Cerca

Carlo Tavecchio: Per salvare la Lombardia servono mani esperte. La campagna elettorale? Caduta di stile, non si devono mai screditare i candidati

tavecchio3-1024x683

Carlo Tavecchio in compagnia di Giancarlo Abete e l'ex presidente del Coni Gianni Petrucci

Sabato si vota, noi abbiamo fatto a Carlo Taveccho, candidato alle prossime elezioni in Lombardia che si svolgeranno, lo ricordiamo, in modalità online, 5 domande. Queste sono le sue risposte. Lo stesso giorno, a beneficio delle truppe cammellate che sui Social ci accuseranno di voler dare voce ad una sola parte, abbiamo trasmesso all'altro candidato, Alberto Pasquali, altri quesiti. Non appena le avremo le pubblicheremo. D: Presidente Tavecchio, sui Social lei viene spesso attaccato perché rappresenterebbe il vecchio modo di intendere il calcio R: Lei crede che per traghettare fuori da questa crisi i clubs ci vogliano mani esperte o di primo pelo? Ma ha presente cosa stiamo vivendo? siamo in una crisi paragonabile al post guerra, famiglie al lastrico e attività commerciali rase al suolo. Le associazioni sportive lasceranno le chiavi in Comune, spariranno. Serve mettere tutto quello che ho acquisito in questi 40 anni di onorata carriera al servizio di tutti per risollevare il calcio lombardo. Questa volta vecchio fa rima con "tanta esperienza necessaria". Un conto è gestire una delegazione, un conto è traghettare tutti fuori da una crisi abissale. Provi lei a far inserire il calcio dilettantistico nel recovery found a fatti. Qui deve esserci un Presidente a tempo pieno, non che abbia un'altra attività perché abbiamo promesso alle associazioni di tirarle fuori e sostenerle. Per i prossimi quattro anni c'e' da non dormire la notte dal lavoro! D: Ecco, a tal proposito, c'è chi l'accusa in realtà di aver trasformato la LND in un carrozzone costoso R: Mi piacerebbe sapere quanto costa oggi perché non è dato saperlo. Quindi non posso fare un raffronto. Quello che però è certo è che in questi ultimi anni la massima serie del calcio femminile è voluta fortemente entrare in FIGC ritenendo la dilettanti non in grado di sostenere il suo sviluppo , la serie D vuole andare in FIGC ed il calcio a 5 è stato commissariato con i fatti che si conoscono ed ha a sua volta chiesto di uscire dalla LND. Campionati fermi ( che alla Lega fanno risparmiare soldi) e dipendenti in cassa integrazione. Stante ai fatti mi sembra un periodo post Tavecchio quantomeno non florido. D: Perché lei ritiene di essere il presidente giusto per la Lombardia? R: Sarà dura per chiunque essere il Presidente, il Sindaco, il Governo o il Governatore della Regione post Covid. Mi sento di avere idee. Risollevare la Lombardia è risollevare la generazione dei miei figli e nipoti, un onore ed un onere. Posso dare idee concrete. Voglio incontrare le società già l'11 gennaio via call e decidere sui campionati. Voglio mettere mano a quei protocolli sanitari ma si deve trovare un punto di incontro con le Ats e quindi con il sistema sanitario. Si deve fare squadra subito con le altre componenti e inserirci nei soldi del Recovery o li perderemo e contestualmente c'è da far sedere allo stesso tavolo maggioranza ed opposizione per discutere con fermezza del vincolo e di tutta la riforma. Il problema è che non c'è più tempo e bisogna agire. D: Perché invece secondo lei Alberto Pasquali non ha le carte in regole per guidare la regione R: A giudicare le persone ci pensa chi sta ben molto più sopra di me. Io parlo di fatti sportivi. Non è coerente: non voleva i dimissionari perché non ne condivideva il gesto e li ha presi quando ha capito che servivano voti delle società. Insieme a questo