Cerca

Lombardia, il Tribunale Federale Nazionale conferma: Tavecchio ha vinto su tutta la linea

tavecchio

Carlo Tavecchio intervenuto con Luca Pancalli alla presentazione del "Quarta categoria"

E adesso che cosa si inventeranno le malelingue, che alla sentenza in prima istanza del presidente Cesare Mastrocola, erano andati a rovistare nei vecchi comunicati per trovare la firma con cui il presidente federale di allora, Carlo Tavecchio appunto, aveva controfirmato la sua nomina? Restiamo in attesa. Nel frattempo scriviamo che il Tribunale Federale Nazionale, in Camera di Consiglio, e quindi non più nelle mani di un solo giudice, ha accolto su tutta la linea il reclamo presentato da Carlo Tavecchio e ora non c'è più scampo. Il reggente non solo dovrà tenere l'assemblea nella sua totalità, e quindi consentire che le società possano eleggere i loro delegati, il presidente regionale, il consiglio direttivo, i revisori dei conti, ma dovrà anche farlo online perché, in presenza, non esistono le condizioni. Quindi, alla fine, tra avvocati, commercialisti, dottori e chi più ne ha più ne metta, devono andare tutti a lezione dal "Ragioniere" che in punta di Carte Federali ha dato un primo assaggio di che cosa capiterà ai salottieri romani se diventerà il prossimo presidente della Lombardia. Lombardia che per la cronaca, se andrà al voto, e tornerà a contare così come gli compete, dovrà proprio ringraziare Carlo Tavecchio. Nessuno si è esposto, nessuno ha preso carta e penna, nessuno a messo mano ai quattrini per fare i ricorsi. E questa è già una prima vittoria. Per lui e per la Lombardia. Ecco il testo della sentenza.

I Tribunale Federale Nazionale - Sezione Disciplinare, composto da

dott. Cesare Mastrocola - Presidente; aw. Amedeo Citarella - Componente; aw. Paolo Clarizia - Componente; cons. Pierpaolo Grasso - Componente (Relatore); aw. Valentina Ramella - Componente; ha pronunciato nella riunione fissata il giorno 28 dicembre 2020, a seguito del Ricorso ex aìt. 30 e s.s. C.G.S. - C.O.N.I., con istanza cautelare monocratica ex art. 97 C.G.S. - F.l.G.C., proposto dal rag. Carlo Tavecchio nei confronti del Comitato Regionale Lombardia - L.N.D. (in persona del legale rappresentante pro tempore), nonché della Lega Nazionale Dilettanti - L.N.D. (in persona del legale rappresentante, Presidente dott. Cosimo Sibilia) e della Federazione Italiana Giuoco Calcio (in persona del legale rappresentante pro tempore, Presidente Federale dott. Gabriele Gravina), il seguente DISPOSITIVO P.Q.M. ll Tribunale Federale Nazionale - Sezione Disciplinare, alíesito della Camera di consiglio, accoglie il ricorso e, per l'effetto, conferma l'obbligo per il Reggente del Comitato Regionale Lombardia - L.N.D. di garantire lo svolgimento delle assemblee elettive nel rispetto della tempistica stabilita dalla F.I.G.C. e dalla Lega Nazionale Dilettanti. Dispone l'incameramento del contributo per l'accesso alla Giustizia Sportiva. Così deciso nella Camera di consiglio del 28 dicembre 2020 tenuta in modalità videoconferenza, come da Decreto del Presidente del Tribunale Federale Nazionale n. 10 del 18 maggio 2020. IL RELATOREIL PRESIDENTE F.to cons. Pierpaolo GrassoF.to dott. Cesare Mastrocola Depositato in data 28 dicembre 2020. IL SEGRETARIO F.to aw. Salvatore Floriddia

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400