Cerca

Lnd ai margini, Cosimo Sibilia deve dimettersi

Cosimo Sibilia

Cosimo Sibilia

Ha vinto Giovanni Malagò. Ma dovrà dimostrare di essere degno di tale vittoria dopo anni di parole. Ha vinto Carlo Tavecchio. Ringraziato sentitamente da tutte le componenti nell’attimo dell’addio, ma prima cacciato da un sistema che non ha saputo trovare un successore. E certamente ha perso una persona sopra a tutti, Cosimo Sibilia. Che per il male causato ai Dilettanti, dovrebbe dimettersi ora dalla presidenza della LND. La parabola del dirigente irpino è nei fatti delle convulse settimane post Italia-Svezia. Partiamo dalle dimissioni di Tavecchio: Gravina fu il primo a ritirare l’appoggio, ma la Lnd aveva una maggioranza potente nel Consiglio Federale, tanto da poter confermare il ragioniere comasco sulla poltrona. Il passo non è stata una scelta dell’Assemblea Lnd, ma una semplice “chinata” di capo ad un volere espresso chiaramente dal presidente. Politica, sì, che è però mancata sul più bello.

IL SERVIZIO COMPLETO SUL NUMERO IN EDICOLA LUNEDI'.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400