Cerca

In Edicola

Giovanili: La storia del 2007 Roberto Aiuto, e di come ha ritrovato la passione dopo essere stato cercato, e accantonato, da una società d'élite

La macchina da gol dello Zibido 2005 e il cannoniere del CG Bresso Under 16 Luigi Pastoressa; l'avventura di Marco Fagnani, a 17 anni già titolare in Prima Categoria; la riscossa del Legnarello di Fabio Gambazza, lì a giocarsi il campionato dopo un avvio stentato

Luigi Pastoressa

Luigi Pastoressa, bomber del CG Bresso Under 16

Storie di campo e vicende umane dal panorama provinciale della Lombardia nel primo numero di Sprint e Sport del 2022, disponibile in edicola e in edizione digitale da lunedì 10 gennaio.

Da fronte Milanese analizziamo con il tecnico Graziano Bruzzese il rendimento eccezionale del suo Zibido Under 17, formazione votata all'attacco che sta dominando il suo campionato per qualità di gioco e volume di risultati. Spazio anche al centravanti del CG Bresso Under 16, Luigi Pastoressa, che racconta i suoi quattordici gol già messi a segno in maglia neroverde e la sua smania di tornare in campo al più presto.

A Monza c'è la storia di Marco Fagnani, talento classe 2005 in forza al Cassina che, dopo essere stato vicino all'idea di abbandonare il calcio, ha ritrovato la passione e gli stimoli nella società che lo aveva cresciuto e lanciato. Talmente tanta passione da fargli bruciare le tappe e portarlo già nella prima squadra rossoverde, di cui a diciassette anni è già una pedina fondamentale.

Nella pagina della Delegazione di Legnano l'analisi della stagione in crescendo del Legnarello Under 17 di Fabio Gambazza, capace di rialzarsi dopo un avvio di campionato un po' incerto, ingranando una marcia di vittoria che lo ha portato a chiudere il girone d'andata con una vittoria sulla prima in classifica che ha riaperto tutti i giochi. Inoltre, una particolare statistica che mette in evidenza quali sono le società che hanno totalizzato più punti giocando "di squadra". 

Infine Varese, da dove arriva una vicenda delicata e importante, come sempre, del resto, quando si tratta si settore giovanile. il 2007 Roberto Aiuto era stato scelto in estate per giocare il campionato Under 15 élite in seno a un'importante società della zona. Lasciato il club di appartenenza, Roberto si è buttato con passione nella nuova avventura salvo poi essere messo presto ai margini proprio da chi lo aveva cercato così tanto. Papà Pietro ci ha riflettuto in questi mesi, e ora ha deciso di raccontarci la sua storia.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400