Cerca

News

Meda, la presentazione del settore giovanile: «Stiamo lavorando per creare senso di appartenenza tra i nostri ragazzi»

Prima del derby di Promozione con la Lentatese, la società bianconera presenta il vivaio al pubblico, in un clima generale di festa

Meda, settore giovanile

Uno dei tanti momenti del pomeriggio speciale: tutte le squadre sfilano a bordocampo

Un'atmosfera speciale per mandare un segnale: senso di appartenenza ai propri colori. Un'ora prima dell'importante partita casalinga di Promozione contro la Lentatese, il Meda ha presentato il proprio settore giovanile per intero, riempiendo lo stadio "Città di Meda". Dalle categorie dei più piccoli fino ad arrivare alle under, una sfilata di ragazzi vestiti di bianco e nero e muniti di palloncini che viene accompagnata da musica e applausi lungo il campo. Durante la festa, il neo responsabile tecnico Fiorenzo Talenti commenta così l'evento: «Basta una foto per capire che è tutto magnifico. La società si è imposta questa manifestazione per presentarci a tutti, ed anche io ne sono rimasto sorpreso perché una presentazione come questa difficilmente si vede». Quello che passa è certamente un segnale forte: «Si evince che c'è organizzazione. Mi hanno chiamato apposta per aiutare il settore giovanile, e stiamo improntando questa nuova sfida: questa premessa ci aiuta decisamente».

Infatti, dopo essere stato allenatore, Talenti torna in un ruolo diverso: «Sono qui da un mese e sono felice di essere approdato nuovamente. Questo pomeriggio mi dà entusiasmo e una spinta esagerata per lavorare e far bene». Importanti anche le dichiarazioni del direttore sportivo Andrea Cavallini: «Stiamo lavorando per creare senso di appartenenza tra i nostri ragazzi e l'evento va in questa direzione, ci piacerebbe creare un sogno nei bambini per farli arrivare in prima squadra. Oggi volevamo creare qualcosa di unico e di diverso rispetto alla realtà che ci circonda». Ma quali sono i valori in cui crede il Meda? «Sicuramente correttezza e sportività, anche se del sano agonismo ci vuole sempre».

La sfida della prima squadra termina invece con un pareggio raggiunto dagli ospiti nel finale, ma al termine della gara l'allenatore Giovanni Cairoli non può che ritenersi entusiasta del clima respirato prima e durante: «E' stata una cosa bellissima, una bella risposta da parte del nostro settore giovanile. Se fosse così ogni domenica per noi sarebbe stupendo». I tanti bambini e ragazzi presenti hanno accompagnato in campo le due formazioni e hanno sostenuto il Meda per l'intera durata del match con cori e applausi: il messaggio è stato da loro percepito.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400