Cerca

Lutto

Addio a Stefano Borla, responsabile della scuola calcio e dei portieri del Chisola

Dopo giorni di attesa dopo l’incidente di venerdì, il mondo del calcio piange la scomparsa dell’apprezzato tecnico. Aveva 50 anni

Stefano Borla

Stefano Borla

La notizia è quella che nessuno avrebbe voluto sentire da quando venerdì sera si era appreso dell’incidente avuto mentre si recava all’impianto del Chisola. La sua casa da qualche anno dopo una carriera, prima da portiere e poi da preparatore, in tantissime realtà, apprezzato e stimatissimo da tutto l’ambiente del calcio.

Stefano Borla si stava recando venerdì al Chisola in bicicletta quando ha subito un incidente di cui le conseguenze sono apparse fin da subito non semplici. Fino alla tragica comunicazione di queste ore che ha scosso nel profondo tutto l’ambiente del calcio del Piemonte e non solo. Tantissimi i messaggi di cordoglio di colleghi, compagni, amici e conoscenti, in primis il presidente del Chisola, Luca Atzori.

Stefano Borla, classe 1971, era stato portiere che aveva fatto tutta la trafila nel settore giovanile del Torino per poi avere una lunga militanza a ottimi livelli dilettantistici fino al 1999. Dalla stagione seguente diventa subito preparatore dei portieri in nome di una passione fatta a vocazione. Settore giovanile del Torino, Alessandria, Ivrea, ancora Alessandria, poi Chieri, settore giovanile Juventus, parentesi a Barletta in Serie C per poi tornare al settore giovanile del Torino fino al 2020 prima di intraprendere il suo cammino col Chisola dove, oltre a essere responsabile dei preparatori dei portieri era stato nominato responsabile della scuola calcio elite del club di Luca Atzori.

L’abbraccio più grande e l’affetto di tutto il mondo del calcio giovanile e dilettantistico per la moglie Laura e l’adorata figlia Beatrice di 10 anni. La redazione di SprinteSport si unisce al cordoglio porgendo le più sentite condoglianze.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400