Cerca

Crudelizia

Magic Mike, l'aquila magica vola sempre più in alto

Il successore di Gigio Donnarumma arrivato dal Lille ormai ha conquistato tutti: è lui il miglior portiere del mondo?

Magic Mike, l'aquila magica vola sempre più in alto

Crudelizia: Mike Maignan, portiere francese del Milan che non ha fatto rimpiangere Gigio Donnarumma (foto instagram)

Quando Mike Maignan è arrivato al Milan il 27 maggio 2021 per la “modica cifra” di 13 milioni più 2 di bonus per sostituire Gigio Donnarumma, passato a parametro zero al Psg, pochi addetti ai lavori si aspettavano che fosse in grado di sostituirlo senza farlo rimpiangere. Anche se aveva vinto il campionato francese col Lilla precedendo addirittura il Psg, con soltanto 23 gol subiti in 38 partite di Ligue 1 di cui 21 senza subire reti. Per lui era una sorta di riscatto visto che il Psg non lo aveva mai schierato titolare. Oggi, invece, è considerato tra i migliori portieri in circolazione. Non è stato facile imporsi e avere tanti riconoscimenti in una squadra che come termini di paragoni, per quanto concerne gli estremi difensori, annoverava giocatori del calibro di Fabio Cudicini, Giovanni Galli, Sebastiano Rossi, Nelson Dida, Christian Abbiati e, per restare nel presente, l’enfant prodige Gianluigi Donnarumma. A Milanello Maignan ha ritrovato Leao e Ballo-Tourè compagni al Lilla.

Clicca sull'immagine per vedere la scheda su transfermarkt

LA STORIA DI MAIGNAN

Mike Peterson Maignan, nato a Cayenne il 3 luglio 1995, in Guyana francese, in pieno Sudamerica, che confina col Brasile, da padre francese e madre haitiana, è cresciuto a Parigi in un quartiere povero. Non ha mai conosciuto il padre. Ha vissuto con la madre e due sorelle in una banlieue a una ventina di chilometri da Parigi, teatro di violenti scontri nel 2007 tra i residenti, per di più ragazzi, e la polizia. Grazie al pallone Mike ha allontanato le strade che potevano essere molto pericolose. Ha anche due fratelli, mai stati parte integrante della sua vita. Da bambino si trasferisce nell’Ile de France dove inizialmente gioca da centrocampista, poi viene spostato dal suo allenatore Romain Damiano nel ruolo di portiere. Il Paris Saint Germain a 13 anni lo preleva dal JS Villiers le Bel e, visto lo scarso rendimento scolastico, come prima regola gli impone tassativamente di andare a scuola. Gli iniziali pessimi voti migliorano.

Nel Paris è uno dei migliori giovani del vivaio. Vince il campionato Under 17 insieme a Kimpembè e Rabiot con il quale è venuto alle mani. Sempre ai tempi dei trascorsi al Psg, quando Maignan aveva 17 anni, ha avuto parole pesanti con Ibra che, come portiere, lo aveva criticato. Le divergenze poi si sono appianate con successivi scambi di reciproci apprezzamenti. Nel 2013 firma il contratto da professionista. Ciononostante con la prima squadra non esordisce mai. Gli vengono preferiti Sirigu e Areola. Il 18 agosto 2015 Mike Maignan passa al Lille e firma un contratto quinquennale. Si mette in evidenza per la sua abilità nel parare i rigori. Purtroppo un infortunio alla spalla frena la sua crescita. Mike diventa titolare due anni dopo nella stagione 2017-2018. Dimostra di essere un portiere moderno abile anche coi piedi. Nelle selezioni giovanili è titolare dall’Under 16 all’Under 21.

Il 30 maggio 2019 viene convocato nella nazionale maggiore della Francia. Il 7 ottobre 2020 debutta contro l’Ucraina. Il 18 maggio 2021 il ct Didier Deschamps lo inserisce nella lista dei convocati per gli Europei. Con i Bleus ha vinto una UEFA Nations League nel 2020-2021. Il 23 maggio 2021 vince la Ligue 1, quarto successo nella storia del club e primo personale per Maignan. Il 27 maggio 2021 viene ufficializzato il suo passaggio al Milan a partire dall’1 luglio, con un contratto quinquennale fino al 2026. Maignan è alto 191 cm e pesa 89 kg. Dotato di ottima personalità, atletismo e riflessi, eccellente tra i pali per il suo senso della posizione e per la sua grande reattività. Eccelle pure nelle prese alte. È bravo anche nelle uscite e nei lanci lunghi che diventano veri e propri assist. Probabilmente le sue origini di centrocampista gli hanno consentito di avere un buon controllo di palla. L’assist confezionato per Leao nell’1-0 alla Sampdoria con un lancio di 77 metri è stato addirittura spettacolare. Nel suo curriculum sono 9 i rigori parati su i 29 affrontati, è il primo in Serie A con una percentuale del 31%. Nessun portiere ha una percentuale più alta dal 2015-2016 ad oggi. A livello individuale è stato votato miglior portiere della Ligue 1 nel 2018-2019 e della Serie A nel 2021. Mike si fa chiamare Magic Eagle, l’aquila magica. Le statistiche dicono che nella stagione della conquista dello Scudetto con i suoi interventi Maignan ha effettuato interventi decisivi che hanno consentito di incamerare ben 22 punti. Sono lontani i trascorsi nei quartieri poveri, il calcio gli ha dato notorietà e un patrimonio netto stimato attorno ai 6 milioni di euro.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400