Cerca

Mal di schiena: i fatti che tutti dovrebbero conoscere

Isokinetic: lombalgia, cosa sapere

Isokinetic: lombalgia, cosa sapere

La lombalgia si risolve sotto guida medica, con consapevolezza, positività, valide strategie di comportamento e molto esercizio fisico. Il mal di schiena è una condizione che colpisce la maggior parte delle persone almeno una volta nel corso della loro vita. È ormai provato che l’adesione a opinioni comuni sulla lombalgia prive di fondamento scientifico sia associata a maggiori livelli di dolore, limitazione nelle attività della vita quotidiana, assenza dal lavoro e uso di farmaci (1). [caption id="attachment_235336" align="aligncenter" width="900"] Isokinetic: lombalgia, cosa sapere Isokinetic: lombalgia, cosa sapere[/caption] Dopo aver escluso altre patologie e confermato la diagnosi di lombalgia, il processo terapeutico ha inizio dentro lo studio del medico specialista con la condivisione di alcune semplici strategie per gestire al meglio questo problema. Un importante editoriale pubblicato nel 2019 sul British Journal of Sports Medicine riassume alcune importanti “verità” basate sulla ricerca scientifica dei più importanti gruppi di studiosi della lombalgia nel corso degli ultimi anni (2). [caption id="attachment_235337" align="aligncenter" width="900"] Isokinetic: lombalgia, cosa sapere Isokinetic: lombalgia, cosa sapere[/caption] Ecco una sintesi dei fatti più importanti da conoscere: 1. La lombalgia persistente è dolorosa e limitante, ma non è una patologia grave né pericolosa. La guida medica è decisiva per un corretto processo diagnostico e terapeutico. 2. L’invecchiamento non è una causa di mal di schiena. I trattamenti per il mal di schiena basati su evidenze scientifiche possono funzionare a ogni età. 3. La lombalgia persistente è raramente associata a un reale danno di qualche struttura anatomica. Molto spesso il mal di schiena inizia senza eventi traumatici e durante i movimenti della vita quotidiana. Alcuni fattori scatenanti possono essere stress, fatica, inattività, attività insolite. 4. Le indagini radiologiche (radiografia, risonanza magnetica…) mostrano la causa della lombalgia solo in una limitata quota di casi. Questi esami possono essere richiesti dal medico per rispondere a una sua precisa ipotesi diagnostica. Tuttavia, i referti riportano molte informazioni che spesso non sono collegate con la lombalgia del paziente, dunque vanno interpretati e condivisi durante la visita medica. 5. Anche in presenza di dolore, l’esercizio guidato e la ripresa graduale del movimento sono attività sicure e salutari per la schiena. Nella lombalgia il dolore percepito durante il movimento dipende da quanto sono sensibilizzate le strutture coinvolte, non da un loro danno. Quando si riprende il movimento e l’esercizio è normale sentire un certo grado di dolore che in genere si riduce con l’incremento graduale dell’attività motoria. 6. Le riacutizzazioni dolorose sono possibili e vanno gestite senza timore. È molto più frequente che esse siano innescate da ridotta qualità del sonno, stress, inattività, attività insolite che non da un danno strutturale. Il medico e il rieducatore guidano il paziente nella prevenzione di questi episodi e, se avvengono, ne stimolano una gestione equilibrata. 7. La chiave per vincere: strategie a basso rischio per controllare il dolore e tornare a muoversi. [caption id="attachment_235338" align="aligncenter" width="900"] Isokinetic: lombalgia, cosa sapere Isokinetic: lombalgia, cosa sapere[/caption] Il mal di schiena si vince con consapevolezza, esercizio fisico, partecipazione sociale, una corretta igiene del sonno e valide abitudini alimentari. L’adozione di una “cultura del movimento” supportata dalla conoscenza di alcune semplici evidenze scientifiche sulla lombalgia e un atteggiamento mentale positivo da parte del paziente sono associati a minori livelli di dolore e di disabilità e a una maggiore autonomia (4). In Isokinetic il percorso riabilitativo per la lombalgia è gestito sotto guida medica e si svolge attraverso i 4 ambienti della riabilitazione (Piscina, Palestra, Green Room e Campo), con l’integrazione dei trattamenti chiropratici. Il paziente acquisirà progressivamente mobilità, forza e controllo neuromuscolare che, uniti a una nuova consapevolezza delle proprie capacità di movimento, condurranno verso il massimo recupero funzionale possibile e verso la prevenzione di nuovi episodi di lombalgia.

Dr. Marco Gastaldo Medico Chirurgo Specialista in Medicina Fisica e Riabilitativa Isokinetic Medical Group – Isokinetic Torino

Riferimenti 1. Main CJ et al, Best Pract Res Clin Rheumatol, 2010 2. O’Sullivan PB et al, BJSM, 2019 3. Brinjikji W et al, AJNR, 2015 4. Beales D et al, Phys Ter, 2015 [caption id="attachment_235339" align="aligncenter" width="900"] Isokinetic: lombalgia, cosa sapere Isokinetic: lombalgia, cosa sapere[/caption]  
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400