Cerca

Esordienti B

L'Opera è seguita da una Stella, Mansella conquista i suoi con una doppietta

Quattro gol per ogni squadra: tra la squadra di casa ed il Melzo termina in parità

Esordienti B Opera

La squadra casalinga insieme al tecnico De Tommaso

La partita disputata questa domenica è stata molto combattuta. Durante il primo tempo i padroni di casa hanno dominato meglio il gioco creando tante occasioni, rimanendo principalmente nella zona avversaria. Bene l’ultimo tempo per il Melzo dove ha predominato nonostante sia stato il tempo più difficile a causa del crescente nervosismo tra le squadre. Il tempo di mezzo è stato concluso in parità con due gol segnati a squadra.


Lorenzo Oddo parte con il vantaggio. La prima fase di questo match è davvero molto energica, i ragazzi corrono molto velocemente spostandosi di continuo da una parte all’altra del campo. Subito dopo una punizione calciata da Andrea Marussich, Oddo si impossessa del pallone e correndo molto velocemente sulla fascia laterale destra segna un tiro alla sinistra del portiere. L’Opera in attacco può contare sul capitano Tommaso Panzone, su Iacopo Dati e sul bomber Oddo. Tutti e tre in questa prima fase collaborano molto cercando di creare delle occasioni valide, molte delle quali sono sapientemente bloccate da Federico Bonora, portiere avversario, come all’undicesimo minuto quando stoppa il tiro frontale di Dati. Tra i vari giocatori, si nota una chioma dorata. È Stella Magrini numero 6 della squadra Opera che non si trova lì per caso, come spiegherà il tecnico De Tommaso Luca, fa proprio parte del gruppo con cui regolarmente si allena in settimana e affronta le partite del weekend. Il Melzo in questo tempo è costretto a difendersi, anche se non sono in difficoltà, non riescono a concludere. Oltre al portiere, per tutto il primo tempo si notano i ripetuti calci lunghi di Salva Catello Mattera e anche in centrocampo Gianluca Cortucci fa un buon gioco con i compagni e Mohamed Ndiour. Verso la fine Panzone segna un gol annullato poco dopo causa fuori gioco.

Due a due, Vataj e De Palma contro Izzo e Panzone. Dopo una breve pausa, in campo sembra entrare una squadra totalmente nuova. L'Opera si rigenera e tra i protagonisti di questo round si fa notare fin da subito Gabriele Dodaj. Il Melzo è più energico e appena dopo un paio di minuti Ledion Vataj segna il primo gol per la sua squadra. Dodaj ha voglia di farcela e sfiora due gol a distanza di poco tempo, entrambi grazie a delle punizioni a lui assegnate. Al settimo minuto, tra la calca concentratasi davanti alla porta, Riccardo Izzo riesce a conquistare un altro punto ristabilendo il vantaggio per i gialloblù. Il secondo tempo si fa un po’ più complesso, si gioca meno palla a terra e predominano passaggi di testa o palle lunghe, sembra sia il Melzo a dominare meglio la situazione, la squadra si è compattata e gran parte del controllo è gestito da Vataj, Mattera e allo scattante Kristian Bendaj. Intorno alla metà di questo tempo, i nervi cominciano un po’ a cedere si avverte la stanchezza anche se la situazione rimane comunque sotto controllo. Al sedicesimo un tiro di Dodaj dalla bandierina rimbalza sul secondo palo e con una deviazione di Panzone, Opera ottiene il suo terzo gol. L’enfasi dei padroni di casa dura però poco in quanto subito dopo anche il Melzo conquista un secondo gol per mano di Francesco De Palma.

La Stella di Opera contro due tiri di Mansella. Senza dubbio l’ultimo tempo è stato quello più difficile soprattutto quello meno prestante. Tra i ragazzi la competizione si fa sentire e questo ne determina un nervosismo in campo che non permette un bel gioco fluido. Rimane il tempo in cui il Melzo domina di più la partita. Magrini affronta bene questa fase, è scattante e più offensiva rispetto al primo tempo. Simone Cortucci e Andrea Marussich cercano con due azioni interessanti sfiorano due reti. Alessandro Arona da il meglio di sé, para molti tiri avversari ed esce più volte verso il pallone per interrompere delle azioni pericolose. La situazione cambia quando con molta grinta Dati si impossessa della palla e risale l’intero campo senza che nessuno riesca a fermarlo, in zona area piccola è braccato, passa a Magrini che insacca immediatamente. Ancora una volta Opera è in vantaggio. Ma nulla è ancora definitivo. Subito dopo Adriano Lucio Mansella segna due gol a pochi minuti di distanza. Finisce così in pareggio la partita del girone 27 Opera-Melzo: 4-4.

IL TABELLINO

OPERA-MELZO 4-4 (3-3)
RETI: 3’ Oddo (O), 2’ st Vataj (M), 7’ st Izzo (O), 16’ st Panzone (O), 18’ st De Palma (M), 17’ tt Magrini (O), 18’ e 19’ tt Mansella (M).
OPERA: Arona, Parisa, Oddo, Angelillo, Panzone, Magrini, Izzo, Chilelli, Dati, Dal Maso, Cremascoli, Dodaj, Mansour.
MELZO: Callegari, Evulet, Nakache, Ndiour, Suka, Mattera, Marussich, Gilardi, Mansella, Pascale, Bendaj, Bonora, De Palma, Cortucci, Galeotti, Dinoia, Vataj.

L'INTERVISTA


A fine partita segue il comento del tecnico De Tommaso: «Per la nostra squadra il miglior tempo giocato è stato il primo. Abbiamo avuto diverse occasioni e forse avremmo potuto concluderlo diversamente, molto bravo il loro portiere che ci ha dato del filo da torcere. Durante il secondo tempo i ragazzi si sono fatti trascinare un po’ di più dal loro gioco. Noi giochiamo molto di più con passaggi palla a terra invece ci sono stati molti tiri lunghi. Il terzo tempo è stato dominato invece dagli avversari. Seguo questa squadra da due anni e mi sta dando molte soddisfazioni. Grazie ai successi che stanno conquistando, anche la loro stima sta crescendo e questo permette migliori prestazioni. Nel nostro gruppo c’è Stella, una ragazza davvero brava. Riesce a ricoprire al meglio qualunque ruolo le venga affidato è anche più piccola di un anno. Il motivo della sua presenza in squadra riguarda un progetto più grande della società che sta cercando di riavere una squadra femminile. In quasi tutte le categorie, è presente almeno una ragazza per squadra. Quella di oggi è stata comunque una partita positiva, hanno fatto bene».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400