importante nella doppia sfida e il Borgaro in questo ha ancora qualcosa da migliorare. La sconfitta nella sfida di ritorno ha una storia tutta particolare, perché nasce da un primo tempo timoroso e con poche vie di uscita dalle grinfie del Giorgione, ma passa per un secondo tempo libero dalle pressioni e dove la doppietta di Bianco aveva aperto un varco alla speranza, che però ha dovuto infrangersi contro la realtà della solidità ospite e della rete spegni entusiasmi di Minato

Esposito studia bene il Borgaro e prepara la sua squadra in modo da limitare i pregi degli avversari, concede il palleggio basso e studia al centimetro le uscite delle mezze-ali sui terzini con il trequarti che si abbassa e chiude gli scarichi centrali, in questo gioco ne fanno le spese Zunino-Mosca e Tindo, troppo lenti nel far girare palla e trovare spazi di giocata. A questo punto la palla lunga diventa l'unica possibilità, ma il solo Molfetta fatica a giocare spalle alla porta contro Antonello e Salomone. Gioco che non faticano a fare i tre davanti del Giorgione, sui quali è concentrata la manovra con la palla verticale su Bonaldi e Vuanello e con Antenucci a lavorare tra le linee. 

Il gol del vantaggio arriva però da una situazione che la linea poteva leggere meglio: Bonaldi riceve spalle alla porta, si gira e punta la linea partendo da destra, passaggio su Vuanello tamponato da Costa ma bravo a chiudere l'uno due con Bonaldi mettendolo a tu per tu con Finamore, sguardo alla porta e palla in rete. Orofino prova la reazione con un tiro al volo largo, ma i ragazzi di Caccaitore non riescono proprio a trovare il modo di far male se non a se stessi, come Benassi Luca, che prima sbaglia a fare un fuorigioco ma poi riesce a chiudere Bonaldi in extremis davanti a Fianmore. La passività del Borgaro è un problema anche al 17', quando sugli sviluppi di corner da sisnitra la palla arriva al limite dell'area sul lato opposto, non ci sono difensori in uscita aggressiva e Bevilacqua trova un corridoio con il destro al volo che batte Finamore sul primo palo. Un uno  due che rende l'impresa impossibile e infatti il Borgaro accusa: Perosin prova il sinistro da fuori di poco largo 22', poi al 35' grande giocata di Bonaldi che sfugge a Fontana con lo stop e scarica al limite per Antenucci, destro di prima intenzione e Finamore che chiude in angolo. 

La ripresa richiede una svolta, dentro Bianco e Traschi e Orofino terzino, le intenzioni sono chiare e una reazione c'è, ma da un lato trascende: Nicoletti va a stendere Orofino per reazione a una palla non buttata fuori dal Borgaro per un fallo su Bonaldi di Costa, Orofino la prende male e va a cercare lo scontro senza timore su Nicoletti, ma con più veemenza che efficacia in fondo, parapiglia e doppio rosso che complica i piani tattici più per il Giorgione che per il Borgaro. Ora il copione è chiaro, gialloblù che con calma cercano di allargare gli ospiti e sfruttano la corsia di destra con Taraschi che mette dentro palloni pericolosi. I veneti calano vistosamente e la giocata diretta sulle punte è di difficile gestione perché la squadra non riesce ad accorciare come prima, ma la fase difensiva bassa risulta lo stesso solida con Costa padrone dell'area e Salomone e Antonello a protezione. Al 30' però la palla buona la mette Zunino con il suo mancino da destra, Bianco va a colpirla nell'unico modo possibile, di testa a scavalcare Costa in modo docile: 1-2 e animo. 

Pochi minuti dopo i cambi del Giorgione confermano di essere di altro livello rispetto ai titolari più navigati: Bruno cerca un appoggio all'indietro con la testa all'altezza del cerchio di centrocampo, Bianco è in agguato e legge bene l'errore involandosi e presentandosi davanti a Costa per batterlo ancora con un preciso destro ad incrociare. Qualcosa sembra più possibile adesso, con un Giorgione ormai senza energie la follia del calcio potrebbe regalare qualche sorpresa, ma così non è perché porta del Giorgione non corre altri pericoli e in nell'ultima ripartenza buona Minato chiude i giochi con un tiro che si insacca nell'angolino e che si porta dietro al parola fine sulle speranze dei ragazzi di Cacciatore, che nonostante un primo tempo troppo brutto riescono a chiudere una stagione di altissimo livello con una reazione di carattere che fa ben sperare. 

