Cerca

Giovanili

Gironi Regionali: i probabili raggruppamenti delle 56 squadre

TotoGironi, i pronostici della divisione dei gruppi dall'Under 17 all'Under 14

Luca Santoro, Chisola 2008

Luca Santoro, Chisola 2008

QUESTO ARTICOLO È PREMIUM. PER LEGGERLO DEVI AVERE UN ABBONAMENTO ATTIVO. IN ALTERNATIVA LO TROVI SUL GIORNALE (QUI L'EDICOLA DIGITALE)

A poche ore dalla scadenza delle iscrizioni ai campionati Regionali (termine ultimo 13 luglio) e dal via alle domande di ripescaggio, inizia a delinearsi più chiaramente l’organico per la stagione 2022-23. La domanda che attanaglia tutti è quella riguardante i gironi: come verranno suddivise le 56 squadre? Tema ostico, soprattutto se si considerano le retrocessioni e promozioni che non sempre si incastrano perfettamente, a livello geografico, con l’organico già presente ai Regionali.

Abbiamo provato ad ipotizzare, su base territoriale-geografica e secondo le esperienze delle passate stagioni, come potrebbero essere i gironi di ogni categoria. Per avere la certezza, bisognerà aspettare di sapere chi saranno le ripescate

UNDER 17

under 17

Girone A Per quanto riguarda il girone che coinvolge le squadre più a nord del Piemonte (province di Biella, Vercelli, Vco e Novara, per intenderci) potrebbero esserci delle novità. Innanzitutto, la “new entry” del girone è la Fulgor Ronco Valdengo, che però si sposa perfettamente con la territorialità dell’A. Poi, tornerebbe nel girone A la Pro Eureka, così com’era già nella stagione 2019-20, ultima stagione ad avere quattro gironi Regionali invece che cinque. Ultimo nodo da sciogliere, il Casale. Geograficamente, la naturale collocazione del Casale dovrebbe essere con le astigiane e le alessandrine, ma, per completare il girone, i nerostellati sono i più quotati, non sarebbe la prima volta per loro nel girone A. Per raggiungere le 14 squadre, se non ci saranno tra le ripescate squadre della zona nord, è probabile che le prime ad essere “spostate” saranno le eporediesi, ecco perché l’ipotesi Ivrea nell’A in tabella (anche se ancora molto incerta).

Girone B Nel B dovrebbero esserci poche novità rispetto alla norma. Eporediesi, valdostane e torinesi andrebbero a comporre l’organico del raggruppamento. Così come è sempre stato, da Torino arriverebbero Lascaris, Alpignano e Rosta, poi tutte squadre della zona di Ivrea, comprese Rivarolese e Bruinese, mentre dalla Valle, in questo caso, arriverebbero PDHAE e Charva. A completare l’organico, torinesi come il Bsr, già stato nel girone B. Tra le papabili, poi, potrebbero esserci Lucento e Torinese (Torino nord) così come Spazio Talent Soccer o Vanchiglia ma, anche qui, bisogna aspettare di sapere chi saranno le ripescate.

Girone C Il raggruppamento più facile da ipotizzare è sicuramente quello che comprende i comitati di Cuneo, Pinerolo e Torino sud. Poche novità rispetto alle scorse stagioni, l’ingresso del Busca va a coprire perfettamente il posto mancante nel girone geograficamente, mentre il Morevilla se dovesse riuscire ad iscriversi ai regioni, tornerebbe nel raggruppamento nel quale è sempre stato. Di Torino, oltre il Chisola (ormai veterana ) ci sono Nichelino Hesperia e Moncalieri. Queste ultime sarebbero le prime ad essere spostate in caso di ripescaggio di una cuneese o pinerolese.

