Cerca

Coppa Eccellenza

Chiappino regala la prima gioia stagionale ai biancazzurri: l'Alpignano va avanti

Taraschi pareggia i conti ma il Venaria viene eliminato in virtù dei gol in trasferta

COPPA ECCELLENZA ALPIGNANO VENARIA FEDERICO CHIAPPINO

COPPA ECCELLENZA ALPIGNANO VENARIA: Grazie al gol di Federico Chiappino nel primo tempo, l'Alpignano si qualifica al turno successivo

È festa biancazzurra. L'Alpignano esce imbattuta dal doppio scontro contro il Venaria e, grazie al secondo pareggio ottenuto contro gli arancioverdi (1-1), si qualifica al secondo turno in virtù dei maggiori gol segnati in trasferta. La squadra di Berta si è portata addirittura in vantaggio nel corso del primo tempo grazie alla bella rete di Chiappino: pallonetto a Paratore, autore di un miracolo su Viano poco prima, e rete insaccata per il provvisorio 1-0. La gioia dura però solamente tre minuti perché Piotto si procura un calcio di rigore (a primo impatto dubbio ma, al triplice fischio, Giardino ha ammesso l'intervento falloso) e Taraschi pareggia i conti. Nel corso della ripresa succedono poche emozioni da parte di ambo le squadre nonostante entrambe provano a portarsi in avanti e a vincere la sfida. Dopo cinquanta minuti il direttore di gara pone fine alla partita e l'Alpignano si qualifica al turno successivo ai danni di un convincente Venaria.

CHIAPPINO CHIAMA, TARASCHI RISPONDE

La prima occasione della partita arriva direttamente da calcio piazzato dopo solamente due minuti: Porrone tenta la conclusione dalla lunga distanza e colpisce la parte alta della traversa. Il ritmo rimane comunque alto, nonostante il caldo di questa sfida proprio come la scorsa settimana, ed equilibrato. Le due compagini si alternano infatti nella fase offensiva ma entrambi i pacchetti arretrati difendono bene. A condurre maggiormente il gioco è comunque il Venaria: a dettarne i tempi ci pensa Porrone, il perno centrale del trio di centrocampo. Una delle prime occasioni per l’Alpignano arriva al 18’ quando Viano ci prova da fuori area calciando però a lato della porta difesa da Paratore. Ormai gli ospiti hanno definitivamente preso il controllo del gioco, il possesso palla è nettamente a favore degli arancioverdi. Taraschi ci prova più volte ad inserirsi e a far male dalla fascia destra: il suo tiro a giro, provato al 21’, non centra di poco la porta. Tuttavia sono i padroni di casa a sfiorare il vantaggio: Benassi trova lo spazio giusto per fornire un bell’assist a Viano, il numero dieci calcia a botta sicura all’interno dell’area di rigore ma Paratore risponde con un autentico miracolo negandogli così la gioia del gol. Successivamente i padroni di casa riescono finalmente a guadagnare un po' di metri in avanti senza però a riuscire a trovare i varchi giusti. Questo succede solamente al 35’: Chiappino guadagna palla in area di rigore, prova il pallonetto su Paratore e insacca la rete nonostante i tentativi della difesa arancioverde di compiere un salvataggio in extremis. Poco dopo, al 38’, il colpo di scena: Giardini stende Piotto in area di rigore e il direttore di gara concede il rigore. Taraschi si presenta sul dischetto e spiazza il portiere avversario pareggiando così i conti. Nei minuti finali del primo non si verifica alcuna emozione: si ritorna così negli spogliatoi con il risultato fermo sull’1-1.

