Cerca

Under 14

Botti Chisola, Brawand dal Torino e Patruno dal Lucento

Mercato in fermento per i 2009, Lucento scatenato: dopo Cagliero e Scutigliani ecco Fanfani; Vanchiglia: La Piana sulle orme del papà

Federico Brusa dalla Juve al Chisola

Federico Brusa dalla Juve al Chisola

QUESTO ARTICOLO È PREMIUM. PER LEGGERLO DEVI AVERE UN ABBONAMENTO ATTIVO. IN ALTERNATIVA LO TROVI SUL GIORNALE (QUI L'EDICOLA DIGITALE)

Si muovono i primi passi, e per qualche allenatore e per quasi tutti i ragazzi le prossime settimane saranno decisive per prepararsi alla prima stagione ufficiale di Settore giovanile. Tante le novità dell’anno a venire, con tutte le società in pieno fermento per arrivare al meglio ai nastri di partenza. In attesa delle mosse dei cugini del Lascaris, è l’Alpignano a piazzare tre colpi importanti nell’ultima settimana. Dopo l’annuncio di giovedì relativo all’approdo in biancazzurro di Riccardo Sansica, ambito esterno offensivo proveniente dal Cit Turin, tra venerdì e sabato ecco un un triplo innesto di caratura professionistica con con i gemelli Aimone, Marco e Luca, e Gabriele Chiecchio arrivati dal Torino per rinforzare ulteriormente la già fortissima squadra di Davide Domizi.
Radio Lucento 2009, come piace tanto alla società rossoblù, è sempre accesa, e dopo le ufficialità di Paolo Cagliero, centrocampista in uscita dal Torino e Riccardo Scutigliani, punta centrale di peso dal Venaria, arriva anche Luca Fanfani, altro centrocampista ex Toro che sposa la causa lucentina. Occhio però che le sorprese non sono finite, e si attendono ancora risposte dalla società granata per altri acquisti. Se è vero che è sempre derby, allora anche il Vanchiglia deve darsi da fare, e arrivano infatti i primi colpi per la neo-Under 14 di Mirko Martello: Davide Fini, portiere dall’Auxilium Monterosa, Andrea Druetta, difensore centrale dal Mercadante, Gabriele Lo Russo, centrocampista dal Real Orione e Benedetto La Piana, esterno dal Dorina, figlio di uno degli attaccanti più prolifici nella storia del settore giovanile granata. Mercato in entrata che però riserverà ancora tanti colpi, visto che l’obiettivo è di istituire il secondo gruppo che andrà a giocarsi gli interprovinciali. Anche per il Vanchiglia confermati praticamente tutti i ragazzi della stagione passata, rimangono da sciogliere solo un paio di dubbi. Chisola in grande spolvero: la società vinovese è al lavoro per regalare a Beppe Alessi una rosa il più competitiva possibile, e gli acquisti mirano proprio in quel senso. Poker di arrivi e gran saccheggio dalle professioniste: a Vinovo andranno Federico Brusa, capitano del secondo gruppo della Juventus, Daniele Tamietti, esterno alto sempre dai bianconeri, Oliver Brawand, trequartista ex Torino e Simone Patruno, punta centrale che nel giro di un anno ha fatto parlare tantissimo di sé per le sue capacità realizzative e dopo il salto a gennaio dal Venaria al Lucento è arrivata la chiamata dal Chisola. Giri di conferme, senza (ancora) colpi per il nuovo Asti 2009 targato Rino Vanacore: «Abbiamo fatto l’ultima sgambata con i 2008, l’ho sfruttata per provare un po’ di cose - commenta l’ex Bra - e per cominciare a conoscere i ragazzi. Non ha firmato ancora nessuno ma ne abbiamo provati e valutati parecchi, anche dal Chieri, ma essendo fuori provincia non è mai facile convincerli. In più abbiamo perso due giocatori importantissimi, uno all’Alessandria e l’altro alla Juventus. Stiamo buttando dentro elementi interessanti, devo dire che la qualità c’è, anche se forse manchiamo un po’ di fisicità. Io devo ancora ambientarmi alla categoria avendo fatto sempre e solo Allievi, e diciamo che quello che è successo a Lascaris ha drasticamente ridotto i tempi di lavoro. Ora dobbiamo fare tutto di fretta». Si chiude con il Quincitava di Stefano Cosentino, in dirittura d’arrivo per quanto riguarda l’organico: «Rosa confermata in blocco, crediamo molto in questi ragazzi in un campionato che si prospetta molto difficile, visto che la riduzione delle squadre ha alzato il livello. Stiamo valutando due profili in ruoli mirati, e poi potremo dire chiuso il mercato, a meno di colpi dell’ultimo minuto. Questo è un gruppo solido, allevato in casa e cresciuto nel tempo, abbiamo grande fiducia».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400