Cerca

Under 15

Verona Milan: Camarda trascina i rossonero con una doppietta che regala tre punti pesantissimi

I rossoneri passano in vantaggio nella prima frazione, abbassano la guardia e si fanno riprendere nella ripresa: la risolve il bomber con due colpi di testa

Hellas Verona Milan under 15

Nella Verona e Milan al loro ingresso in campo

Il Milan esce dall’Antistatico Tavellin di Verona con 3 punti, che pesano anche di più per come sono arrivati quest’oggi. Il Verona, dal canto suo, ha sorpreso i rossoneri con una prestazione di grande sostanza sia sul piano dell’aggressività che della fisicità. A spuntarla è però il Milan, abile a sfruttare le occasioni create e ora in testa a punteggio pieno.

Liberali-Camarda show. Pronti via ed è subito Liberali show. Il giovane numero dieci rossoneri fa vedere perché ha quel numero sulla schiena e si prende la licenza di seminare il panico nella difesa scaligera. È il 7’ quando fa le prove generali per la giocata decisiva: tiro da poco fuori area e palla che si spegne sul fondo. Un minuto più tardi, il piede caldo dello stesso Liberali fornisce un assist su misura per la testa di Camarda, abile a torcersi e a indirizzare la palle in fondo alla rete. Nell’occasione sembra non impeccabile la risposta di Bertolazzi, che sembra staccare da terra un attimo prima del dovuto, compromettendo la parata. Il gol sembra affossare ancora di più il Verona, che fatica a rendersi veramente pericoloso dalle parti di Bassorizzi. Meriti anche del Milan, ben messo in campo, almeno nella prima frazione di gioco. La reazione dei padroni di casa viene affidata alla conclusione di Stella al 29’, ma il suo tiro dal limite dell’area è senza pretese e si smorza a lato dei pali della porta difesa da Bassorizzi. Allo scadere della prima frazione, Liberali spara alto da posizione più che ottima e fallisce l’occasione per mettere a segno il gol personale, gioia personale che avrebbe anche meritato per quanto messo in campo.

Camarda non ci sta. L’intervallo dà una svegliata al Verona, che rientra in campo con piglio diverso a maggiore pericolosità. La pressione apportata dai ragazzi di Caldana mette in difficoltà il Milan e i gialloblù meriterebbero qualcosa di più. Al 6’ Mussola ci prova direttamente da punizione con una traiettoria velenosa, ma è bravo Bassorizzi ad allungarsi per mettere la palla in corner. I rossoneri rispondono, ancora da calcio di punizione, con Perin: al 20’ calcia bene ma senza angolare troppo e Bertolazzi si allunga bene opponendosi al tiro. Al 22’, il neo entrato Zambiasi sfrutta un’indecisione della difesa e del portiere milanista e ci mette la zampata che regala il pari al Verona. L’inerzia sembra poter svoltare dalla parte di Verona, ma il Milan e Camarda non ci stanno. Bella triangolazione in area e tap-in vincente del numero nove rossonero, ancora una volta con la testa. Il gol taglia metaforicamente le gambe al Verona e gli ospiti trovano diversi spazi in contropiede ma senza mai approfittarne per chiudere definitivamente il match. Il Milan resiste fino alla fine dei quattro minuti di recupero concessi dal direttore di gara e porta a casa una vittoria molto importante, nonostante la prestazione non entusiasmante contro un avversario e un campo ostico come quello del Verona.

IL TABELLINO

HELLAS VERONA - MILAN 1-2
MARCATORI: 8’ Camarda (M), 22’ st Zambiasi (HV), 25’ st Camarda (M).
HELLAS VERONA (4-3-1-2): Bertolazzi 5.5, Avdullari 6, Opuoru 5, Albertini 6, Minucelli E. 6, Eyeh 5, Begnini 5.5(10’ st De Paoli 6), Zilio 5.5, Stella 6 (20’ st Veronese 6), Mussola 6 (32’ st Giuliari sv), Zanfisi 5.5 (10’ Zambiasi 7). A disp.: Soatto, Guglielmoni, Basilisco, Prodomi, Viviani. All. Caldana 6.
MILAN (4-2-3-1): Bassorizzi 5, Colombo 6, Albè 6.5, Del Forno 6.5, Ceriani 6, Sala 6.5, Battistini 6.5 (8’ st Geroli 6, 32’ st Viana Seedorf sv)), Perin 6.5, Camarda 8.5, Liberali 7.5, Ossola 6 (8’ st Sassi 6.5). A disp.: Doneda, Eberini, Benedetti, Di Maria, Cappelletti, Pulito. All. Bertuzzo 6.5.
ARBITRO: Scomazzon di Bassano del Grappa.
ASSISTENTI: Citterio di Verona, Di Grazia di Verona
AMMONITI: Albertini (HV), Bertuzzo (all. HV). 

