Cerca

Esordienti B

Ausonia-Opera: doppietta di Deliso, seguono Malandrino, Ottomani e Buttini. Cinque gol da sogno per una squadra che ha giocato un campionato stellare

Gli avversari si difendono bene: ottimo lavoro per Oddo che conquista al 17' del terzo tempo il gol della bandiera

Esordienti B Ausonia

Ecco la squadra prima della partita contro opera

Quella degli Esordienti B tra Ausonia e Opera è stata una bella partita giocata con convinzione fino all'ultimo. Il risultato finale dei tre tempi premia i padroni di casa che segnano cinque reti contro l'unica messa a tiro dall'Opera suddivisi in: tre gol nel primo tempo, uno 0-0 nel secondo e 2-1 in quello finale.

Deliso, Malandrino, Ottomano. Durante tutto il primo tempo, l'Ausonia detta il ritmo del gioco, rimanendo per gran parte del tempo sempre in zona avversaria. Il clima si riscalda subito, già al settimo minuto Medioli tenta il tiro dalla fascia laterale destra. Il numero 7 della squadra di casa gioca una gran bella partita, scattante e instancabile dona dinamicità al gioco più volte riesce a riappropriarsi della palla e, avvicinandosi spesso all'area piccola, tiene tutti con gli occhi concentrati ai suoi piedi. Anche Baldayac ce la mette tutta e trovandosi esattamente al lato opposto di Medioli, protegge la fascia laterale sinistra con tempestività. Pochi minuti dopo, un calcio di punizione tirato dall'Opera si trasforma in un'occasione quasi perfetta per i giovani biancoverdi. Deliso conquista palla e passa a Medioli che tira in alto ma per pochi millimetri, il pallone anziché entrare si spinge sulla traversa rimbalzando oltre. Questa azione dà però molto animo alla squadra che immediatamente ci riprova con un tiro di Malandrino che notando l'allontanamento di Rendina, il portiere avversario, lancia in direzione della porta incustodita, ma anche questa volta a causa di un tiro un po' impreciso la palla esce. Medioli ci prova ancora e il tiro potente che comunque esce fuori area, permette il gol successivo. Al decimo minuto Vasini tira un calcio d'angolo, tra i vari passaggi veloci nella mischia, Deliso segna. Lo segue immediatamente Malandrino che su assist servito da Baldayac dall'angolo sinistro, riceve e insacca la palla. Il terzo gol arriva intorno al 15' in maniera molto simile al primo. Dopo il calcio d'angolo di Deliso tra la mischia il piede di Ottomano ha la meglio e permette di guadagnare con tre punti il vantaggio sul primo tempo.

Grinta e coraggio. Peccato per i ragazzi di Opera, la loro squadra non era inferiore all'Ausonia, non c'era un disequilibrio. Ciò che è mancato durante il primo tempo probabilmente è stato un pizzico di coraggio in più per cercare l'azione. Giocavano in difesa senza tentare il tiro. Il secondo tempo infatti mostra più rivalità. In questa fase liberano tutta la loro grinta Mastretta e Dodaj. Sono scattanti, difendono bene e giocano di ripresa. Anche Oddo fa valere la sua presenza ed intorno all'8' sfoggia un tiro da centrocampo che non riesce ma rigenera il gruppo, infatti poco dopo anche Mastretta prende coraggio. A questo punto però l'Ausonia riprende a darci dentro seguono molti momenti di suspense causati da vari calci d'angolo che mantengono la concentrazione alta, ma alla fine questo secondo tempo si concluderà 0-0. Il tempo finale regalerà tante emozioni. Tra i vari cambi di cui entrambe le squadre usufruiscono, colpisce il cambio di ruolo del capitano Ausonia Ottomani, che passa dal ruolo d'attaccante a quello di portiere. Durante tutti e venti i minuti finali, i ragazzi cercano di ottenere qualche punto a favore. Bella giocata di Cameroni che subito tenta il tiro in porta, è un po' il protagonista di questo tempo, batte almeno due calci d'angolo ed ha occhi e gambe ovunque. Dall'altra parte del campo, oltre che a difendersi, pensano ad agire e come per il secondo tempo, un ruolo fondamentale è giocato da Mastretta, Oddo, Tagliaferri e Pagani. La situazione si riscalda quando dal calcio d'angolo servito da Cameroni, la palla viene fatta balzare lontano, fino ai piedi di Buttini che con un tiro preciso segna da mezz'area. Segue pochi minuti dopo un altro gol segnato invece da Deliso. La partita procede a ritmo alto fino a quando al 17' Oddo segna a sorpresa un gol da centrocampo che coglie impreparato Ottomani, il primo per la sua squadra.

IL TABELLINO

AUSONIA-OPERA 5-1 (3-1)
RETI (3-0, 0-0, 2-1): 8' Deliso (A), 9' Malandrino (A), 14' Ottomano (A), 6' tt Buttini (A), 7' tt Deliso, 17' tt Oddo (O).
AUSONIA: Randolfi, Provenzi, Gentile, Malandrino, Buttini, Baldayac Grullon, Medioli, Vasini, Ottomano, Sirni, Deliso, Cameroni, Diassy.
OPERA: Rendina, Oddo, Angelillo, Pagani, Izzo, Chilelli Rovelli, Varesi, Dodaj, Mastretta, Tagliaferri.

LE INTERVISTE

Il tecnico Diego Ivan Miotto, Ausonia, commenta a fine partita: «Abbiamo fatto un buonissimo primo tempo, negli altri si poteva fare qualcosa in più. Un buon lavoro durante tutto il match è stato svolto da Malandrino, Deliso e Ottomano. Ottomano ha giocato anche in porta in quanto lui nasce come portiere, ma è suo desiderio imparare anche a gestire altri ruoli e devo dire che se la cava molto bene. Sono soddisfatto di tutto il campionato, questa era la nostra ultima partita per ciò che riguarda il 2021, siamo arrivati secondi avendo perso soltanto un incontro contro il Pavia. Ci siamo trovati in un bel girone»

Anche il tecnico dell'Opera Fortuna Luca si ritiene soddisfatto del lavoro dei suoi ragazzi: «I ragazzi hanno giocato molto bene, peccato che abbiam pagato caro alcuni errori commessi di cui l'Ausonia ha approfittato. Siamo una squadra molto tecnica, ma ci vorrebbe un po' di coraggio in più, di quella famosa cattiveria sportiva che oggi ci è mancata. I ragazzi si son trovati un po' spaesati anche a causa dei palloni che erano leggermente più piccoli di quelli con cui sono abituati a giocare di solito. Comunque posso dire che hanno fatto un bel percorso e siamo contenti di questo campionato giocato in un girone di livello».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400