Girone D Infine, sicure di finire nello stesso girone, le astigiane e le alessandrine, insieme alle torinesi. Chieri, Cbs e Beiborg trovano nel girone D la loro naturale. Appurato il “problema” Casale (ipotizzato nell’A per questioni logistiche), il dubbio resta sulle torinesi. Come per il C, Spazio Talent Soccer, Vanchiglia e Moderna (se dovesse riuscire ad iscrivere i 2006) sarebbero sicuramente le prime ad essere spostate, con ogni probabilità, nel B. Sono almeno tre i posti disponibili in Under 17 per le ripescate (con una forbice di ancora due posti possibili), in base a quali saranno le squadre inserite, l’organico dei giorni potrebbe variare. C’è comunque margine di manovra per operare i giusti incastri, novità che sarebbero tali soltanto in parte visto che storicamente ci sono precedenti che fanno supporre, a ragione, alcuni probabili spostamenti.

UNDER 16

under 16

Under 16, la categoria tra le quattro Regionali con più posti in assoluto per le ripescate. Quattro posti sicuri più l’incertezza dell’Academy Canale che, se non dovesse riuscire ad iscrivere i 2007, porterebbe i posti liberi a cinque.

Il più “critico”, anche in questa categoria, è il Girone A. Romagnano e Oleggio vanno ad inserirsi nell’organico da promosse dai provinciali aggiungendosi alle “storiche” componenti dell’A. Come per l’Under 17, il Casale è la prima ad essere spostata insieme alla Pro Eureka che torna nel “suo” girone, così com’era prima dell’introduzione dei cinque gironi e il passaggio alle 72 squadre. Restano in forse le eporediesi. Per completare l’organico, potrebbe essere inserita nel raggruppamento anche la Strambinese oltre all’ipotesi Ivrea.

Incertezze anche nel Girone B che, oltre alle storiche protagoniste, potrebbe vedere l’inserimento di alcune torinesi come il Pozzomaina e il Mercadante. Queste ultime però sarebbero anche le prime a saltare se si dovessero aggiungere squadre geograficamente più comode. Ci sono poi due grandi incognite che potrebbero straordinariamente andare a completare il girone A. In primo luogo il Volpiano-Pianese. Storicamente solida componente del girone B, sarebbe però anche la prima a doversi spostare se non si riuscisse ad arrivare a 14 tramite le ripescate. A seguirla a ruota potrebbe essere il Venaria che, pur essendo di Torino, tra le partecipanti al B è sicuramente quella più a nord e quindi la più papabile per lo spostamento (chiaramente dopo le eporediesi e il Volpiano-Pianese).

Più facile da pronosticare il puzzle del Girone C che comprende, come sempre, cuneesi, pinerolesi e torinesi del sud. Pochi i dubbi. In primis, l’Academy Canale che, se dovesse partecipare al Regionale, potrebbe essere una delle prime ad essere spostate, in questo caso verso il girone D con le astigiane. Particolare anche la presenza del Beiborg nel girone delle cuneesi. Strano, ma non così tanto se si considera che tra le partecipanti del girone D, l’unica che potrebbe andare a rimpolpare il C sarebbe proprio il Beiborg. Per le altre 11 non sembrano esserci altre destinazioni se non questa, naturale collocazione secondo il criterio geografico.

Pieno di pretendenti in questa categoria è invece il Girone D. Tra le promosse dai provinciali, Turricola, Canelli 1022 e Fortitudo trovano la loro posizione naturale nel D, insieme a torinesi come la Sisport. Aumenta il volume dell’organico di questo raggruppamento, infatti, se due alessandrine sono retrocesse (Arquatese e Castellazzo), a salire sono state in tre, occupando un posto in più rispetto alla scorsa stagione e “togliendolo” ad una delle torinesi. Ad esempio, nella scorsa stagione, aveva fatto parte del girone il Pozzomaina, situazione che non è affatto sicuro si possa riproporre. Chieri e Cbs sono ormai storiche protagoniste del girone, qualche dubbio invece per le altre. Infatti, è in forse la collocazione di Vanchiglia, Lucento Cit e Cenisia esattamente come per il Mercadante e il Pozzomaina nel B. Torinesi che, in base alle esigenze, possono essere incastrate o spostate tra il girone B e il girone D. Tra le grandi assenze potrebbe esserci il Casale, tra le principali candidate per occupare un posto nell’A. Non manca molto perché i novi vengano sciolti, infatti dopo la scadenza delle iscrizioni regionali (13 luglio) partiranno le domande di ripescaggio. A quel punto, in base a chi saranno le ripescate, il puzzel dei gironi regionali potrà essere completato in via definitiva.