FESTA BIANCAZZURRA

La ripresa vede nuovamente gli arancioverdi in avanti nel tentativo di trovare la rete della qualificazione. Al 6’ Vasario guadagna una punizione sulla fascia sinistra: Taraschi mette in mezzo una palla potente ma la difesa avversaria riesce a spazzare. Poco dopo l’Alpignano si porta in vantaggio con Di Fiore, grazie ad un bel cross di Vanin, ma la sua rete viene annullata per fuorigioco. Gli arancioverdi si guadagnano poi una punizione al limite dell’area di rigore con Piotto: Giardini devia in angolo il bel tiro, angolato ma non troppo forte, di Taraschi. Da entrambe le panchine vengono poi effettuate le prime sostituzioni ma queste non influenzano al momento sul risultato. Il ritmo di gioco rimane comunque gradevole al pubblico presente. La prima vera emozione della ripresa arriva al 19’ quando Rulli tenta un gol alla Quagliarella colpendo in pieno la traversa. A metà secondo tempo la partita si accende improvvisamente e, al 28’, Vasario effettua dalla corsia mancina: Taraschi ci arriva e il suo colpo di testa termina di poco alto sopra la traversa. Dopo cinque minuti piccolo episodio dubbio sulla trequarti: Vanin atterra Piotto ma il direttore di gara ammonisce l’arancioverde per simulazione sebbene fosse evidente l’intervento falloso del terzino sinistro. Ormai il Venaria sta tentando l’assalto finale nel tentativo di trovare il gol che consentirebbe al turno successivo. L’Alpignano riesce tuttavia a respingere gli attacchi avversari grazie alla buona copertura offerta dalla retroguardia. Sul finale di partita, al secondo minuto di recupero, i padroni di casa rimangono in dieci uomini per l’espulsione rimediata da Viano per somma di ammonizioni. Monagheddu prova l’ultima incursione in area di rigore, si procura il calcio d’angolo ma il direttore di gara fischia il termine della partita. Grazie al 2-2 dell’andata, l’Alpignano si qualifica al prossimo turno.

IL TABELLINO

ALPIGNANO-VENARIA 1-1
RETI (1-0, 1-1): 35' Chiappino (A), 38' rig. Taraschi (V).
ALPIGNANO (4-3-3): Giardino 5.5, Vanin 6.5, Irimia 6.5, Bianco 7, Piovesan 7 (30' st Pavan 6.5), Trombin 6.5 (26' st Zucco 6), Ferrante 6 (13' st Pacchiardo 6), Benassi A. 7, Chiappino 7.5 (16' st Masante 6), Viano 6.5, Di Fiore 6 (16' st Rulli 7). A disp. Dinaro, Critelli, Panetta, Cammissa S.. All. Berta 7.
VENARIA (4-3-3): Paratore 7.5, Lanzafame 6.5 (1' st Lamantia 6.5), Vasario 6.5, Gravina 6, Porrone 7 (35' st Monagheddu 6), Campanella 7 (20' st Pasquale 6.5), Mezzela 6.5, Piotto 7, Vigna 6 (31' st Parente 6.5), Taraschi 7.5, Filoni 6.5 (31' st Rossi 6). A disp. Calozzi, Huayamares Quintanilla, Guglielmone, Nipote. All. Falieres 6.5.
ARBITRO: Camia di Nichelino 6.
COLLABORATORI: Bono e Felis.
AMMONITI: 13' st Viano (A), 19' st Gravina[03] (V), 24' st Vanin (A), 33' st Piotto (V), 42' st Parente (V).
ESPULSI: 47' st Viano (A).

PAGELLE 

ALPIGNANO

Giardino 5.5 Commette il fallo da rigore su Piotto dando così l'opportunità al Venaria di riaprire il discorso qualificazione.  
Vanin 6.5 Il suo rientro in campo è prezioso per la fase difensiva. Pennella poi bei cross per i suoi compagni: uno su tutti, quello per la rete annullata a Di Fiore.
Irimia 6.5 Nel primo tempo riesce a neutralizzare spesso e volentieri la vivacità offensiva di Taraschi lungo la sua fascia di competenza. 
Bianco 7 Forma con Piovesan una coppia di centrali difensiva molto solida. I suoi interventi sono spesso decisivi per il discorso qualificazione. 
Piovesan 7 Alza un vero e proprio muro nella difesa biancazzurra. Semplicemente straordinario nei novanta minuti di gioco. 
30' st Pavan 6.5 Ritorna al calcio giocato dopo un anno di stop causa infortunio. E lo fa mostrando fin da subito di essere ben inserito nei meccanismi della squadra. 
Trombin 6.5 Fornisce una preziosa sostanza a centrocampo rendendosi così un elemento imprescindibili per i suoi compagni. 
26' st Zucco 6 Continua il lavoro svolto dal suo compagno senza però creare particolari sussulti. 
Ferrante 6 Ci mette tanta buona volontà nella fase offensiva ma non riesce mai a rendersi veramente pericoloso nel corso del match.
13' st Pacchiardo 6 Fa salire spesso e volentieri i suoi compagni in modo da rifiatare dalla pressione offensiva arancioverde. 
Benassi A. 7 È semplicemente ovunque sul terreno di gioco. Fa molto bene sia la fase difensiva che quella offensiva. Meraviglioso il suo assist a Viano nella sua occasione più grossa, parata da Paratore. 
Chiappino 7.5 Realizza la rete del momentaneo vantaggio con un fantastico pallonetto con il quale sorprende la difesa arancioverde. 
16' st Masante 6 Il giovane attaccante tenta di chiudere definitivamente il discorso qualificazione con diversi tentativi ma senza riuscirci. 
Viano 6.5 Mina vagante dell'attacco biancazzurro. Va vicino al gol del vantaggio ma Paratore gli nega la gioia del gol con uno strepitoso intervento. Peccato per l'espulsione rimediata sul finale. 
Di Fiore 6 Il suo gol, in seguito annullato per una posizione di fuorigioco, è l'unico vero grande lampo della sua prestazione.
16' st Rulli 7 Poco dopo il suo ingresso in campo colpisce in pieno la traversa andando molto vicino ad un gol alla Quagliarella. 
All. Berta 7 La sua squadra si difende molto bene di fronte ai numerosi attacchi arancioverdi riuscendo così a ottenere una bella qualificazione. 

