Cerca

Tempo Libero

Dal calcio di provincia a Sanremo 2022, Blanco e la sua ascesa da Brividi

Riccardo Fabbriconi è stato un giocatore di Feralpisalò e Vighenzi prima di arrivare al palco dell'Ariston insieme a Mahmood

Blanco Sanremo2022

Sanremo 2022: l'artista Riccardo Fabbriconi (2003), in arte Blanco, insieme a Mahmood sullo sfondo, nell'esibizione all'Ariston del loro brano «Brividi»

Nella settimana in cui da 72 anni a questa parte un po’ tutti diventiamo grandi critici musicali, non poteva non suscitare curiosità il duo Mahmood-Blanco, in corsa sul palco dell’Ariston per l’ambita palma d’oro con il brano «Brividi». Se non altro non solo perché la coppia è ritenuta al momento tra le favorite - in base al giudizio della sala stampa e dei bookmaker, e visto l’attuale piazzamento in classifica generale (secondo posto dietro ad Elisa) - ma per quanto riguarda Sprint e Sport soprattutto perché uno dei due artisti solo qualche stagione fa era stato un giocatore della Vighenzi.

Blanco, al secolo Riccardo Fabbriconi, nasce il 10 febbraio 2003 e cresce a Calvagese della Riviera, un piccolo centro vicino a Bedizzole e Padenghe sul Garda, in provincia di Brescia. Un’adolescenza trascorsa ascoltando hip hop grazie alla complicità del padre e giocando a calcio nei vivai di Feralpisalò e Vighenzi. Con i Leoni del Garda mosse i primi passi fino all’Under 15 Serie C (2017-2018), quando a stagione in corso passò alla Vighenzi con la quale centrò subito il titolo provinciale contro l'Ome da capitano insieme a Vittorio Sandrini, attuale tecnico del sodalizio gardesano (di seguito riproponiamo l'articolo della memorabile impresa).

Seguirono gli anni dei Regionali, compresi quelli negli Élite fino alla fatidica stagione 2019-2020 - le sliding doors, la grande pandemia - quando il suo estro artistico prese il sopravvento e lo portò ad imboccare definitivamente la strada della musica. Anche il dirigente Franco Goddini lo ricorda scherzosamente sulla sua pagina Facebook scrivendo: «Alla Vighenzi Calcio se va bene impari a giocare, se va male impari a cantare. Qui non è andata così male. Good luck Blanco», post seguito da tre faccine sorridenti e relativa foto dell’artista in calzoncini e maglia biancazzurra.

LEGGI ANCHE Vis Nova-Vighenzi del 17-11-2019 dove giocò Fabbriconi in arte Blanco 

La canzone, dalla forte impronta radiofonica, sembra una delle favorite indiscusse visto il largo tasso di gradimento suscitato presso i teenager. Dopo poche ore dal lancio del video ufficiale su YouTube ha infatti sforato il milione di visualizzazioni e anche da questi indicatori si può pronosticare un possibile epilogo della competizione. Il testo tratta di un amore «tira e molla» e dal complicato dialogo («A volte non so esprimermi/E ti vorrei amare, ma sbaglio sempre», «Provo a restarti vicino/Ma scusa se poi mando tutto a puttane/Non so dirti ciò che provo, è un mio limite»), dove la bruciante voglia di stare insieme spesso si accompagna alla paura dei sentimenti più intimi e alla conseguente fuga dalle responsabilità («Dai non scappare da qui/Non lasciarmi così/Nudo con i brividi»).

TESTO DELLA CANZONE

Ho sognato di volare con te
Su una bici di diamanti
Mi hai detto sei cambiato,
Non vedo più la luce nei tuoi occhi
La tua paura cos’è?
Un mare dove non tocchi mai
Anche se il sesso non è
La via di fuga dal fondo
Dai non scappare da qui
Non lasciarmi così
Nudo con i brividi
A volte non so esprimermi
E ti vorrei amare, ma sbaglio sempre
E ti vorrei rubare un cielo di perle
E pagherei per andar via,
Accetterei anche una bugia
E ti vorrei amare ma sbaglio sempre
E mi vengono i brividi, brividi, brividi
Tu, che mi svegli il mattino
Tu, che sporchi il letto di vino
Tu, che mi mordi la pelle
Con i tuoi occhi da vipera
E tu, sei il contrario di un angelo
E tu, sei come un pugile all’angolo
E tu, scappi da qui, mi lasci così.
Nudo con i brividi
A volte non so esprimermi
E ti vorrei amare, ma sbaglio sempre
E ti vorrei rubare un cielo di perle
E pagherei per andar via,
Accetterei anche una bugia
E ti vorrei amare ma sbaglio sempre
E mi vengono i brividi, brividi, brividi
Dimmi che non ho ragione
Vivo dentro una prigione
Provo a restarti vicino
Ma scusa se poi mando tutto a puttane
Non so dirti ciò che provo, è un mio limite
Per un ti amo ho mischiato droghe e lacrime
Questo veleno che ci sputiamo ogni giorno
Io non lo voglio più addosso
Lo vedi, sono qui,
Su una bici di diamanti, uno fra tanti.
Nudo con i brividi
A volte non so esprimermi
E ti vorrei amare, ma sbaglio sempre
E ti vorrei rubare un cielo di perle
E pagherei per andar via,
Accetterei anche una bugia
E ti vorrei amare, ma sbaglio sempre
E mi vengono i brividi, brividi, brividi.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400