Cerca

Esordienti B

Fascia a chi merita di più in allenamento; si ispira a Massimiliano Allegri il nuovo tecnico del Rozzano

Terminata l'esperienza con il Real Trezzano, Marco Sepielli ricomincia la sua avventura in panchina alla guida dei 2011 biancoverdi

Fascia di capitano a chi merita di più in allenamento; sistema a rombo, cursori a tutta fascia: si ispira a Massimiliano Allegri il nuovo tecnico del Rozzano

QUESTO ARTICOLO È PREMIUM. PER LEGGERLO DEVI AVERE UN ABBONAMENTO ATTIVO. IN ALTERNATIVA LO TROVI SUL GIORNALE (QUI L'EDICOLA DIGITALE)

Novità strutturali in casa Rozzano (la società biancoverde avrà a disposizione due nuovi campi sintetici), ma anche tecniche, visto che la squadra degli Esordienti classe 2011 (un totale di diciassette ragazzi, tra i quali undici nuovi) vede l’approdo dell’ex Real Trezzano Marco Sepielli.

Il tecnico, impressionato già dalle prime amichevoli interne, ne esprime un giudizio positivo: «Sono educati e diligenti, e in loro ho già notato un'evidente maturità calcistica. Sono in grado di giocare a due tocchi, commettono pochi errori, e pur essendo un gruppo prevalentemente nuovo sembra quasi che giochino già insieme da tempo». Sepielli prosegue nell’esplorazione della categoria e della sua metodologia: «Pur privilegiando un calcio propositivo, rivolto all'attacco, ritengo che le azioni di gioco dovrebbero partire sempre dal reparto difensivo. Lavoreremo anche sull'aspetto motorio e coordinativo, e sulla mobilità in campo». Al lavoro di Sepielli, contribuiranno i dirigenti Sandro Currò e Pier Giordano, che daranno un prezioso supporto. Il tecnico enuncia i suoi obiettivi principali, e svela anche la sua tattica: «Intendo far evolvere gli atleti dal punto di vista calcistico e comportamentale, preparandoli per farli giocare nell'agonistica. Adotto il 4-4 con il rombo, che prevede la disposizione di quattro giocatori con un vertice basso e uno alto; questo rende il giropalla più fluido, sfruttando al meglio la posizione quando si riceve il pallone, e producendo degli smarcamenti più efficaci. In questo sistema, inoltre, i due esterni difensivi hanno la possibilità di giocare a tutta la fascia».



L'allenatore prosegue nella sua analisi: «Intendo far girare la fascia da capitano di volta in volta, e attribuirò questo ruolo al giocatore che dimostrerà maggiore impegno durante gli allenamenti, i quali si svolgeranno tre volte alla settimana». Sepielli esprime un particolare ringraziamento al presidente Marco Capitelli, e anche allo storico responsabile della pre-agonistica Flavio Fiori, presente in società da diciotto anni : «Mi hanno accolto molto bene, facendomi sentire come in una grande famiglia e attribuendomi la fiducia per la guida di questi 2011, che credo siano molto promettenti».

Flavio Fiori


Il tecnico si racconta, parlando della sua lunga avventura sulle panchine milanesi, e del suo passato da calciatore: «Ho appena compiuto quarant'anni, e da tifoso juventino stimo Massimiliano Allegri, perché sa gestire bene le gare e vincerle, nonostante le difficoltà. In passato ho seguito i Giovanissimi del Binasco e dell'AICS Olmi, e anche gli Esordienti del Real Trezzano e dello Zibido San Giacomo».

Marco Sepielli ai tempi della Virtus Binasco

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400