VENARIA

Paratore 7.5 Paratore di nome e di fatto. Compie un autentico miracolo sul tiro ravvicinato di Viano. Da far rivedere ai suoi futuri eredi in porta. 
Lanzafame 6.5 Alterna una buona copertura difensiva ad una discreta spinta offensiva sulla fascia destra. Più che positiva la sua prestazione. 
1' st Lamantia 6.5 Al suo ingresso in campo si piazza come difensore centrale e non fa passare praticamente nessuno. 
Vasario 6.5 Il capitano arancioverde è sempre più una garanzia sulla fascia sinistra. Alcuni suoi interventi in copertura sono decisivi. 
Gravina 6 La sua prestazione è tutto sommato positiva anche se, talvolta, corre il rischio di perdere il pallone a centrocampo. 
Porrone 7 Posizionato davanti alla difesa, detta molto bene i tempi di gioco nel corso degli ottanta minuti da lui disputati. 
35' st Monagheddu 6 Nonostante sia solamente alla sua seconda partita in categoria, non ha paura di far vedere le sue qualità attraverso buone giocate. 
Campanella 7 In difesa suona presente grazie alla sua eccezionale copertura con la quale si rende insuperabile. Tra i migliori della sua squadra.
20' st Pasquale 6.5 L'ex Inter e Udinese si piazza come difensore centrale e sfrutta la propria qualità per costruire gioco. 
Mezzela 6.5 Anche lui non si lascia mai sorprendere in chiave difensiva. Si sposta poi sulla fascia destra e non soffre il passaggio di ruolo. 
Piotto 7 Si procura il calcio di rigore grazie al quale Taraschi riapre il discorso qualificazione. È poi sempre nel vivo del gioco. 
Vigna 6 Non riesce ad essere nel vivo del gioco quanto vorrebbe. Si mostra però volenteroso di far male agli avversari, motivo per il quale prova diverse giocate in modo da saltare la difesa avversaria. 
31' st Parente 6.5 Ci mette tanta preziosa sostanza, estremamente utile per far ripartire più volte il gioco alla propria squadra. 
Taraschi 7.5 È una costante mina vagante per la difesa biancazzurra. Realizza su rigore il gol del pareggio. Ci prova poi con numerosi tiri a segnare la doppietta e a regalare eventualmente la qualificazione alla propria squadra. 
Filoni 6.5 È ben inserito nel meccanismo di gioco arancioverde, dialoga molto bene con i suoi compagni di reparto per gran parte del tempo. 
31' st Rossi 6 Tenta con la sua freschezza e qualità di gioco a far male alla difesa avversaria. Non trova però sempre i varchi giusti.
All. Falieres 6.5 Gli arancioverdi, ancora sulle gambe, hanno già bene in mente quali sono le idee di gioco volute da lui e Pasquale. 

ARBITRO
Camia di Nichelino 6 A primo impatto, il calcio di rigore concesso al Venaria sembrava essere dubbio. Questo viene poi tolto dallo stesso Alpignano. Convince poco la gestione dei cartellini, soprattutto quello per la simulazione fischiata a Piotto. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400