LE PAGELLE

HELLAS VERONA
Bertolazzi 5.5 Poteva fare di più in occasione del primo gol subito, lo stacco da terra non sembra ottimale e la palla si insacca alle sue spalle. 
Avdullari 6 Sull’impegno profuso in campo non gli si può dire nulla, certo è vero che il suo cliente (Albè) è un osso duro e diventare davvero pericolosi è un’impresa
Opuoru 5 Prestazione poco entusiasmante, non tenta quasi mai la giocata e si difende con qualche affanno quando scendono dalle sue parti gli esterni rossoneri.  
Albertini 6 Tanto fiato al servizio della squadra, si inserisce bene senza palla nelle trame del centrocampo ma, come la maggior parte dei compagni, è inconsistente nel momento di trovare la giocata decisiva.
Minucelli E. 6 Va in difficoltà nelle battute iniziali a causa del dinamismo di Camarda ma c’è da rendergli il merito di aver salvato i suoi dal doppio svantaggio quando interviene provvidenzialmente su Liberali.
Eyeh 5 Troppo macchinoso quando ha il pallone tra i piedi e da un suo errore nasce una potenziale occasione per il Milan per dare una svolta decisa al match.
Begnini 5.5 Nessuno spunto particolarmente degno di nota. Non soddisfatto della sua prestazione, Caldana lo sostituisce a inizio ripresa (10’ st De Paoli 6 Il suo ingresso rivitalizza la manovra gialloblù).
Zilio 5.5 Troppo fuori dal vivo del gioco nel centrocampo veronese e intrappolato tra le maglie rossonere. Tocca pochi palloni e da lui ci si aspetterebbe sicuramente di più. 
Stella 6 È tra i pochi dei suoi a crederci nel primo tempo, in cui ci prova dalla distanza. Cala vistosamente nella ripresa e lascia il campo a 15’ dalla fine (20’ st Veronese 6 Entra nel miglior momento dei suoi e anche lui ha un buono il suo impatto sulla gara, dando manforte al forcing
veronese ).
Mussola 6 Gli manca il guizzo giusto per riuscire a essere una reale minaccia per la difesa rossonera. Comunque mette in mostra impegno e carattere (32’ st Giuliari sv).
Zanfisi 5.5 Inizio in sordina, non ha molti palloni giocabili e quei pochi li tocca senza troppa precisione.
10’ st Zambiasi 7 Abilissimo a sfruttare l’indecisione della difesa ospite per pareggiare. L’illusione dura
poco però.
All. Caldana 6 Il suo Verona è ben messo in campo e resta in partita sempre, nonostante lo svantaggio a freddo. Bravo con i cambi, avrebbe meritato sicuramente di più.

MILAN
Bassorizzi 5 Inoperoso nel primo tempo, esce male in diverse situazioni, tra cui quella che porta al pareggio veronese.
Colombo 6 Non si fa superare facilmente sulla fascia di destra e non disdegna neppure le sortite offensive cavandosela discretamente.
Albè 6.5 Difensivamente irreprensibile, attento e scaltro nel far valere il suo fisico. Un pelo rinunciatario quando deve passare alla fase d’attacco.
Del Forno 6.5 Prestazione da leader della difesa, sempre puntuale nelle chiusure quando il Verona attacca e poco dopo lo ritrovi anche a esultare con i compagni al gol del vantaggio.
Ceriani 6 Lettura delle situazioni senza sbavature, rimedia agli errori di impostazione con un pizzico di malizia e fortuna, soprattutto quando l’arbitro gli risparmia un giallo solare per aver interrotto un contropiede.
Sala 6.5 Difficile fare breccia se da quelle parti passa lui. Sbaglia poco o nulla in qualsiasi zona del campo lo si ritrovi.
Battistini 6.5 Partita di grande sostanza, occupa tutta la mediana, pressa e prova l’incursione vincente (8’ st Geroli 6 Si destreggia bene in mezzo al campo, esce dal campo nel finale forse per un problema fisico (32’ st Viana Seedorf sv).
Perin 6.5 È al centro del gioco e quando tocca il pallone ci si aspetta sempre una giocata di alto livello tecnico. Le sue geometrie sono fondamentali per la squadra.
Camarda 8.5 Prestazione sontuosa, fa reparto da solo e ha in Liberali un compagno ideale. Da un bel cross del dieci nasce il sul gol: colpo di testa non potente ma molto ben indirizzato. Replica nella ripresa con un tap-in facile facile ma per niente scontato.
Liberali 7.5 Come un coltello nel burro, semina il panico nella difesa gialloblù con con azioni irresistibili, come l’assist al bacio che porta all’incornata vincente di Camarda.
Ossola 6 Non di certo il migliore dei suoi, dà comunque il suo apporto alla fase offensiva dialogando bene con i compagni (8’ st Sassi 6.5 Entra col piglio giusto e si vede fin da subito. È lui che da il là al nuovo vantaggio rossonero).
All. Bertuzzo 6.5 Il suo Milan sembra un po’ il braccino corto dopo aver messo a segno il vantaggio, ma la risolve nel finale grazie al suo bomber Camarda.

LE INTERVISTE

La doppietta di Camarda ha fatto ottenere al Milan una vittoria sofferta e di misura (1-2) in casa dell’Hellas Verona. Ma l’allenatore Roberto Bertuzzo si dichiara tutto sommato soddisfatto della prestazione e della lucidità dei suoi: «È stata una partita difficilissima. Abbiamo giocato con poca qualità, anche per merito loro perché ci pressavano a uomo in tutte le zone del campo. Non era facile la gestione della palla. Nonostante questo, abbiamo avuto 5-6 occasioni da gol nitide e non ricordo parate del nostro portiere. Sono quelle partite che si incanalano in un certo modo, sono stati bravi i ragazzi a crederci fino alla fine. Dopo il pareggio, c'era il rischio di sciogliersi, e invece i ragazzi sono stati bravi e hanno anche creato due occasioni da gol. Sono quelle partite dalle quali si deve perdere ciò che viene e bisogna migliorare sotto l'aspetto del gioco e del fraseggio. È stata una partita sulla falsariga di domenica scorsa, avversari che ti vengono ad aggredire sempre alti, con una buona fisicità. Non è stata una gara qualitativamente di livello, ma siamo sempre stati nella partita».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400