UNDER 15

under 15

Certezze e novità. La composizione dei gironi in Under 15 vede tante riconferme e qualche new entry che sposta un po’ gli incastri nei raggruppamenti. La riduzione del numero di squadre da 72 a 56 provoca la naturale conseguenza di dover incastrare su base territoriale le partecipanti, con il rischio, per qualcuno, di dover percorrere qualche chilometro in più rispetto alla scorsa stagione.

Nel Girone A ci sono ben quattro novità rispetto alla stagione 2021-22. Bulè Bellinzago, Romagnano e Diavoletti (con entrambe le categorie del biennio Giovanissimi) sono state promosse dai provinciali, mentre torna nei regionali anche il Gozzano. Il Romagnano, però, non ha la certezza di iscrivere il gruppo 2008, diversamente dai 2007 che invece faranno per certo l’Under 15. Quattro ingressi che comunque vanno a sistemarsi perfettamente nella geografia del girone A. Come per le altre categorie torna la Pro Eureka e l’ipotesi più accreditata per completare l’organico è quella di inserire una eporediese, probabilmente l’Ivrea. Poche pedine, comunque, per definire il raggruppamento con certezza.

Novità anche nel Girone B. Tra le valdostane fa il suo ingresso il Grand Paradis, tra le eporediesi il Vallorco. Le certezze ci sono: dal Lascaris al Ciriè, ma ci sono anche alcune squadre in bilico. Venaria e Virtus (anch’essa con sede a Venaria) potrebbero essere spostate nell’A se si verificasse l’ipotesi di non riuscire a raggiungere le 14 squadre, anche se, rispetto all’Under16 è un’ipotesi più remota. Doppia opzione anche per il “jolly” Orbassano che potrebbe anche andare a rimpolpare il girone C insieme a Pinerolo e Cuneo. Tra le squadre della cintura sud di Torino sicuramente la più lanciata verso il girone C. Diverso il discorso del Mercadante che (così come il Lucento) potrebbe essere inserita sia nel B che nel D. Almeno uno slot ancora libero che potrebbe essere occupato dalle ripescate o dal “ritorno” dell’Ivrea se invece le ripescate dovessero essere nell’A.

New entry anche nel Girone C e nei regionali in generale. Si aggiungono Alba, Salice e Villafranca. Quest’ultima, pur non essendo in provincia di Cuneo, si trova al confine. A completare l’organico potrebbero aggiungersi anche il Beiborg (in bilico tra il C e il D) e la Bruinese, anche se è un’ipotesi meno probabile. Per le altre componenti del raggruppamento ci sono meno riserve da sciogliere.

Più complessa la situazione del Girone D. Ciò che è certo è la presenza, oltre che delle alessandrine e delle astigiane, del Chieri, della Cbs e della Sisport da Torino. Per le altre torinesi, come per le altre categorie, è sempre in bilico anche l’opzione girone B. Tutto dipenderà da quali saranno le ripescate. La più a rischio è il Lucento che potrebbe migrare verso nord, la situazione dei rossoblù è la stessa in cui si trova il Mercadante. In forse le altre torinesi: Cenisia, Bacigalupo e Pertusa. Se per le prime tre l’alternativa è il B, anche se più remota rispetto al Lucento, il Pertusa potrebbe anche andare a far visita a Cuneo e Pinerolo per una situazione assimilabile geograficamente a quella del Nichelino Hesperia (sempre inserito nel girone “sud” con le sue categorie regionali). Come detto, molto dipenderà da quali saranno le ripescate ma i posti disponibili sono solo due, tre al massimo se si considera il dubbio del Romagnano. Non molte alternative, quindi, rispetto a quelle mostrate in tabella. È da capire solo chi delle torinesi verrà inserita negli altri gironi visto che è molto improbabile che vengano rimescolate tutte le carte spostandone più di tre.