è arrivato il patto con "Roma". Non ha mai fatto ricorso, non ha mai fatto scrivere una diffida legale per chiedere le procedure on-line. Solo dichiarazioni sui giornali di democrazia. Se non ti batti ora cosa pensi, di farlo dopo? Ma per favore. Sempre per coerenza, al primissimo punto del programma elettorale recita" tutte le cariche elettorali dovranno fare due mandati". Ma come? Se i tuoi consiglieri sono al 4 e tu a 14 anni di delegazione? se sostieni questo principio, i consiglieri li dovresti lasciare a casa e tu ti sei accorto dei 2 mandati dopo che ne hai fatti 3? Tutta propaganda politica e poca concretezza. Il patto con Roma portato dal suo Consigliere lo ha danneggiato perché le società fuori dalla cerchia bresciana hanno visto l'assemblea elettiva essere convocata per magia a Brescia ed il suo silenzio assenso. Siamo tutti stufi di questo. Non fa bene alla Lombardia e non è il giusto modo. E' sceso a patti e questo le società lo hanno visto in silenzio non gradendo perché vogliono un candidato che sia pronto a battersi per difendere i diritti del calcio lombardo in ogni sede. Stanno copiando la campagna elettorale passo a passo, il 23 abbiamo reso pubblico il nostro programma qualche giorno dopo è uscito il loro scopiazzato. Abbiamo fatto delle zoom di presentazione della squadra, stessa cosa dopo qualche giorno loro. Devo dire che quantomeno stanno imparando da noi a fare politica passo a passo (ride, ndr) D: Cosa pensa d questa campagna elettorale, qualcuno dice aspra, ma in realtà nulla di nuovo R: A tratti questa campagna elettorale è diventata più che aspra, ridicola. Lei pensi che oggi le società hanno ricevuto l'ennesima lettera dal Consigliere di Bergamo che tornava su temi che tutta la mia squadra non vuole nemmeno più nominare. Nella missiva indirizzata a tutte le società fa presente "il fallimento della mia FIGC" come fallimento della Lombardia e sarà un ragazzo penso nemmeno di 40 anni, potrebbe essere un nipote. Mi permetta di dirgli che potrà parlare quando avrà fatto il mio percorso che per ora rimane solo nei suoi sogni notturni. Senza umiltà non si arriva perché non si impara ma si pensa di nascere "imparati". Si ricordi che se quella palla fosse andata dentro oggi commenteremmo un film differente a livello sportivo. Quando ho lasciato FIGC, le casse di quell'industria erano in attivo di milioni, parecchi milioni. Una cosa è lo sport ed una cosa è l'azienda del calcio. Sono stato Commissario di Lega Seria A. Ma posso leggere queste mail da un ragazzo che fa il Consigliere da 1 mandato e nemmeno sa cosa vuol dire gestire un bando miliardario di diritti tv? Ecco questo rende la campagna elettorale ridicola. Non si parla di confronto elettorale ma di temi stupidi. Sono stato a cena con i capi di Stato più importanti nel mio mandato, dalla Russia all'America ed ho avuto la fortuna di imparare dai massimi vertici mondiali a fare azienda, a costruire reti e sistemi economici, salvare Stati, persone, squadre e diritti televisivi ai quali sono appesi Governi. Ho dato e ricevuto conoscenza e rispetto da Ceferin ed Infantino, persone che conoscono 6 lingue e guidano il calcio mondiale. Poi ci sono le lettere di Silini, Nicoli, e compagnia cantante che mi ricordano perché sono stato chiamato in campo con energia. Mi tengo la mia esperienza e continuo a metterla a disposizione del mio amato calcio dilettantistico e della mia squadra, che è fenomenale. Verretto, si ricordi che avere un ex Presidente Federale al servizio della Lombardia è un lustro ed un punto di grande forza per risollevarsi, il resto sono chiacchiere.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400