Cerca

Under 19 Regionali

A febbraio le dimissioni, ora la nuova sfida: «Felice di tornare qui e ritrovare Volpi»

Sull'inizio posticipato del campionato: «Sono contento, i ragazzi non possono pensare solo al calcio»

Leo Universal Solaro

UNDER 19 REGIONALE UNIVERSAL SOLARO: Antonio Leo, nuovo tecnico dell'Universal Solaro Under 19

L’esperto tecnico Antonio Leo, dopo l’avventura con l’Aurora CMC, finita il febbraio scorso con il pareggio contro il Corbetta di Umberto Pagani, ha deciso di ripartire dall’Universal Solaro; si tratta in questo caso di un ritorno per l'allenatore: «Conosco bene l’ambiente e soprattutto il Direttore Sportivo Luca Volpi, ci siamo conosciuti ai tempi della Caronnese: io facevo il DS e lui era tecnico dell’Under 19. Poi abbiamo fatto insieme una stagione in Prima Categoria e una qui a Solaro in Promozione, ora ci siamo ritrovati».

SI CHIUDE UNA PORTA, SI APRE UN PORTONE

Sulla precedente esperienza con l’Aurora il giudizio del tecnico rimane comunque positivo nonostante le dimissioni date alla prima gara del ritorno: «Quando due società si fondono o separano direi che è normale ci siano dei malcontenti, ognuno pensa ai propri ragazzi. Io alla fine avevo da gestire un gruppo di 30 ragazzi, non è stato per niente facile tenerli uniti e riuscire a farli allenare tutti allo stesso livello. Parlando per esempio delle partitelle: comunque si devono fare 11 contro 11, e non pochi ragazzi andavano tenuti fuori». L’esperienza fatta ha portato l’allenatore giallorosso a ridurre leggermente gli effettivi: «Quest’anno penso che avrò un gruppo di 22 o massimo 24 ragazzi, più qualcuno che scenderà ogni tanto dalla Prima».

UN PROGETTO CHE CONTINUA

La rosa proviene praticamente tutta dal Settore Giovanile giallorosso, nello specifico per quanto riguarda i 2005, Leo potrà beneficiare del gran lavoro fatto da Puleo lo scorso anno in Élite: «Avremo una rosa abbastanza giovane e daremo continuità allo scorso anno unendo i ragazzi del 2005 a qualche 2004 e 2003, per la grande maggioranza sono tutti ragazzi che erano già in società». Per quanto riguarda gli obiettivi della squadra, se ne parlerà più avanti: «Prima di capire dove possiamo arrivare voglio vedere i ragazzi in preparazione, innanzitutto vedere come digeriscono il lavoro, e poi ci sono comunque tre gruppi distinti da far amalgamare. Per ora li ho visti solo durante qualche amichevole quindi è presto per sapere dove possiamo arrivare». La preparazione giallorossa inizierà il 20 agosto, ma a soddisfare il tecnico maggiormente è la decisione di spostare l’inizio del campionato: «Sono contento di iniziare alla seconda settimana di settembre. I ragazzi non possono pensare solo al calcio, hanno diritto di fare le vacanze anche perché non sono professionisti. Inoltre essendo giovani spesso vanno ancora in vacanza con le famiglie, che sarebbero state costrette a tornare prima, invece così possiamo iniziare il 20. In quei giorni magari non saremo tutti, ma la maggior parte. Di certo iniziare troppo presto il campionato ti porta a poter lavorare male, anche perché se mancano molti giocatori alcuni ragazzi rischiano di rimanere indietro».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400