UNDER 14

under 14

Se nelle altre categorie, tra ripescaggi e possibili incastri, ipotizzare i quattro gironi non è facile, in Under 14 le cose sembrano essere quasi già scritte. Innanzitutto, bisogna considerare che c’è un solo slot libero lasciato dal Vigone. Tutte le altre aventi diritto ai Regionali hanno anche tutti i requisiti per farli e la squadra pronta per partecipare.

La situazione sembra pronosticabile, soprattutto perché il Girone A è quasi al completo. In forse il collocamento di Gassino e Pro Eureka anche se il dubbio è minimo. Com’era nella stagione 2019-20 i blucerchiati e i rossoblù tornerebbero insieme alle novaresi, vercellesi, biellesi e ossolane, essendo le più a nord tra le torinesi. L’unico dubbio riguarda, anche qui, il Casale. Se per Under 17 e Under 16 è molto probabile che i nerostellati finiranno nell’A, per i 2009 la possibilità di essere inseriti nel D è molto più alta, anche se, tuttavia, non certa. Il Casale, comunque, non è nuovo alle trasferte del girone A. Nella stagione 2019-20, infatti, il “giorne del nord” era molto simile a quello pronosticato in tabella. Un girone ricco e pieno grazie alla promozione di molti volti nuovi e molti ritorni. Come per l’under 14, fanno il loro ingresso regionale assoluto i Diavoletti di Vercelli; due ingressi da Novara, ovvero il Bulè Bellinzago e il Gozzano. Entrambe tornano sulla scena regionale con tutte e due le categorie Giovanissimi. Infine, dalla provincia del Verbano-Cusio-Ossola entra l’Omegna.

Apparentemente nessun dubbio nel Girone B. Se per le altre categorie era necessario “pescare” qualcuno dal girone B per completare l’A, in Under 14 le eporediesi e le valdostane (in questo caso solo lo Charvensod viene dalla Valle) possono stare tranquille, così come, a maggior ragione, il Venaria. Oltre alla Valle d’Aosta e ad Ivrea anche Caselle, Venaria, Pianezza, Borgaro e Collegno. Pochi dubbi anche per quanto riguarda il

Girone C, ma questa non è una novità rispetto alle altre categorie. In forse resta (pro forma) solo il Nichelino Hesperia, ma con poche possibilità di essere inserito in un altro girone. Se dovesse essere ripescata una squadra che fa riferimento ai comitati di Pinerolo o Cuneo, infatti, la prima a saltare sarebbe il Bsr Grugliasco che potrebbe tranquillamente andare ad occupare il posto vacante nella tabella del girone B. Geograficamente, infatti, Grugliasco è assimilabile a Collegno e Alpignano, zone che possiamo dare praticamente per certe nel B. Nichelino invece, così come Vinovo (e quindi il Chisola) sono le prime ad essere sempre aggregate con le squadre del sud della regione.

Il Girone D vede alcune novità come Don Bosco Alessandria e PSG che trovano proprio nel D la naturale collocazione. I dubbi sono sempre alcune torinesi, le più facili ad essere rimescolate ed adattate al B. Incerta infatti la posizione del Pozzomaina che potrebbe tranquillamente spostarsi; meno possibilità invece per Mirafiori, Lucento e Vanchiglia. Sicure invece, come per le altre categorie, Chieri (e San Giacomo Chieri), Sisport e Cbs. Resta da capire chi sarà la ripescata, la cinquantaquattresima regionale Under 14, per capire chi sarà a doversi spostare. Se dovesse andare ad occupare un post nell’A, facilmente il Casale si sposterebbe nel D e il Pozzomaina nel B. Se dovesse essere nel girone B, le altre, presumibilmente, resterebbero come in tabella. Se la ripescata fosse nel C, il Bsr andrebbe nel B e se invece fosse del D a spostarsi sarebbe sempre il Pozzomaina. Insomma, varie alternative, tutte possibili e tutte probabili, seguendo una logica che è per metà storica e per metà geografica.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400