IL TABELLINO

BORGARO-GIORGIONE 2000 2-3
RETI (0-2, 2-2, 2-3): 10' Bonaldi (G), 17' st Bevilacqua (G), 30' st Bianco (B), 35' st Bianco (B), 50' st Minato (G).
BORGARO (4-3-3): Finamore 6, Benassi A. 5 (1' st Taraschi 6.5), Benassi L. 5.5, Mosca 5 (18' st Gerardi M. 6), Costa 6, Fontana M. 5.5 (33' st Quaceci sv), Sarao 5 (1' st Bianco 7.5), Tindo 6, Molfetta 5, Zunino 7 (38' st Montesanto sv), Orofino 4.5. A disp. Aseglio Gianinet, Leccese, Fimognari, Muscato. All. Cacciatore 6.5.
GIORGIONE 2000 (4-3-1-2): Costa Davide 6, Bevilacqua 7 (18' st Dall'Agnol 5.5), Mioni 6.5 (26' st Anile 5.5), Perosin 7.5, Salomone 6.5, Antonello 6.5, Griggio 6.5 (14' st Minato 6), Nicoletti 4.5, Bonaldi 7 (38' st Vranovci sv), Antenucci 7 (33' st Bruno Julian 5), Vuanello 7.5. A disp. Antonello, Della Santa Casa, Gashi. All. Esposito 7.
ARBITRO: Testai di Catania 7.
COLLABORATORI: Mezzalira e Lo Calio .
AMMONITI: Benassi L. (B), Costa (B), Molfetta[02] (B).
ESPULSI: 8' st Orofino (B), 8' st Nicoletti (G).

LE PAGELLE

BORGARO (4-3-3)
Finamore 6 Il secondo gol è sul suo palo ma ha faticato a veder partire il tiro, su Antenucci è attento a mettere in angolo.
Benassi A. 5 Ha dovuto rapportarsi con un livello di attaccanti davvero forte per la categoria, ha perso il duello ma di sicuro il bagaglio di esperienza ne ha giovato. 
1' st Taraschi 6.5 Nel secondo tempo si gioca per trovare il suo spunto sulla destra, lui mette alcuni palloni interessanti per poter far male. 
Benassi L. 5.5 Sul gol Bevilacqua è sua l'uscita poco aggressiva e nel secondo tempo sbaglia un paio di traversoni, errori non da lui. 
Mosca 5 Manca la sua qualità e velocità nel palleggio nel primo tempo, fatica ad accorciare sull'azione offensiva. 
18' st Gerardi 6 Brio e brillantezza, una carta di rapidità che in area può creare situazioni interessanti. 
Costa 6 Meglio nel secondo tempo, quando la squadra conquista campo e lui difende con più aggressività sulle uscite del Giorgione. 
Fontana 5.5 Soffre l'uomo contro uomo nel primo tempo ma in qualche modo riesce sempre ad uscirne, nel primo gol però non legge la situazione al meglio. 
Sarao 5 Fa la sua prima giocata a fine primo tempo vendendo a ricevere palla dentro il campo invece che sull'esterno, troppo tardi. 
1' st Bianco 7.5 Due colpi che caricano l'ambiente ma non bastano, ha il merito di aver dimostrato che il Giorgione poteva essere perforato. 
Tindo 6 Osservato speciale e si vede, sempre ben controllato nei suoi inserimenti senza palla e in fase di palleggio.
Molfetta 5 Discorso simile a Benassi Andrea, soffre tanto a giocare spalle alla porta contro due difensori davvero tosti, ha la peggio negli uno contro uno ma finisce in crescita. 
Zunino 7 Primo tempo condivide le fatiche di tutta la squadra, nel secondo detta i tempi e trova più corridoi di giocata verticale, incluso quello per l'assist a Bianco. 
Orofino 4.5 Alla luce di quel che è stato il finale iul suo momento di non lucidità ha avuto un peso importante nella gara. La sua posizione basso a destra in coppia con Taraschi poteva creare non pochi problemi al Giorgione. 
All. Cacciatore 6.5 Senza gol all'andata si doveva entrare in campo tentando di non prendere gol, difficile contro una squadra con quei valori. Il doppio svantaggio poteva far crollare il castello, ma la reazione del secondo tempo è un punto di partenza e non di arrivo. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400