Cerca

Il Villapizzone ricorda Roberto Danelli, colonna portante e figura storica della società gialloviola

Roberto Danelli Villapizzone
Nonostante in molti definiscano il calcio "solo" uno sport, è molto più facile di quanto non si creda scoprire l'esistenza di vere e proprie icone che hanno dedicato a questo gioco praticamente gran parte della sua vita, dando il massimo non solo come figura sportiva ma proprio come uomini e donne. Una di queste figure è stata certamente Roberto Danelli, storica colonna portante ed ex-direttore sportivo del Villapizzone, recentemente scomparso a causa di una malattia. Danelli, uomo estremamente benvoluto dall'ambiente calcistico meneghino, ha vissuto una grossissima parte della storia della società gialloviola, come ha raccontato un altro volto rappresentativo del Villapizzone, Bice Passera: «Io non sono da sempre in società, sono arrivata circa diciotto anni fa, ma lui era già qui e c'è sempre stato. Era un grand'uomo, appassionato. Quando era tutto regolare, arrivava qui alle 14:30 e assisteva a tutti quanti gli allenamenti. Nel week-end, poi, seguiva tutte quante le partite, sistemandosi nell'area tecnica per i più piccoli e stando seduto vicino al bar per il settore agonistico. Era sempre educato e puntuale, supportava i ragazzi, senza mai demoralizzarli, anzi. Incitava sempre tutto e i commenti che faceva a fine gara erano tutti a fin di bene, e tutti quanti se ne accorgevano». L'interesse di Roberto Danelli, però, andava oltre la semplice pratica sportiva, e si manifestava nella vicinanza ai ragazzi, i veri protagonisti: «I ragazzi gli volevano bene. Lui li seguiva e conosceva tutti quanti, era un vero e proprio punto di riferimento. Incredibilmente, poi, aveva un'ottima memoria e si ricordava anche di quei ragazzi del passati, diventati uomini e anche papà che magari portano qui in società i loro figli. Il suo impegno e il suo amore per tutto l'ambiente non è mai venuto meno». Proprio la memoria era una delle caratteristiche più rappresentative, assieme alla sua simpatica parlata in milanese, del signor Danelli: «Conosceva praticamente tutta la nostra storia: ricordava risultati, partite, episodi, tutto quanto. Inoltre, è stato anche parte di quella stessa storia, perché nella stagione 1982/1983 portò i nostri Allievi alla vittoria del titolo di campioni di Milano». [caption id="attachment_273058" align="aligncenter" width="960"] Villapizzone 1982:1983 Allievi Danelli Gli Allievi campioni milanesi della stagione 1982/1983[/caption] Ma il tratto che sicuramente più caratterizzava Roberto Danelli era certamente la passione. È abbastanza comune vedere persone che si impegnano nel mondo del calcio giovanile perché magari invogliati dal coinvolgimento di uno dei loro figli nel settore. Per Danelli, invece, si trattava di "pura e semplice" passione: «Tutto quello che faceva, lo faceva per amore. Gli piaceva impegnarsi per i ragazzi, li accompagnava anche alle convocazioni in Rappresentativa». Tutto questo amore per il calcio è poi da affiancare all'amore per il Villapizzone, visto che lo storico ds ha sempre giurato fedeltà ai colori gialloviola, rifiutando diverse proposte arrivate da altre società. Nell'ultimo periodo, purtroppo segnato dalla malattia, Danelli non ha fatto certo mancare la sua presenza: «Si faceva sempre sentire e si interessava alle attività. In questo periodo di stop dovuto al COVID diceva che gli mancava proprio assistere alle partite come era solito fare». Bice Passera ha concluso il suo ricordo del signor Danelli ricordandolo con affetto: «Il pensiero di molti è che lui fosse una vera e propria figura paterna. Alcuni componenti della Prima Squadra, che hanno fatto in società tutto il percorso calcistico delle giovanili, sono rimasti molto colpiti dalla notizia della sua scomparsa. Qui gli volevamo tutti molto bene. E quando dico tutti, vuol dire veramente tutti». [caption id="attachment_273056" align="aligncenter" width="900"] Roberto Danelli in compagnia di Osvaldo Bagnoli[/caption] A conferma di tutto questo, c'è anche il ricordo di Nando Candiani, che in passato ha arbitrato diverse partite sui campi del Villapizzone e sovente si fermava a commentare le gare con Danelli: «Gli ero affezionato. Lo conoscevo da quando il Villapizzone giocava nella famosa "buca". Per noi che allora iniziavamo era come un papà». Ovviamente, non poteva mancare anche il ricordo dell'attuale presidente della società di via Perin del Vaga, Ennio Belvedere, che ha detto: «Oggi è un giorno tristissimo per me come uomo oltre che come presidente del Villapizzone. Abbiamo perso un uomo e un amico. Una persona splendida che ha consegnato nelle nostre mani quella società che in tanti anni e con grande amore e dedizione ha contribuito a costruire. Con grande coraggio e determinazione ha affrontato la malattia e neppure per un istante ha smesso di pensare al Villapizzone e di chiedere notizie. In questi ultimi mesi è stato anche per me presidente un sostegno con tanti incoraggiamenti e discorsi che rimarranno impressi nel mio cuore. Una delle sue ultime frasi dette ad alcuni di noi è stata "Ricordatevi di me". E come potremmo dimenticare il nostro caro Danelli, sempre presente a ogni partita anche quando ormai non allenava più e non era più direttore sportivo, dai più piccoli ai più grandi. Mai una parola o un commento fuori posto. Ci mancherà immensamente. E noi porteremo avanti il suo grande impegno». Gli apprezzamenti però arrivano anche da fuori l'ambiente gialloviola, basti pensare alle parole che l' Aldini ha voluto dedicare a Roberto Danelli sui propri profili social: [caption id="attachment_273044" align="aligncenter" width="486"] Il post dell'Aldini per ricordare l'icona gialloviola[/caption] Il Villapizzone, infine, ha riproposto sui social una clip dedicata proprio a Roberto Danelli, visionabile cliccando qui. [caption id="attachment_273055" align="aligncenter" width="468"] Danelli Sprint&Sport Roberto Danelli e la copia del giornale di Sprint&Sport con lo speciale dedicato alla storia del Villapizzone[/caption] La redazione di Sprint&Sport fa le sue più sentite condoglianze alla famiglia degli signor Danelli e a tutto l'ambiente del Villapizzone.  
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400