Cerca

Mercato Giovanili

Frog Milano: designati gli allenatori per la prossima stagione, confermato Giacinto Candito con i 2008, novità Nicolò Spada

Gli altri nomi per quanto riguarda l'agonistica sono quelli di Cosimo Ficcadenti e Stefano Meola. «Ottimi gruppi, ma ci sarà da lavorare per recupere l'identità», ha detto il responsabile Stefano Libraro

Allenamenti Frog Milano

Tra Regionali e Provinciali, la Frog Milano è si sta preparando alla stagione calcistica 2021/2022

«La prossima stagione abbiamo squadre in diverse categorie, ma con tutte quante puntiamo a fare bene, perché crediamo di avere degli ottimi gruppi». Ha esordito con queste parole il responsabile del settore giovanile della Frog Milano, Raffaele Libraro, per parlare di quelle che saranno le ambizioni della stagione calcistica 2021/2022. Il dirigente ha poi proseguito: «Nelle categorie regionali l'obiettivo sarà quello di conquistare una salvezza tranquilla, mentre con i gruppi provinciali cercheremo di ottenere il miglior piazzamento possibile». Libraro ha avuto anche modo di parlare di quelle che saranno le difficoltà di questa stagione: «Non sarà un anno facile, perché questi ragazzi sono fermi da due anni e per molti di loro si tratta di un salto non indifferente. C'è magari chi ha perso la possibilità di fare esperienza nel mondo dei Giovanissimi e si ritrova catapultato negli Allievi. O chi quest'ultima categoria non ha avuto modo di disputarla e ora deve confrontarsi con i compagni di squadra più maturi della Juniores. Insomma, ci sarà da lavorare, ma siamo pronti a farlo».

Per quanto riguarda le scelte dei tecnici che seguiranno le squadre del settore giovanile, la società ha già fatto tutte le proprie scelte: Giacinto Candito sarà alla guida dei 2008 per l'Under 14; l'Under 15 vedrà in panchina Cosimo Ficcadenti, in arrivo dal Basiglio; infine, l'Under 17 sarà guidata da Stefano Meola. Il responsabile del settore giovanile, come detto, sarà Raffaele Libraro, che ha anche spiegato la posizione della Frog sull'Under 18: «Come società abbiamo deciso di non aderire, perché la nuova categoria non ci convince, in primis partendo dal fatto che si tratta di un campionato ibrido che, qualora dovesse prender piede, vedrà confrontarsi squadre di livello regionale e provinciale. Questo format non ci ha impressionato, quindi abbiamo deciso di aggregare i nostri 2004 alla Juniores». 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400