Cerca

Calcio Femminile: ecco il nuovo programma di sviluppo del Presidente Gabriele Gravina

Gravina

Gabriele Gravina, Presidente Figc

È stato ufficialmente presentato il nuovo piano di sviluppo per il calcio femminile elaborato dalla FIGC per il prossimo quadriennio 2021-2025. Progetto che fa seguito al piano di partenza instaurato nel 2015 che ha portato ai risultati odierni, e che prevede nuovi anni di crescita importante per un movimento che dal 2022 sbarcherà ufficialmente nel mondo del professionismo. A presentare il tutto è stato il Presidente della FIGC Gabriele Gravina che è intervenuto cosi a Sky Sport per parlare dei nuovi obiettivi posti dalla Federazione nei prossimi anni: 1- Aumentare del 50% il numero delle giovani calciatrici tesserate mantenendo a zero il costo dell'iscrizione per le bambine dai 5 ai 17 anni 2-  Raggiungere successi internazionali con le nostre squadre 3- Migliorare la competitività e la spettacolarità delle competizioni 4- Accrescere la community dei fan e degli appassionati  5- Introdurre il professionismo in Serie A garantendone la sostenibilità «Devo innanzitutto ringraziare Ludovica Mantovani, Presidentessa del dipartimento femminile, e tutti i suoi collaboratori per questo piano strategico che riguarda tutti i campionati della nostra divisione, dalle prime squadre al settore giovanile ma in linea generale a tutto il movimento del calcio femminile del nostro paese. Un piano di prestigio che ricalca quello che è il nostro slogan, "domani è adesso", penso sia molto significativo e riesce ad esprimere al meglio la crescita del movimento femminile in Italia e nel mondo. Dobbiamo farci di portatori di valori sani ed eleganti che rappresentano al meglio questo mondo. Sono obbiettivi importanti: vogliamo riuscire a incidere maggiormente sulla community e riuscire a portare sempre più gente allo stadio e migliorare l'audience tv. Il sogno più grande, nemmeno cosi impossibile da raggiungere, è quello di riuscire a candidarci come paese ospitante per un grande evento internazionale. Cosi come riuscire a far si che sempre più bambine abbiano la possibilità di iscriversi ad una scuola calcio, e migliorare il livello delle competizioni sopratutto a livello internazionale. Sono tutti obiettivi alla nostra portata: siamo la prima federazione ad aver lanciato il professionismo femminile, crediamo tanto in questo movimento e crediamo che questo piano ci darà dei grandi risultati nel prossimo futuro».   Clicca qui per visualizzare il piano integrale.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400