Cerca

News

Già sfumato per il Milan il sogno Champions, ma che orgoglio calcare il palcoscenico europeo per le ragazze di Ganz

Dopo il successo per 2-1 sullo Zurigo nel match d'esordio, le rossonere devono arrendersi per 2-0 alle tedesche dell'Hoffenheim

Valentina Giacinti

La rossonera Valentina Giacinti, fresca di rinnovo

È terminato anzitempo il percorso delle rossonere di Maurizio Ganz nel primo turno della Women's Champions League. Nello scorso campionato, le rossonere allenate dall'ex atalantino, interista e milanista, avevano conquistato il secondo posto in classifica dietro alla corazzata Juventus, e blindato la loro storica, prima qualificazione alla massima competizione europea di calcio femminile.

Il Milan ha così esordito in Champions martedì 17 agosto battendo nel primo match le svizzere dello Zurigo con il risultato di 2-1, anche per merito della doppietta siglata dalla capitana ventisettenne bergamasca Valentina Giacinti, che ha segnato il secondo gol calciando con un bel sinistro rasoterra. Le milaniste hanno dimostrato in generale molto impegno e buona qualità nel gioco, e il nuovo portiere rossonero, Laura Giuliani, ha effettuato sul finale una notevole parata. La rete del pareggio momentaneo per la formazione elvetica è stata realizzata mediante un gran tiro a giro dalla giovanissima difensore Noemi Megroz. Il tecnico Ganz, in occasione di questa prima vittoria storica del Milan femminile in una massima competizione europea, ha optato per il 3-4-3, mentre lo Zurigo ha giocato con il 4-4-2.

Le milaniste hanno tuttavia perso successivamente per 2-0 la seconda e decisiva partita, giocata sempre a Zurigo, contro la squadra tedesca dell'Hoffenheim, arrivata terza nella scorsa Bundesliga. A segno la baby centrocampista classe 2002 Jule Brand, che gioca anche nella nazionale di calcio della Germania, e Isabella Maria Hartig, originaria di Norimberga. Le guerriere di Ganz, che in quest'occasione aveva adottato il 3-4-2-1, hanno subito la rete del vantaggio avversario nel primo tempo: un tiro veloce e molto angolato, e la seconda nella ripresa, realizzata con un gran colpo di testa. Questa sconfitta contro l'Hoffenheim, un'avversario di alto livello, ha determinato così la prematura eliminazione delle rossonere, che non sono riuscite a sfruttare una buona occasione da gol allo scadere. Delusione che fa il paio con quella arrivata lo scorso maggio quando il Milan perse ai rigori la finale di Coppa Italia ai rigori contro la Roma, ma che lascia comunque una sensazione di orgoglio per aver calcato il palcoscenico più importante d'Europa, oltra a un'intatta voglia di riprovarci subito.

Le rossonere torneranno in campo il 29 Agosto a Vismara per l'esordio di Serie A femminile contro il Verona.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400