Cerca

Women's Champions League

Juventus-Wolfsburg: doppietta di Girelli e le bianconere strappano uno storico pari contro le tedesche

Gol della numero 10 al 90' e speranze di qualificazione ancora accese. Le tedesche sono finaliste del 2019

Cristiana Girelli

Cristiana Girelli segna il gol del pareggio (foto Valletta)

Le notti europee della Juventus regalano emozioni indescrivibili: le bianconere ottengono un ottimo pareggio grazie alla doppietta di Cristiana Girelli . Il Wolfsburg non passa all'Allianz Stadium e le bianconere hanno dimostrato, così come accaduto contro Lione nella passata stagione e Chelsea un mese fa, che il gap è sempre più sottile. L'amaro in bocca un po' rimane e questa è una cosa positiva perché questa Juve non si deve porre limite. Servirà un'altra grande partita in Germania alle bianconere per provare ad insidiare le corazzate del girone. Dopo un inizio stentato e con qualche errore di troppo, la Juve aveva trovato vantaggio (vanificato pochi minuti più tardi) e soprattutto coraggio. Centrocampo non troppo in giornata, mentre Lisa Boattin sicuramente la migliore in campo delle ragazze di Montemurro. Una prova di grintà e maturità con il gol di Girelli a ridosso del novantesimo che fa esplodere gioia e speranze dei tifosi bianconeri.

Stoccata e risposta. La prima conclusione in porta è di Wassmuth, tiro velleitario che Peyraud-Magnin. La Juve c’è e si affaccia dalle parti di Schult con autorità. Sono ancora le tedesche però a farsi pericolose sugli sviluppi di un calcio d’angolo la difesa bianconera non riesce a spazzare lontano il pallone che viene rimesso per Rauch, il suo tiro è però facile preda di Pepè che si distende con sicurezza. Le ragazze di Stroot crescono d’intensità con il passare dei minuti anche grazie a qualche distrazione dal centrocampo juventino, anche se di occasioni clamorose le vice campionesse di Germania non le hanno. E poi arriva il lampo: al 22’ Caruso lancia Girelli sul filo del fuorigioco. La numero 10 dalla sinistra calibra il tiro, non irresistibile ma basso e potente e una Schult non impeccabile è battuta. Il vantaggio dura pochi minuti, il tempo di Oberdorf di scucchiaiarla in area, Gama di testa allontana su Lattwein che da fuori fa partire un siluro sul quale Peyraud-Magnin non può arrivare. Il Wolfbsurg è galvanizzato dal pareggio e continua a spingere: Peyraud-Magnin vola sulla conclusione di Roord. A ruota Salvai non controlla Wassmuth che salta anche Pepè, la mette in mezzo dove non c’è nessuna ma Gama non si fida e la mette in angolo.  Sugli sviluppi del corner Janssen la tocca di testa ma la palla si impenna. Brivido Juve prima dell’intervallo con Lattwein che serve nello spazio Wassmuth, il tiro della numero 5 è potente e basta, finisce quasi in fallo laterale. E’ l’ultimo sussulto di un primo tempo dove la Juventus ha avuto forse troppo rispetto per un avversario fortissimo. Le ragazze di Montemurro hanno sbagliato tanto nei primi minuti, sciogliendosi dopo le due reti.

L'urlo di Girelli. Il momento di fiducia continua anche ad inizio ripresa dove la Juventus si affaccia con più convinzione nella metà campo tedesca mancando solo l'ultimo passaggio. Il primo quarto d'ora se ne va senza vere e proprie occasioni da gol ma con le bianconere decisamente in palla e a stazionare nei pressi dell'area di rigore tedesca con un Wolfsburg che sembra ora sì più intimorito. Ma proprio nel momento migliore della Juve arriva il vantaggio del Wolfsurg con Wassmuth che appoggia comoda in rete dopo un contropiede fulmineo. Parte la girandola dei cambi con la Juve che fa entrare Hurtig al posto di Rosucci per provare ad acciuffare il pari e Hyytynen che sostituisce Lundorf che si fa male cadendo. Montemurro tenta il tutto per tutto mandando nella mischia anche Bonfantini al posto di Caruso e Staskova al posto (a sorpresa) di Bonansea. E' però il Wolfsburg ad andare più vicino al gol con Roord la cui conclusione si spegne di pochissimo sul palo alla destra di Peyraud-Magnin. Ma la Juve trova il jolly nel momento in cui la sconfitta sembrava avvicinarsi. Rauch espulsa per doppia ammonizione dopo un fallo su Bonfantini. Dal calcio di punizione seguente scaturisce il gol di Girelli, con Staskova caparbia a tenere palla e servire la numero 10 per la doppietta personale. Esplode lo Stadium, esplode di gioia il calcio femminile italiano. Il risultato è storico e i margini di crescita sono ancora tanti.

IL TABELLINO

JUVENTUS – WOLFBSURG 2-2

RETI: 22’ Girelli (J), 26’ Lattwein (W), 21' st Wassmuth (W), 45' st Girelli.

JUVENTUS  (4-3-3): Peyraud-Magnin; Lundorf (26' st Hyyrynen), Gama, Salvai, Boattin, Rosucci (22' st Hurtig), Pedersen, Caruso (32' st Bonfantini), Bonansea (32' st Staskova), Girelli, Cernoia. All. Montemurro. A disp. Aprile, Nilden, Giai, Zamanian, Beccari, Pfattner, Lenzini.

WOLFSBURG (4-2-3-1): Schult, Rauch, Janssen, Wedemeyer, Hendrich, Lattwein, Oberdorf, Knaak (21' st Bremer), Huth, Wassmuth (21' Van de Sanden), Roord. All. Stroot. A disp. Kassen, Weiss, Starke, Smits, Svava, Blomqvist, Doorsoun-Khajeh.

Arbitro: Pustovoytova (RUS)

Ammonite: 16’ Lattwein (W), 29’ Rosucci (J), 39’ Oberdorf (W), 2' st Wedemeyer (W), 12' st Rauch (W).

Espulsa: 44' st Rauch (W) per somma di ammozioni.

Spettatori: 12.739

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400